La club culture berlinese: politica, techno e piste da ballo non commerciali

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Al di là della club culture, le piste da ballo possono incoraggiare l'impegno sociale e la consapevolezza politica dei giovani. Tra rave di protesta o il mantenimento di spazi liberi per la cultura, la scena alternativa di Berlino per la cultura e la musica ha raggiunto una maturità unica in Europa. Gli ultimi anni hanno mostrato noti personaggi della scena berlinese del clubbing avviare progetti a livello locale e oltre confine per condividere quasi quarant'anni di esperimenti culturali in città. L'articolo offre una panoramica dei collettivi, dei club e dei progetti con sede a Berlino che conciliano le sfere della politica e della techno.

Cosa rende la cultura dei club di Berlino così unica in Europa?

L'unicità della club culture e della techno berlinese è ambientata nella storia. La cultura di Berlino è la storia di una città devastata che guarisce dalle ferite della seconda guerra mondiale.

Nel documentario B-movie: Lust & Sound in West Berlin 1979-1989, Mark Reeder racconta la sua storia personale e rivisita attraverso pesanti archivi la vibrante scena musicale e artistica di Berlino Ovest durante il periodo di massimo splendore punk, trashy e techno della città divisa. Il film offre una densa e dettagliata comprensione di come la musica e la cultura hanno contribuito a costruire il ponte tra Berlino Est e Berlino Ovest, e hanno contribuito alla caduta del muro nel 1989.

Dal dare la propria impronta ai generi musicali appena arrivati, alla creazione di spazi liberi per la cultura in edifici abbandonati (come il techno club Tresor), la generazione socialmente consapevole degli anni '80 e '90, attraverso il contesto politico, ha dato origine alla contro-cultura per cui Berlino è oggi conosciuta. La vita notturna di Berlino dopo il muro negli anni '90 è stata intensa. E' stata un'energia di sollievo e libertà.

Tresor a Detroit

Tresor è un club underground techno e un'etichetta berlinese. E 'l'ultimo club in piedi - anche se diverse delocalizzazioni - della vita notturna post muro di Berlino degli anni '90. Cosa ci dice? Non importa quanto un club di successo e quanto sia liberale una città, gli spazi per la cultura e la vita notturna sono difficili da trovare e mantenere. Le città vendono terreni agli investitori e i contratti di affitto a breve termine per i locali notturni non riescono, il più delle volte, ad essere rinnovati.

La storia del Tresor risale al 1988, quando fu conosciuto per la prima volta con il nome di Ufo Club. Nel 1990, il club chiude e si trasferisce a Berlino Est, nei sotterranei di una banca ebraica abbandonata. La posizione è unica e ispira il nuovo nome "Tresor". Il futuro luogo di Berlino per tutti gli amanti della techno chiude (di nuovo) nel 2005, a causa dello sfratto e dei nuovi piani della città per il quartiere. Ma Tresor non e' uno a cui arrendersi facilmente. Dal 2007, il club ha trovato una nuova sede in una centrale elettrica ristrutturata in Köpenicker Straße a Mitte.

Ultimamente, il fondatore di Tresor, Dimitri Hegemann, ha avviato un esteso progetto culturale e di collaborazione con club e artisti di Detroit per aiutare a riportare la vita notturna al luogo di nascita originale della techno. Mentre Detroit e Berlino condividono una storia simile - usando la musica e la cultura per recuperare una città abbandonata - non condividono la stessa fede. In un'intervista per la serie di documentari Trax di Arte, Dimitri Hegemann ha condiviso la sua ferma convinzione che la cultura berlinese e la club culture ha raggiunto una maturità sufficiente per insegnare ad altre città modi di portare la cultura musicale underground in superficie.

Foto di i bi, tramite flickr.

Tresor: Underground Techno Club
Tresor: Underground Techno Club
Köpenicker Str. 70, 10179 Berlin, Germany

Politica e tecnologia

Mensch Meier è un club berlinese e casa della cultura che concilia la sfera della politica e della techno. Il club accoglie molti progetti impegnati e dispone di un "team di sensibilizzazione" in loco che aiuta a mantenere la pista da ballo sicura, aperta e libera. Mensch Meier è strettamente legato a Frei(t)räume, un'operazione gratuita a cielo aperto a Berlino, e al movimento sociale "Reclaim Club Culture" che organizza rave di protesta contro gli estremisti di destra in Germania. Cosa c'è di più? Mensch Meier organizza regolarmente serate di club con tavole rotonde sul tema della club culture e della politica. Vai a controllare: Rebellion der Träumer.

© Credito fotografico di Mensch Meier, via facebook.

Mensch Meier Berlin
Mensch Meier Berlin
Storkower Str. 121, 10407 Berlin, Germany

Piste da ballo non binarie intersezionali

Room 4 Resistance è un collettivo che crea spazi intersezionali sulle piste da ballo. Si descrivono come "(Siamo) un collettivo queer femme/non-binary forward, con sede a Berlino, focalizzato sulla costruzione della comunità e sulla creazione di spazi e visibilità più sicuri per gli artisti sottorappresentati nella Dance Music. Organizzano regolarmente serate nei club in diverse località di Berlino, tra cui Griessmüehle. La loro residenza mensile presso il famigerato club berlinese //about:blank è stata recentemente cancellata a causa della dichiarazione pubblica di Room for Resistance a sostegno della campagna #DJsforPalestine. Oltre i confini nazionali, il collettivo ospita feste e tavole rotonde nei club di tutta Europa come De School, Amsterdam, e The Pickle factory, Londra.

Illustrazione di Rudy Loewe, via Room 4 Resistance

Recuperare spazi liberi per la cultura

Molti collettivi e organizzazioni a Berlino lavorano ogni giorno per creare e mantenere una cultura accessibile e libera al di fuori degli ambienti commerciali. Uno di loro è Spree:publik. Il collettivo è sostenuto dalla Berlin Club Commission e mira a mantenere il parco Spree e il fiume Spree un luogo libero per esperimenti culturali. I progetti di sviluppo commerciale (e di lobby sponsorizzati) della città per il parco Spree sono infatti oggetto di controversie. Una volta abbandonato dalla città, il parco esplode di iniziative libere e creatività e significherebbe che tutti quei progetti si fermeranno. "La Sprea e i canali di Berlino ora prosperano di cinema in zattera, spettacoli teatrali, mostre d'arte e concerti, così come dimostrazioni e azioni ambientali. Tutto in uno spirito di solidarietà e in un modo di pensare liberale e collettivo", condivide Spree:park - e intendono mantenerlo così.

Foto di Johannes Jelinek - vakatmedia.com, via spree:publik.

Spreepark Berlin
Spreepark Berlin

Infine, ma non meno importante, Enter the Void potrebbe probabilmente essere una delle iniziative più belle degli ultimi anni. Presente in Europa, Brasile e Medio Oriente, Enter the Void sta appropriando gli spazi urbani alla cultura giovanile sotterranea. Questo progetto UE si è svolto dal 2016 al 2017 e ha costruito con successo ponti tra i continenti. Gli attori culturali dietro #ETV non sono altro che attivisti della vita notturna come Horoom nights (Bassiani, Georgia), Mamba Negra (Sao Polo, Brasile), Jazar Crew (Palestina) e la Berlin Club Commission.

Foto di Enter the Void, via facebook.

Siate sicuri e liberi da rave!


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Isabel Elwood

Isabel Elwood

Sono Isabel, amante dello yoga e Techno Schmetterling. Sono appassionato da tutto ciò che tocca l'arte e l'anima .... così come la musica elettronica, di cui scrivo.

Altre storie di viaggio