Una storia d'amore nascosta tra i cipressi dell'isola di Sveti Djordje

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Più di 200 mila anni fa, quando Napoleone Bonaparte occupò Kotor Bay, un giovane ufficiale dalmata si innamorò di una bella ragazza di Perast e da allora il loro amore ha preso non solo il loro cuore, ma il cuore di tutti coloro che ascoltano la loro storia d'amore. Oggi la loro storia d'amore è nascosta tra i cipressi dell'isola di Sveti Djordje.

La storia d'amore di Ante Slović e Katica Kalfić risale al 1813, quando i soldati francesi erano in giro per Perast. Ante faceva parte di una delle loro unità di artiglieria, sull'isola di Sveti Djordje. Katica e Ante si notarono per le strade di Perast e si innamorarono a prima vista. Stavano sognando di vivere insieme e stavano pianificando il loro matrimonio non appena la guerra è finita. Purtroppo, il loro destino è stato tutt'altro che felice, anche se in qualche modo sono rimasti sempre insieme.

Un giorno, i cittadini di Perast si ribellarono contro l'esercito francese. In reazione alla disobbedienza, il comandante francese ordinò lo scambio di fuoco d'artiglieria dall'isola di Sveti Djordje a Perast. Ufficiale francese Ante ha ottenuto un ordine di sparare il primo colpo di cannone. E' bastato che i perastani alzassero una bandiera bianca, segno di un cessate il fuoco.

Felice che la guerra fosse durata solo per un breve periodo e si fosse conclusa senza conseguenze, Ante non vedeva l'ora di vedere il suo tesoro. Quando si avvicinò alla casa di Katica, notò qualcosa di strano. Non era lì ad aspettarlo nel suo cortile, le persiane alle finestre erano chiuse e un silenzio raccapricciante circondava la casa. Il cuore del giovane tremava. Entrò in casa. La sua Katica giaceva sul letto morta, uccisa da un colpo di cannone.

Il giorno dopo la processione funebre è partita da Perast e le barche sono proseguite verso l'isola di Sveti Djorjde, dove è stata sepolta Katica. Lo stesso giorno Ante decise di togliere per sempre la sua divisa, di restare sull'isola con Katica e di diventare l'eterna custode della sua tomba. Era l'unico cittadino vivente della Sveti Djordje - l'isola dei morti. Invecchiava, ma il suo amore per Katica era altrettanto forte.

Sulla sua tomba, c'erano sempre fiori e una candela che si accendeva ogni notte, indipendentemente dalla stagione o dal tempo. Ante mantenne l'intero cimitero, si prese cura degli alberi e piantò nuovi cipressi sull'isola.

Una notte, i perastani non notarono alcuna luce di candela sull'isola. Era la prima notte dalla morte di Katica che la sua tomba non era illuminata dalla luce. La gente ha raggiunto l'isola la mattina. Trovarono Ante morto accanto alla tomba di Katica. In mano aveva un foglio di carta con scritto il suo ultimo desiderio: "seppellitemi qui, permettetemi finalmente di stare insieme a Katica!

Da allora, sopra la loro tomba lungo il muro della chiesa, due cipressi si innalzano e si appoggiano l'uno contro l'altro unendosi in altezza. Qui si trovano i corpi di una coppia riunita dall'amore, lacerata dalla vita e riunita nella morte e la loro storia d'amore vivrà per sempre tra i cipressi dell'isola di Sveti Djordje.



Lo scrittore

Katarina Kalicanin

Katarina Kalicanin

Io sono Katarina e il paese che conosco di più è sicuramente il mio: Montenegro. Escursionista attiva costantemente in contatto con la natura, sono ansioso di presentare il mio paese al mondo.

Altre storie di viaggio