© Mark Levitin
© Mark Levitin

Un antico ponte in legno di teak a U Bein, Mandalay

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

L'antico ponte in legno di teak a U Bein, circa 10 km a sud di Mandalay, è spesso definito la struttura più antica o la più lunga del mondo. Entrambe le affermazioni possono essere discutibili, ma questo non rende questa attrazione meno spettacolare di quella atmosferica. Sicuramente non è una destinazione fuori dai sentieri battuti, è molto popolare tra i turisti nazionali e stranieri, ma è comunque uno di quei luoghi caratteristici che non possono essere tralasciati a favore di qualcosa di meno comune. Vale il vecchio cliché: se non ci sei stato, non sei stato in Myanmar. Un potente fattore di redenzione è che, nonostante la sua popolarità, il ponte di U Bein rimane sorprendentemente autentico. La maggior parte dei pilastri e delle assi originali sono stati conservati, sono stati aggiunti solo pochi supporti di cemento dove il vecchio legno si stava pericolosamente consumando. Di solito sul ponte ci sono ancora più abitanti del luogo, che si dedicano ai propri affari che ai viaggiatori, almeno la mattina prima dell'arrivo dei gruppi di turisti. La vista del tramonto e dell'alba sia dal ponte che con esso, da entrambe le sponde, è inevitabilmente bella, e se le buffonate dei turisti ossessionati da se stessi vi infastidiscono troppo, il vino di palma locale venduto nelle capanne di tapa sulla riva est dovrebbe alleviare l'irritazione.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Il più lungo e il più vecchio?

Il ponte a U Bein è lungo. Mentre il suo status di ponte di teak più lungo del mondo è contestato, 1200 metri di antichità sono ancora in piedi e sostengono un enorme traffico pedonale. La sua età è meno impressionante, anche se, ancora una volta, si sostiene spesso che sia la più antica struttura di questo tipo esistente. Tuttavia, è stato eretto solo un modesto secolo e mezzo fa, dopo che la capitale della Birmania era stata trasferita da Inwa a Mandalay nel 1857. Il legno di teak del palazzo reale smontato di Inwa è stato poi utilizzato per costruire questo ponte, che si estende per tutta la larghezza del lago Taungthaman. Oltre a collegare una serie di insediamenti, forniva ai monaci un facile accesso a importanti monasteri su entrambe le sponde del lago. Fino ad oggi si possono vedere grandi gruppi di monaci buddisti dal letto di zafferano attraversare il ponte, per lo più diretti o provenienti dal grande monastero di Mahagandayon sulla riva occidentale. Si tratta di uno spettacolo spettacolare, anche se troppo comunemente fotografato per essere considerato originale. I monaci sembrano anche piuttosto stanchi di turisti con la macchina fotografica.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Praticità

Il ponte di U Bein è molto facile da raggiungere da Mandalay - qualsiasi songtaew (un pick-up per passeggeri) diretto a Sagaing o Amarapura vi lascerà sull'autostrada a circa 1 km a ovest. Ci sono delle biglietterie ad entrambe le estremità del ponte che fanno pagare un pesante biglietto d'ingresso, apparentemente per la conservazione dell'antica struttura in legno di teak. Ristoranti e chioschi gastronomici si affacciano su entrambe le sponde del lago. Quelli sulla sponda occidentale sono più orientati verso gli stranieri, mentre quelli sulla sponda orientale sembrano soddisfare soprattutto i turisti nazionali. Qui si trovano anche capanne sul lago che servono vino di palma locale - dolce, economico e leggermente inebriante. Per le fotografie più suggestive, cercate di battere gli altri viaggiatori arrivando molto presto, all'alba. Le viste al tramonto sono altrettanto impressionanti, ma un fotografo potrebbe rimanere deluso nel vedere il ponte affollato di gruppi di turisti.

© Mark Levitin
© Mark Levitin
U Bein Bridge, Mandalay
U Bein Bridge, Mandalay
U Bein Bridge, Mandalay, Myanmar (Burma)

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio