Valle di Wachau - Il paradiso degli archeologi

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Krems è la città più grande e la porta verso la valle del vino e delle albicocche - la valle della Wachau, un paradiso per gli archeologi, noto anche per i suoi bambini dell'era glaciale e le figurine più antiche e sensuali di Venere. La città si trova sulla riva sinistra del Danubio, in Bassa Austria, 70 km a ovest di Vienna. È un centro commerciale, culturale ed educativo della zona. La città stessa e la zona circostante sono molto famosi nei circoli archeologici per i suoi siti dell'età della pietra. Esso comprende i siti di reperimento della più antica tomba in Austria, e l'unica tomba bambino dei primi anni Homo sapiens, così come la più antica rappresentazione in pietra di un essere umano e la più antica statuetta di Venere riconosciuta nel mondo.

I bambini dell'era glaciale

Il ritrovamento di una tomba per bambini di 32.000 anni ben conservata, risalente all'era glaciale, è uno dei ritrovamenti più interessanti in Austria e persino in Europa. Le tombe sono considerate le più antiche del mondo di questo tipo. Sono unici in quanto gli scheletri dei più piccoli fino a tre anni, dai tempi dei primi Homo sapiens, non sono mai stati scoperti prima. Il team degli archeologi ha scoperto gli scheletri in due fosse sepolcrali separate. Il primo pozzo conteneva gli scheletri di due bambini affiancati, apparentemente gemelli. Il secondo pozzo con un solo corpo è stato scoperto un anno dopo, a un metro di distanza dal primo. I bambini erano probabilmente morti durante o poco dopo la nascita.

La tomba dei gemelli era protetta dalle influenze esterne dall'osso di mammut e quindi molto ben conservata. La tomba ricostruita dei bambini dell'era glaciale si trova nel Museo di Storia Naturale di Vienna.

Statuetta sensuale della Venere di Willendorf

La Venere di Willendorf è l'opera d'arte meglio conservata e più conosciuta dell'Età della Pietra Vecchia. È una delle tante figurine di Venere del Paleolitico, scoperta nel XIX e XX secolo, che raffigura una donna nuda con i tratti sessuali esagerati. Le figurine raffiguranti una donna e, indirettamente, una fertilità, erano comuni durante il periodo dell'ultima era glaciale, quando il cibo mancava, e la densità di popolazione diminuiva. Alla fine di quest'epoca, 20.000 anni fa, l'Europa centrale era completamente abbandonata dall'Homo sapiens. Questa statuetta alta 11 cm di una donna obesa e non vestita ha circa 30.000 anni. A causa delle sue caratteristiche sessuali, la statuetta è stata addirittura censurata da Facebook e classificata come pornografia. Oggi potete vedere Venere di Willendorf al Museo di Storia Naturale.

La Venere Danzante di Galgenberg

Questa statuetta di Venere non è forse così elogiata artisticamente come la sorella minore Venere di Willendorf, ma la sua unicità deriva dal fatto che questa figura di donna con una posizione danzante non è solo la più antica opera d'arte in Austria, ma anche la prima rappresentazione in pietra al mondo di un essere umano - una donna. È soprannominata la Fanny di Galgenberg dopo Fanny Elssler, ballerina viennese molto famosa del XIX secolo. Questa scultura in pietra di 36.000 anni è alta solo 7,2 cm e pesa 10 g. Il retro della figura è piatto, mentre la parte anteriore è scolpita. L'originale della statuetta può essere visto anche nel Museo di Storia Naturale di Vienna.

Per gli archeologi la valle della Wachau rappresenta un paradiso, e tutti i reperti importanti sono raccolti, e si possono vedere, a Vienna, che non è lontana dai siti di scavo.

NhM Naturhistorisches Museum Wien
NhM Naturhistorisches Museum Wien
Burgring 7 (Rollstuhlfahrer, Personal, Lieferanten)/ Eingang Besucher: Maria Theresien Platz, 1010 Vienna, Austria

Città interessanti legate a questa storia



Lo scrittore

Ogi Savic

Ogi Savic

Io sono Ogi. Giornalista ed economista, vivo a Vienna e mi appassiona lo sci, i viaggi, il buon cibo e le bevande. Scrivo di tutti questi aspetti (e non solo) della bella Austria.

Altre storie di viaggio