© istock/ ABHISHEK KUMAR SAH
© istock/ ABHISHEK KUMAR SAH

Al sacro tempio di Jagannath a Puri, Orissa

5 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Ci sono innumerevoli santuari, grandi e piccoli, dedicati al Dio indù Jagannath, incarnazione di Lord Vishnu. Il tempio di Puri Jagannath è il più venerato di tutti senza ombra di dubbio. Nella religione indù, Char Dham (char-four, dham-abode) significa quattro luoghi di pellegrinaggio santificati che visitano, il che permette a un indù di raggiungere il Moksha o la salvezza. Questi siti sono Badrinath a Uttarakhand, Dwaraka nel Gujarat, Rameshwaram nel Tamil Nadu, e Puri a Orissa, a causa nientemeno che del sacro tempio di Jagannath. Ogni giorno, da 20.000 a 200.000 persone si affollano nel tempio di Jagannath per essere assolti dai loro peccati. Il colossale complesso del tempio copre un'area di 400.000 metri quadrati vicino alla spiaggia di Swargadwar a Puri. Il tempio è racchiuso in una rete di storia intrigante, splendida architettura, antiche usanze, rituali elaborati e la fede incrollabile di milioni di devoti. È una visita imperdibile ogni volta che ci si trova nella parte orientale dell'India.

Dentro e intorno al complesso del Tempio di Puri Jagannath

© istock/ rchphoto
© istock/ rchphoto

Fu nel XII secolo che il re Anantavarman Chodaganga Dev iniziò la costruzione del tempio, che fu completato da suo figlio, il re Anangabhima Deva. Il tempio è una meraviglia architettonica che non getta ombra a qualsiasi ora del giorno. La cupola del tempio principale è alta 165 piedi e il suo pinnacolo ha un Sudarshan Chakra (un'arma circolare usata da Lord Vishnu) e una bandiera legata ad esso. Vi affascinerà sapere che un uomo si arrampica per 165 piedi ogni giorno, senza alcun supporto, per cambiare la bandiera al tramonto. Questo rituale è antico quanto il tempio stesso. Il complesso del tempio ha quattro porte principali rivolte verso le quattro direzioni, e i visitatori sono autorizzati a passare attraverso la Porta dei Leoni orientale fiancheggiata da due leoni di pietra. A pochi metri dalla porta si trova l'inconfondibile Aruna Stambha, una torre monolitica alta 11 metri che rappresenta l'auriga di Lord Surya. La torre è stata trasferita dal Tempio del Sole di Konark nel XVIII secolo. Per raggiungere il cortile principale, dovrete salire 22 ripidi gradini, chiamati Baisi Pahacha.

© istock/ Arijeet Banerjee
© istock/ Arijeet Banerjee

Oltre al tempio principale, il cortile ha 30 templi più piccoli, tra i quali bisogna visitare il tempio di Ganesh, il tempio di Vimala e il tempio di Lakshmi. Il garbha griha (sanctum sanctorum) del tempio principale ospita le tre divinità principali - Lord Jagannath, suo fratello maggiore, Lord Balaram, e la loro sorella minore, la dea Subhadra. Questi idoli sono fatti di legno di neem e vengono sostituiti da nuovi idoli ogni 8°, 12° o 19° anno in un rituale chiamato Nabakalebar. L'ultima Nabakalebar risale al 2015. I visitatori sono fatti entrare nel tempio principale attraverso il nat mandir (sala da ballo) che è adornato da splendidi dipinti di diversi avvenimenti delle antiche scritture indù. La luce fioca delle migliaia di lampade ad olio, il pavimento umido delle lampade che gocciola olio, l'arte ammaliante e il canto dei mantra, creano un'atmosfera enigmatica. Tuttavia, bisogna ricordare che il nat mandir diventa estremamente affollato, e si deve incontrare un po' di confusione per raggiungere il garbha griha. Quindi, abbiate pazienza e state all'erta.

Il Mahaprasad

© Wikimedia Commons/ Psomu800
© Wikimedia Commons/ Psomu800

La cucina del Tempio di Puri Jagannath sfama ogni giorno 100.000 persone ed è la più grande cucina all'aperto del mondo. Non mi sono mai perso un tour della cucina nelle innumerevoli volte che ci sono stato e non dovreste neanche voi. La vostra mente sarà entusiasta di vedere la portata delle operazioni qui. Ogni compito è affidato a pochi uomini. Alcuni uomini attingono l'acqua dal pozzo, altri si occupano del taglio delle verdure, altri del taglio della legna e altri ancora della cucina. Il cibo viene preparato usando solo pentole di argilla; ogni giorno si usano 15.000 pentole di argilla e nessuna di queste viene riutilizzata mai più. Il cibo viene preparato con una tecnica unica. Sette pentole di argilla sono disposte una sopra l'altra, fissate con corde di iuta, e l'intera preparazione viene poi posta sulla legna da ardere. Ogni volta, gli oggetti nella pentola più alta vengono prima cotti e l'ordine rimane lo stesso fino alla pentola più bassa.

Ogni giorno, 56 oggetti vengono cucinati e offerti a Lord Jagannath come Prasad (offerta di cibo devozionale), dopo di che diventa il Mahaprasad (il cibo benedetto). Poi, verso le ore 14:00, i visitatori e i devoti possono acquistare il Mahaprasad in un posto chiamato Ananda Bazaar all'interno del complesso. Il Mahaprasad è delizioso e non se ne spreca neanche un pezzetto in un giorno.

Quando e come visitare il tempio di Puri Jagannath

© istock/ AnilSharma55
© istock/ AnilSharma55

È possibile visitare il tempio in qualsiasi periodo dell'anno. Tuttavia, evitate i mesi estivi di punta da aprile a giugno, poiché Puri diventa insopportabilmente calda e scomodamente umida in questo periodo. Il tempio rimane aperto dalle 5 del mattino fino a mezzanotte. Vi suggerisco di visitare il tempio verso le 9-10 AM per vedere tutto in pieno svolgimento. Ogni anno, verso la fine di giugno o a luglio, l'iconico Ratha Yatra Festival vede le tre divinità principali viaggiare verso il tempio Mausi Maa e il tempio Gundicha su giganteschi carri abbelliti chiamati Ratha. Circa 800.000-12.000.000 di persone si riuniscono a Puri in questa occasione di buon auspicio. Quindi, se volete assistere alla follia del Festival di Ratha Yatra, è meglio pianificare in anticipo, perché in questo periodo i biglietti e gli alloggi scarseggiano. Tuttavia, è davvero un'esperienza di una vita.

Ratha Yatra Festival, Puri, Orissa
Ratha Yatra Festival, Puri, Orissa
Puri, Odisha 752002, India
© istock/ Oshi
© istock/ Oshi

L'aeroporto più vicino alla città di Puri è l'aeroporto internazionale Biju Patnaik, che si trova a 60 chilometri di distanza a Bhuvaneswar, la capitale di Orissa. La stazione ferroviaria di Puri si trova a circa un chilometro a nord della città ed è collegata alle stazioni di tutti i principali stati e città indiane. Gli autorickshaws sono facilmente disponibili al di fuori della stazione e vi porteranno a destinazione. Il tempio si trova a circa 2,5 chilometri dalla spiaggia di Swargadwar a Puri.

Alcune cose da ricordare

© istock/ vbel71
© istock/ vbel71

Solo gli indù, i buddisti, i giainisti e i sikh sono ammessi all'interno del tempio di Puri Jagannath. Ai visitatori non è permesso portare alcun oggetto personale all'interno del tempio. Dovrete lasciare cose come scarpe, calze, cellulare, macchina fotografica, qualsiasi oggetto di pelletteria, ecc. in un apposito spazio all'esterno dell'ingresso principale. All'esterno del tempio, diversi sacerdoti indù chiamati panda cercheranno di manipolarvi per farvi pagare una somma esorbitante per un tour del complesso del tempio. Quindi, fate attenzione anche a questo.

Lord Jagannath soprattutto

© istock/ Oshi
© istock/ Oshi

Molti credono che non ci possa essere nulla al di sopra di Lord Jagannath stesso. In una manifestazione letterale di questa credenza, lo spazio aereo sopra il tempio sacro è stato reso una zona non volabile! Anche gli uccelli non volano sopra il tempio per proteggersi dai bordi seghettati del Chakra Sudarshan sulla cima del tempio. Il tempio di Puri Jagannath comanda un'adorazione incrollabile e una fede incrollabile. Dovreste assolutamente visitare questo tempio a Puri, Orissa, una volta nella vita.

Jagannath Temple, Puri, Orissa
Jagannath Temple, Puri, Orissa
Puri, Odisha 752002, India

Lo scrittore

Hitaishi Majumder

Hitaishi Majumder

Ehi, sono Hitaishi, un editore con sede a Kolkata, in India, e sono qui per presentarvi diverse parti del mio incredibile paese attraverso le mie storie di viaggio sulla gastronomia, la cultura, la storia e molto altro ancora!

Altre storie di viaggio