© Mark Levitin
© Mark Levitin

In barca nella foresta di Tra Su cajuput, An Giang

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Situata nel Delta del Mekong, vicino al Chau Doc nella provincia di An Giang in Vietnam, la riserva naturale protetta di Tra Su è diversa da tutte le altre. È una foresta, ma si trova in acqua. E mentre le passeggiate tra le mangrovie sono comuni nei paesi tropicali, a Tra Su la maggior parte degli alberi non sono mangrovie, ma cajuput. Ha un aspetto diverso, più effimero, irreale. Il modo standard per visitare la foresta è in barca, ma c'è anche una vasta rete di passerelle di bambù che attraversano il territorio. Per vedere qualche uccello in fretta e godersi la vista dal livello dell'acqua, una barca è una scelta ovvia. Ma per uno che si agita seriamente, è preferibile camminare. In ogni caso, è un luogo incantevole, rilassante e pittoresco, se manca qualche attrazione specifica. Tra Su è abbastanza popolare tra i saigonesi nei fine settimana, ma per un turista è meglio rimanere a Chau Doc e combinare la riserva con altre attrazioni nelle vicinanze.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

La storia di Tra Su

Le pianure del delta del Mekong sono state utilizzate per la coltivazione del riso sin da prima della storia registrata della regione. Le inondazioni stagionali hanno mantenuto il terreno paludoso e l'abbondanza di corsi d'acqua naturali ha reso più pratico scavare canali per il trasporto piuttosto che costruire strade. Con la trasformazione di più terra in appezzamenti agricoli, poche foreste sono state lasciate sopravvivere, ma per qualsiasi ragione Tra Su, circondata e divisa in due da una rete di canali, è rimasta relativamente intatta. Negli anni '80, le autorità locali costruirono una diga per controllare le inondazioni nella zona e, circa vent'anni dopo, promossero la zona protetta come riserva naturale. La foresta contiene oltre 140 specie di piante e dà rifugio a più di 70 specie di uccelli. La pianta più popolare qui è, naturalmente, il cajuput. Il suo olio è apprezzato per le sue proprietà medicinali, ma in questo luogo, sono le apparenze che contano: incombenti sull'acqua verdastra e immobile, gli alberi di cajuput contorti sembrano streghe che preparano una pozione malefica nel calderone gigante della palude.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Praticità

Gli autobus che partono di rado dalla città di Chau Doc a An Giang passano la deviazione per Tra Su. Dall'incrocio, sono altri 3 km per la riserva naturale. Un'alternativa è il noleggio di una moto, con o senza autista. Il prezzo del biglietto è piuttosto alto e modulare: c'è il biglietto d'ingresso stesso, più, opzionalmente, un giro in motoscafo fino alla stazione di navigazione e, separatamente, una crociera in pedalò attraverso la palude di giacinto. Il motoscafo non è necessario, come si vedrà di più serpeggiando attraverso la foresta di cajuput sui sentieri di bambù, ma è una lunga passeggiata. Contate su almeno un'ora per ogni tragitto, escludendo il tempo di rilassarvi o di osservare gli uccelli acquatici. Accanto alla stazione nautica c'è un gruppo di ristoranti turistici che servono, oltre al solito cibo, un particolare piatto locale - il ratto alla griglia. Qualche metro più avanti c'è un'alta torre di osservazione - se non avete un drone, potete arrampicarvi e far finta di averlo fatto. L'ultimo autobus di ritorno passa il bivio verso le 17:00. Se vi fermate per il tramonto e non avete le vostre ruote, l'autostop sarà la vostra unica opzione.

© Mark Levitin
© Mark Levitin
Tra Su Forest Park, An Giang
Tra Su Forest Park, An Giang
Tra Su Cajuput Forest, Tịnh Biên, An Giang, Vietnam

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio