© iStock / Andrey Orekhov
© iStock / Andrey Orekhov

Un palazzo bianco, la Moschea del Sultano Hazret a Nur-Sultano

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La Moschea del Sultano Hazret è una delle più belle moschee del Kazakistan, una famosa attrazione della città di Nur-Sultan e la seconda moschea più grande dell'Asia centrale. Ogni agenzia turistica o guida professionale vi consiglia di visitare questa struttura unica nel suo genere. Sicuramente, la città di Nur-Sultan ha un sacco di cose da mostrare ai visitatori e ai nuovi arrivati. Se mi chiedete cos'altro vale la pena di vedere qui, direi: nel cuore della zona turistica più visitata di Nur-Sultan vedrete un palazzo bianco, la Moschea del Sultano Hazret.

Hazrat Sultan Mosque
Hazrat Sultan Mosque
Tauelsizdik Ave 48, Astana 010000, Kazakhstan

La fede kazaka negli anni antichi

Ogni volta che incontro uno straniero in Kazakistan, sento una domanda, che posso dire è tra le principali domande che la gente pone sui kazaki. Qual è la religione del popolo kazako? Prima di tutto, vorrei aggiungere che oggi il Kazakistan si afferma come paese religiosamente tollerante che permette alle persone di praticare la fede in qualsiasi religione; tuttavia, se ci riferiamo alla storia e ai fatti, nel 2009, c'era circa il 93 per cento dei kazaki che praticano l'Islam. In cosa credevano i kazaki prima dell'Islam? Tradizionalmente la credenza della popolazione nomade, gli antenati dei moderni kazaki, era il tengrismo. In breve, si trattava di credere nel sole come Dio senza volto e nello spirito della natura: terra, piante, alberi, rocce, rocce, fuoco e, soprattutto, in cielo. Inoltre, credevano nel potere e nel sostegno degli antenati defunti.

© iStock / Yerbolat Shadrakhov
© iStock / Yerbolat Shadrakhov

Chi è il sultano Hazret?

L'Islam entrò e si mantenne in terra kazaka nel X secolo e fu attivamente praticato con l'insegnamento del famoso Saint Khoja Akhmet Yasawi. Il suo mausoleo si trova in Turkistan, Kazakistan meridionale. Il nome di Yasawi è noto ad ogni musulmano e ad ogni persona che appartiene all'etnia turca. Era un insegnante e predicatore dell'Islam come religione. Oltre al suo nome d'onore, era chiamato anche Hazret Sultano, che significa "Santo Signore". Così, oggi, non solo il mausoleo è dedicato a lui, ma anche una delle attrazioni più popolari della città di Nur-Sultan porta il nome di Yasawi - Hazret Sultan.

© iStock / Yerbolat Shadrakhov
© iStock / Yerbolat Shadrakhov

L'interno della moschea

La moschea si trova in un'area di 11 ettari e può ospitare circa diecimila persone. Le sue porte sono state ufficialmente aperte nel 2012. L'architettura della moschea è realizzata secondo le regole islamiche con ornamenti tradizionali kazaki. Lì si possono vedere cose uniche come un lampadario gigantesco, che pesa 3 tonnellate e un Qoran d'argento che è stato fatto a Mosca. Nel XIV secolo Amir Timur (l'ultimo dei grandi conquistatori della steppa nomade eurasiatica) portò il Corano del XII secolo in Kazakistan. Oggi, il libro Qoran con 40 kg di peso è collocato nella Moschea del Sultano Hazret ed è considerato come uno dei più antichi libri sacri originali del mondo.

© wikipedia.org / U.S. Department of State
© wikipedia.org / U.S. Department of State

Le regole della moschea

Le persone che vedono la moschea dall'esterno sono stupiti dalla sua grandezza e bellezza. Chi entra al suo interno lo confronta con il palazzo del Re. Se avete visto la serie turca "Il secolo magnifico", vi sentirete sicuramente come se foste nel palazzo di un sultano. È un luogo tranquillo e pacifico, una casa di Dio per i musulmani, un luogo per pregare e pensare. Non ci sono restrizioni per i visitatori che entrano nel sito; tuttavia, alle donne sarà chiesto di coprirsi la testa secondo le regole islamiche. All'ingresso, vi sarà chiesto di togliervi le scarpe, e ci sono molti scaffali dove possono essere riposti in modo sicuro. Lì vi sarà offerto di coprirvi con un mantello dato alla moschea. Seguite le regole e sarete i benvenuti a salire sui pavimenti e sulle scale, che sono tutte coperte di tappeti.

© iStock / Yerbolat Shadrakhov
© iStock / Yerbolat Shadrakhov

Cosa c'è intorno alla moschea

Oltre a catturare l'attenzione di tutti con un richiamo alla preghiera, questa moschea vale sicuramente la pena di vederla sia dall'interno che dall'esterno. È gratuito e aperto a tutti i visitatori. Si trova in una zona con altre interessanti attrazioni, come il monumento kazako Eli, il museo nazionale del Kazakistan e la Piramide - il palazzo della Pace e della Riconciliazione.

Monument of Kazakh Eli
Monument of Kazakh Eli
Astana 010000, Kazakhstan
Palace of Peace and Reconciliation, Nur-Sultan
Palace of Peace and Reconciliation, Nur-Sultan
Tauelsizdik Ave 57, Astana 010000, Kazakhstan

In quell'angolo turistico, se siete alla ricerca di un posto dove fermarvi velocemente con un caffè e uno spuntino, a 5 minuti a piedi, troverete una catena di caffè chiamata Glorias Jean's Coffees. Onestamente, la perla dell'angolo turistico è il palazzo bianco, la Moschea del Sultano Hazret, che è l'opzione più eccitante e più economica per i turisti. Non perdete l'occasione di visitarlo!

Gloria Jean's Coffees in Nur-Sultan
Gloria Jean's Coffees in Nur-Sultan

Lo scrittore

Nazerke Makhanova

Nazerke Makhanova

Ciao, sono Nazerke dal Kazakistan. Ho viaggiato in 15 paesi, ho vissuto in Malesia e in Spagna, attualmente mi trovo nella mia città natale, Nur-Sultan, e mi piacerebbe accompagnarvi in un viaggio avventuroso attraverso il Kazakistan. Siete pronti? Andiamo!

Altre storie di viaggio