Forti austro-ungariche intorno alla baia di Boka

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

A causa della sua posizione geografica, ma anche la sua bellezza e la natura incredibile, la Baia di Boka è stata spesso conquistata da imperi diversi. Ruotata da molti, la Baia di Boka, famosa come una delle baie più belle del mondo, è stata sempre al centro degli interessi internazionali, ed eventi sociali e politici. La Repubblica Veneta, l'Impero Ottomano e il dominio austro-ungarico hanno avuto gli impatti più significativi. Ogni cultura ha lasciato i suoi segni che ancora oggi testimoniano la storia turbolenta di questa zona.

Queste influenze sono visibili e importanti, ma purtroppo non tutto ottiene sufficiente attenzione e cura. E' il caso di un gran numero di forti austro-ungarici intorno alla baia di Boka, costruiti per proteggerla da altri eserciti. Questi forti sono tutti impressionanti, sodi ed enormi, alcuni dei quali molto ben conservati e in buone condizioni, anche se non valorizzati a sufficienza.

Durante il dominio austro-ungarico, la Baia di Boka fu organizzata come un unico complesso fortificato. Sui punti più strategici davanti alla baia, così come sulle colline soprastanti, furono costruiti diversi tipi di forti usati per la difesa. Alcune delle prime costruzioni sono state costruite intorno al 1830 e sono state utilizzate fino al 1914. La monarchia austro-ungarica governò fino alla prima guerra mondiale, e la Baia di Boka era una delle loro tre più importanti fortezze a grappolo.

Posizioni strategiche

Ognuno di questi forti aveva una posizione strategica e un significato speciale. Sono stati costruiti in modo che potessero avere una comunicazione ottica veloce che, nel tempo di nessuna telecomunicazione, era molto importante avere. L'informazione fino al punto più lontano ha viaggiato solo 2-3 minuti. La gamma di artiglieria era tale che potevano coprire tutto intorno e non un solo pezzo di terra o il mare è stato lasciato scoperto.

L'intero sistema di fortificazione era molto ben organizzato, con un approvvigionamento idrico e tutte le altre necessità previste. Situato sulle isole, penisola o loro promontori, così come sulle colline sopra la baia, il significato di questi forti è ancora maggiore a causa della inaccessibilità del terreno. Oggi, alcuni di essi sono raggiungibili solo da piccoli e stretti sentieri escursionistici.

Tre zone difensive

C'erano più di 100 fortificazioni costruite durante questo periodo, e quelli che erano i più importanti sono ancora i più impressionanti. Quelle cittadella sono: Mamula, Arza, Prevlaka-Oštro, Goražda, Grabovac, Vrmac, Trašte, Crkvice (Forte Kom e Forte Stražnik), ecc. Tutti questi forti erano divisi in tre zone difensive. La prima era Prevlaka-Mamula-Arza di fronte alla baia, la seconda era sulle colline sopra la baia e la terza sui punti più alti delle colline, dove era possibile controllare le altre due zone e avere una visione più trasparente di tutta l'area.

Vrmac, Goražda, Grabovac e Trašte facevano parte della seconda zona difensiva e sono particolarmente interessanti perché sono stati costruiti sotto terra, in modo che non fossero facilmente visibili né dall'aria né dal terreno. A prima vista, non sembrano particolarmente grandi, ma dopo essersi avvicinati a loro ed essere entrati al loro interno, è facile rendersi conto di quanto fossero complessi e importanti.

Per visitare questi forti austro-ungarici intorno alla Baia di Boka, raccomando a tutti. Si può incontrare non solo la nostra storia, ma anche la natura incredibile che è tutto. Alcune cittadelle sono più facili da raggiungere, altre più difficili da trovare, ma recentemente ho scoperto un libro intitolato ''Le fortezze austro-ungariche del Montenegro'': Una guida escursionistica'', di Bernard Sullivan, che può aiutarvi a spostarvi.


Lo scrittore

Katarina Kalicanin

Katarina Kalicanin

Io sono Katarina e il paese che conosco di più è sicuramente il mio: Montenegro. Escursionista attiva costantemente in contatto con la natura, sono ansioso di presentare il mio paese al mondo.

Altre storie di viaggio