Cover Picture © credits to Wikimedia Commons/Bernd Haynold
Cover Picture © credits to Wikimedia Commons/Bernd Haynold

Il patrimonio culturale immateriale della Bosnia: Raccolta di erba di iva sul monte Ozren

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Il patrimonio culturale non è solo monumenti, edifici e oggetti, ma anche tradizioni, riti e feste ereditate dai nostri antenati che dobbiamo trasmettere ai nostri discendenti. Una di quelle cerimonie tradizionali che riunisce la comunità locale e coinvolge rituali distintivi è la raccolta dell'erba iva sul monte Ozren in Bosnia ed Erzegovina. Ogni anno, nel giorno della decapitazione di San Giovanni Battista (11 settembre), gli abitanti dei villaggi intorno al monte Ozren si riuniscono per raccogliere l'erba iva, nota per le sue proprietà curative. Oltre al ricamo di Zmijanje e all'intaglio del legno di Konjic, la raccolta dell'erba di iva sul monte Ozren è il terzo elemento della Bosnia-Erzegovina iscritto nella Lista rappresentativa del patrimonio immateriale dell'umanità dell'UNESCO. Se vi chiedete perché questo rituale è importante per il patrimonio culturale immateriale della Bosnia, continuate a leggere.

Sul monte Ozren

Picture © credits to Wikipedia/Martin Brož
Picture © credits to Wikipedia/Martin Brož

Una montagna più bassa nel nord della Bosnia-Erzegovina, il monte Ozren si trova tra le due città - Doboj & Zavidovići. Questa catena montuosa è situata tra tre corsi d'acqua: il fiume Bosna (ovest), il fiume Spreča (nord) e il fiume Krivaja (sud), ma anche il monte Konjuh e il lago Modrac (sud-est). Il monte Ozren potenzia in prati lussureggianti, pozzi termali, ruscelli alpini con acqua potabile e molte fonti minerali. Forse la sua vetta più alta è il Kraljica (918 m), ma la più popolare è il Gostilj (773 m), soprattutto a settembre, quando si svolge la tradizionale giornata del tè. In quel giorno, l'attenzione è concentrata sull'erba medicinale Teucrium montanum, conosciuta come erba iva. La gente viene in gruppi per raccogliere questa erba e godersi il tè preparato.

Cos'è l'erba iva

Picture © credits to Wikimedia Commons/Ghislain118
Picture © credits to Wikimedia Commons/Ghislain118

Iva grass o iva herb (lat. Teucrium montanum) è una pianta che cresce esclusivamente nelle regioni montane. La raccolta di questa erba deve essere fatta a mano, il che richiede molto tempo. In realtà, i fiori e le foglie vengono raccolti per essere utilizzati in modi diversi - dal tè, all'acquavite e ai prodotti a base di miele. Per secoli è stato conosciuto per le sue proprietà curative e utilizzato come erba medicinale per trattare i problemi respiratori e digestivi. Si ritiene che l'iva grass possa accelerare il recupero dopo alcune gravi malattie. Inoltre, una credenza diffusa è che l'iva grass può curare qualsiasi malattia, da qui il detto locale "Iva grass - riporta i morti in vita".

Raccolta dell'erba di Iva

Gli abitanti del monte Ozren conservano molte tradizioni ereditate dai loro antenati. La più significativa e di gran lunga la più famosa è la raccolta dell'erba iva che si svolge ogni anno l'11 settembre. Gli abitanti dei villaggi di tutte le età stanno salendo le colline per arrivare alla vetta Gostilj, dove raccolgono le erbe iva. L'identificazione di questa pianta, tra le altre, e la raccolta manuale dura un paio d'ore. Dopo la raccolta, un sacerdote viene a benedire le piante raccolte. La cerimonia continua con alcune esibizioni folcloristiche, dove molti partecipanti indossano abiti popolari e cantano canzoni tradizionali. Questo elemento di coesione svolge un ruolo importante nella salvaguardia dell'identità del patrimonio culturale immateriale della Bosnia, ed è stato il principale argomento a favore dell'iscrizione della raccolta dell'iva nell'elenco dell'UNESCO.

Gostilj peak, Mt. Ozren
Gostilj peak, Mt. Ozren
Mali Gostilj, Bosnie-Herzégovine

Lo scrittore

Ljiljana Krejic

Ljiljana Krejic

Sono Ljiljana, della Bosnia-Erzegovina. Essendo un giornalista, non posso sfuggire a questa prospettiva quando viaggio. La mia missione è farvi esplorare l'ultima gemma ancora da scoprire in Europa.

Altre storie di viaggio