©istock/Tiago_Fernandez
©istock/Tiago_Fernandez

Belver e Alamal: una bella "oasi" ai margini dell'Alentejo

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Al limite dell'Alentejo (che significa "oltre il Tago") si trova un bellissimo castello, Belver ("bella vista"). Si trova sulla cima di una collina che domina il fiume Tago, il fiume più lungo della penisola iberica. Il castello è stato restaurato negli anni '40 da Salazar, il dittatore portoghese, ed è il luogo perfetto per fare il bagno proprio dall'altra parte del fiume, sulla spiaggia. Il nome di questa spiaggia è Alamal, e sembra davvero un'oasi in mezzo alle calde terre dell'Alentejo (le temperature di oltre 40 gradi sono abbastanza normali in estate). È un paradiso nascosto che si può raggiungere solo percorrendo una stretta e subdola strada che scende dalla montagna. Ma il risultato vale davvero la pena!

Praia Fluvial do Alamal
Praia Fluvial do Alamal
Praia Fluvial do Alamal, Quinta do Alamal Alamal River Club (Ex-Inatel), 6040-060 Gavião, Portugal

Escursioni e attività in spiaggia

In spiaggia, la temperatura dell'acqua vi rinfrescherà immediatamente. Le famiglie possono portare il pranzo e persino dare da mangiare alle simpatiche anatre, oppure possono scegliere di mangiare in un piccolo ristorante locale. Molti bambini vengono qui per imparare a fare canoa. Molte volte si vedono scout che cercano di trovare la strada che porta al castello. Il percorso escursionistico ricorda la forma dei ponti tibetani in legno che attraversano l'acqua, lungo la riva del fiume. Questi sono adatti a tutte le età.

© Sara Rodríguez Romo
© Sara Rodríguez Romo

Un po' di storia

D'altra parte, salire al castello richiede molto più impegno. I costruttori portoghesi sapevano certamente cosa stavano facendo quando l'hanno costruito. Ma, veniamo a questo, cosa ci fa un castello in mezzo al Portogallo, lontano da tutti i confini? Ebbene, non possiamo dimenticare che questo Paese si è formato all'epoca delle Crociate, quando i cristiani combattevano l'invasione musulmana in Iberia e a Gerusalemme. E già nell'800 avevano occupato quasi tutta la penisola. Per farla breve (non facciamone una lezione di storia), i cristiani sono riusciti a ricominciare a riconquistare il loro territorio perduto.

© Sara Rodríguez Romo
© Sara Rodríguez Romo

Il castello di Belver

Così, hanno deciso di marciare verso sud. Poi raggiunsero il Tago, che era un fiume molto più grande di quello attuale. Attraversarlo era molto complicato, e quindi è diventato il confine tra i due eserciti per molto tempo. Per assicurarsi il loro fianco, i portoghesi decisero di costruirvi un castello. Tuttavia, c'era un problema. All'epoca, il giovanissimo regno cristiano non aveva abbastanza popolazione per assicurarsi le terre conquistate (in più, la gente non osava vivere in zone così pericolose), così i re dovettero affidare la propria difesa agli "ordini religiosi, militari".

Castle of Belver, Gavião
Castle of Belver, Gavião
6040, Portugal

Il responsabile di Belver era l'Ordine degli Hospitalários. In cambio, essi divennero i signori di queste terre. Oggi l'Ordine è scomparso, ma questa è un'altra storia. Ciò che conta per noi è che ci hanno lasciato un mucchio di magnifici castelli della zona che meritano una visita (Crato è il più conosciuto). Insieme alla spiaggia del fiume Alamal, è il piano perfetto per una giornata estiva se vi trovate nelle terre dell'Alentejo!


Ti è piaciuta la mia storia?

Prenota la sua esperienza locale ! Attualmente solo per €27/p.* (€34)

Con la tua esclusiva guida itinari, rivivi la mia incredibile storia di viaggio in Portogallo.

E godi appieno di:

  • Una spiaggia fluviale di sabbia naturalmente bella con una vista impressionante
  • Il magnifico castello medievale di Belver, che in portoghese significa "bella vista" e vi lascerà senza parole
  • ... e molto di più!
Scoprila subito

* prezzo a persona, basato su una prenotazione per 2 persone

Lo scrittore

Sara Rodriguez Romo

Sara Rodriguez Romo

Vivo tra Salamanca, in Spagna, e Marvão, in Portogallo. Viaggiatrice appassionata, ho visitato oltre 30 paesi in quattro continenti. Attualmente sto facendo un dottorato di ricerca in mitologia greca e lavoro con i cavalli, facendo passeggiate nella natura.

Altre storie di viaggio