Cover picture © Credits to Photosight.ru/Sergei V
Cover picture © Credits to Photosight.ru/Sergei V

Chiese barocche e cupe grotte del Monastero di Pechory

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Pskovo-Pechersky Dormizione Monastero, che si chiama anche Pskov-Caves Monastero, situato in una piccola città di Pechory, regione di Pskov, è uno dei più antichi e più belli monasteri russi. Raggiungendolo, per prima cosa si vedono le sue bellissime cupole barocche che creano una sensazione di gioia e di festa. Tuttavia, molti pellegrini vengono qui per trovare la sua parte nascosta, le grotte del monastero. I primi cristiani non costruivano chiese, ma utilizzavano le grotte per le loro funzioni religiose. Il monastero di Pechory conserva e utilizza ancora oggi una chiesa sotterranea consacrata nel 1473 come chiesa della Dormizione. Più tardi, i monaci cominciarono ad usare le grotte come luogo di sepoltura. Oggi, nel monastero, si possono ancora vedere le bellissime grotte barocche e cupe.

Picture © Credits to spbda.ru/Dmitry Yankin
Picture © Credits to spbda.ru/Dmitry Yankin

Iniziare dalla piattaforma di visualizzazione

Potete iniziare la vostra visita al monastero della Dormizione Pskovo-Pechersky dalla piattaforma panoramica e scattare una foto delle cupole blu del monastero che sormontano le mura della fortezza. Quando attraversi la Porta Santa, non pensare di essere ancora all'interno del monastero. Si tratta di un ricetto creato per la protezione dei residenti in caso di attacco. Girate a sinistra e vedrete la Chiesa di San Nicola il guardiano del XVI secolo con all'interno una figura lignea di San Nicola. I cancelli ad arco ribassato vicino alla chiesa vi condurranno al monastero. Tuttavia, prima di entrare, non fa male ricordare la leggenda locale su Ivan il Terribile e San Cornelio.

Picture © Credits to Wikimedia.org/Gidrohinon
Picture © Credits to Wikimedia.org/Gidrohinon

La leggenda di Ivan il Terribile e San Cornelio

Ogni monastero ha delle storie legate alla sua storia, così come ai suoi celesti patroni. Nel XVI secolo, San Cornelio fece di questo monastero un fiorente centro e cittadella del cristianesimo ortodosso al confine occidentale della Russia. Creò nuove chiese, sale per la pittura di icone, una ricca biblioteca e costruì un campanile e forti mura intorno all'adobe. Quelle mura che servivano per la difesa dai nemici divennero la ragione stessa della morte di San Cornelio. Lo zar Ivan il Terribile sospettava che il monastero stava per combattere contro di lui e, in un'esplosione di temperamento, tagliò la testa di San Cornelio qui, vicino alla Porta Santa. Da allora, la strada che dalla Porta Santa scende alla chiesa principale è chiamata Strada del Sangue e la Cattedrale della Santa Dormizione custodisce il santuario con le sacre reliquie di San Cornelio, patrono celeste della dimora.

Picture © Credits to Victoria Derzhavina
Picture © Credits to Victoria Derzhavina

Resti di 10.000 monaci sono conservati nelle pareti delle grotte.

Nel XIV secolo, i cacciatori locali ascoltarono il canto angelico dall'interno della collina e ne sentirono il meraviglioso profumo intorno. Pensavano ci fossero degli angeli. Anni dopo, quando un contadino locale ha tagliato un albero, è caduto giù dalla collina, ha aperto grotte, e il segreto degli angeli è stato rivelato. L'iscrizione su un muro di pietra sopra l'ingresso ha detto: "Grotte donate da Dio". Le grotte hanno ancora oggi questo nome. Più tardi, i monaci iniziarono ad utilizzare le grotte come necropoli. Oggi, i resti di 10.000 monaci sono conservati nelle pareti delle grotte dietro i pannelli di ceramica con i nomi incisi (keramidy). È possibile visitare le grotte solo con la guida locale del servizio di pellegrinaggio, che vi guiderà attraverso diversi corridoi sotterranei chiamati "strade", vi mostrerà la chiesa della grotta, il luogo di sepoltura dei fratelli nella nicchia dietro l'icona, e le reliquie sacre dei santi della pesca. L'unica luce nel buio totale delle grotte sarà una piccola candela in mano.

Picture © Credits to livejournal.com/dergachev_va
Picture © Credits to livejournal.com/dergachev_va

Cosa fare

Lasciando le cupe grotte, vedrete le bellissime chiese barocche in una luce diversa. Sembra piu' gioioso e luminoso. Nel monastero della dormizione di Pskovo-Pechersky ci sono nove chiese e una sorgente sacra. È possibile osservare i divertenti scoiattoli dal vivaio degli scoiattoli, e comprare pryaniks (torte speziate) o la tradizionale bevanda sbiten come souvenir. Inoltre, un angelo sulla parete del campanile indica l'orologio. Questo è un promemoria che il tempo scorre veloce, e se hai cose importanti da fare nella tua vita, non rinviare mai, ma fallo ora.

Picture © Credits to Victoria Derzhavina
Picture © Credits to Victoria Derzhavina
The Pskovo-Pechersky Dormition Monastery
The Pskovo-Pechersky Dormition Monastery

Lo scrittore

Victoria Derzhavina

Victoria Derzhavina

Vivo a Mosca. Sono appassionata di viaggi, storia, natura e architettura. Ho lavorato come guida turistica a Mosca e in altre città russe per diversi anni. Mi piace visitare posti nuovi e mi piace condividerli con gli altri.

Altre storie di viaggio