Cover picture © credits to iStock/WeiseMaxHelloween
Cover picture © credits to iStock/WeiseMaxHelloween

Alcune curiosità sul fiume Dniester

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Il fiume Dniester è uno dei fiumi più lunghi e più grandi della Moldova. La sua lunghezza è di 1362 chilometri, e il punto più profondo scende fino a sei metri. Ci sono un sacco di attività interessanti intorno ad esso - pesca, prendere il sole, escursioni, esplorare i monumenti, ecc. Tuttavia, anche se la gente ha sentito parlare molto del fiume Dniester, ci sono ancora fatti curiosi e talvolta sorprendenti al riguardo.

Picture © credits to iStock/Lastovetskiy
Picture © credits to iStock/Lastovetskiy

Il cuore del fiume Dniester

Ci sono molti bei posti in Moldavia in modo che ogni singolo giorno si può trascorrere in un luogo diverso. Il Dniester è l'abbinamento perfetto per tali desideri. Così, i villaggi che si trovano lungo le rive del fiume potrebbero essere molto interessanti da visitare perché sono per lo più inesplorati, selvaggi e nascondono un sacco di reperti curiosi. Uno dei villaggi che corrisponde a tale descrizione è Naslavcea, situato nel distretto di Ocnita in Moldavia, sulla riva destra del fiume Dniester, essendo il punto più settentrionale del paese. Da una delle colline più alte, si può vedere il luogo di interesse più romantico di quel quartiere - un'isola a forma di cuore tra le due sponde del Dniester. Dicono che questo è il cuore del fiume Dniester stesso.

Picture © Credits to Wikipedia/Alex Prodan
Picture © Credits to Wikipedia/Alex Prodan

Come chiamavano il nostro fiume Gerodotus e gli altri?

Il Dniester aveva molti soprannomi, proprio come facciamo tutti nei moderni social media. Potreste chiedervi: che tipo di soprannomi? Beh, vi parlerò dei vecchi e curiosi nomi del fiume Dniester. Ai tempi di Erodoto, nei primi secoli a.C., i greci chiamavano il fiume Dniester River - Tiras. Gli antichi tedeschi chiamavano il fiume - Agalingus, i turchi - Turloy, ma gli italiani lo chiamavano - Genestrom. Una tale varietà di nomi deriva dall'etimologia del nome del fiume Dniester. Nella lingua sciciano-sahariana, la prima parte "danu" significava "l'acqua" o "il fondo". La seconda parte, infine, significava "il confine", cioè il confine dell'acqua. Sembra logico, vero?

Il fiume scomparirà?

Il fiume Dniester è un posto bellissimo per trascorrere il tempo libero fuori città e godersi la natura. Tuttavia, è ferita da problemi ecologici. Non tutti possono davvero vedere o notare che una volta che potrebbe davvero scomparire. Le centrali idroelettriche che il paese intende costruirvi può influenzare negativamente l'ecosistema del Dniester, insieme al suo stato ecologico. Ci sono stati molti scioperi, anche se il processo potrebbe essere irreversibile. Questo è un motivo in più per visitare presto questo posto fantastico. Nel prossimo futuro, potrebbe smettere di esistere.....

Picture © credits to iStock/Serghei Starus
Picture © credits to iStock/Serghei Starus

La Moldavia è un posto davvero fantastico da visitare, soprattutto nella stagione calda, insieme ai suoi monumenti idrologici come il fiume Dniester. Qui, avete appreso alcuni fatti curiosi del fiume Dniester, che i primi arrivati non si accorgono quando lo vedono. Spero che non esiterai e che ti affretterai a scoprire di più sul fiume Dniester e sul nostro paese in generale.

Naslavcea village
Naslavcea village

Lo scrittore

Vladlena Martus

Vladlena Martus

Mi chiamo Vladlena e sono originario della Moldova. Attualmente ho sede a San Pietroburgo, dove studio giornalismo. Amo scrivere, viaggiare e scattare foto, cercando di godermi la vita il più possibile!

Altre storie di viaggio