Castello di Buda - l'edificio storico per il quale i re hanno combattuto per secoli

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Ha più di 700 anni. Re, sultani ed imperatori vi si sono dedicati per lunghi e movimentati secoli, a partire dal XIII secolo. Ha una storia così ricca, che è quasi impossibile raccontare il tutto in modo impeccabile, dato che ha anche un sacco di segreti sepolti sotto terra. L'edificio storico del Castello di Buda è una delle attrazioni turistiche più famose e visitate della capitale ungherese, proprio come il parco cittadino, ma soprattutto uno dei luoghi più emblematici della storia sanguinosa e gloriosa di questo paese dell'Europa centrale. Dal momento che solo passando attraverso ogni pietra miliare avrebbe preso un'eternità, ho intenzione di evidenziare solo i fatti più interessanti, che credo, è sicuramente necessario conoscere.

L'invasione mongola

Il Castello di Buda è un messaggero esistente degli ultimi otto secoli, durante i quali è stato ampliato e ricostruito per migliaia di volte. In primo luogo, è stato iniziato ad essere costruito nel 1243, e l'origine della sua storia è legata all'invasione mongola nel 13 ° secolo, quando il loro esercito ha conquistato una metà di Asia e metà di Europa nel giro di 75 anni. Questa aggressiva espansione raggiunse l'Ungheria nel 1241 e durò per un anno brutale e mortale, in cui il 40-50% degli ungheresi, circa 1.500.000 persone persero la vita. Tuttavia, i mongoli si ritirarono nel secondo anno del loro costante massacro in Ungheria (il motivo è ancora incerto fino ad oggi), e Bela IV, il re dell'Ungheria a quel tempo, ordinò la costruzione di una serie di castelli di pietra in tutto il paese. I lavori si susseguirono nel 1246, dopo la notizia di un possibile attacco dei Mongoli. Già nel 1255 fu menzionata come fortezza finita sul certificato di Bela IV, che subì gravi sconfitte contro il khan dell'esercito mongolo. Tuttavia, dopo il loro ritiro, ricostruì di nuovo l'intero paese. Per questo, ha ottenuto la reputazione di secondo stato fondatore dell'Ungheria - dopo Santo Stefano I. I Mongoli tornò e tentò un assedio più recente 43 anni più tardi, ma fallirono, e il nuovo re Leslie IV li espulse definitivamente dal paese.

Buda Castle
Buda Castle
Budapest, Attila út 21, 1013 Hongrie

Bibliotheca Corviniana

Il Castello fu anche la sede della leggendaria biblioteca, la cosiddetta Bibliotheca Corviniana, che era la collezione di libri di Mattia Corvino, ex re d'Ungheria, Croazia, Serbia, Bosnia, Repubblica Ceca e Bulgaria di quell'epoca, tra gli altri. Mattia Corvino è l'imperatore ungherese di maggior successo e prestigio di tutti i tempi, la cui collezione di libri era considerata la seconda più grande biblioteca dell'epoca. Solo la Biblioteca Apostolica Vaticana era all'avanguardia per dimensioni e varietà delle opere. I pezzi della collezione sono chiamati corvine, di cui ne rimangono solo 216 sparse in tutto il mondo, ma la maggior parte (53) sono di proprietà dell'Ungheria - 35 solo nel castello di Buda.

La supremazia dei turchi

Dopo la morte di Mattia Corvino nel 1490, e con l'intensificarsi del potere dell'Impero Ottomano, il Regno d'Ungheria si trovò in pericolo reale, il che alla fine portò all'occupazione turca verso la metà del XVI secolo. Inizialmente, nel 1526, Suleiman I, detto anche Suleiman il Magnifico, "solo" bruciò e fece irruzione nella città di Buda e nel Castello, poi continuò spinto dal suo costante istinto di conquista. Ma 15 anni dopo, gli ottomani tornarono a comportarsi come se avessero voluto schierarsi al fianco degli ungheresi contro l'esercito asburgico, ma alla fine occuparono il castello con una stratagemma. Dopo la morte del re ungherese Janos I, avvenuta l'anno precedente, la vedova Izabella Jagello e gli altri capi del potere ungherese dovettero negoziare con Suleiman I, nella sua tenda. Durante la collisione, l'unità d'elite dei Turchi prese il castello in segreto. Questo atto ebbe un significato così grande che rappresentò il primo passo della supremazia degli Ottomani sull'Ungheria per non meno di 145 anni. Fu restituito agli ungheresi solo nel 1686, ma è un'altra storia.

I giorni nostri

Oggi il Castello di Buda ospita istituti di cultura come segue:

Museo Storico di Budapest - Uno dei musei più significativi di Budapest, che raccoglie tutte le memorie materiali della storia della capitale.

Galleria Nazionale Ungherese - È la più grande collezione pubblica, che documenta e presenta le belle arti dell'Ungheria dal passato ai giorni nostri.

Biblioteca Nazionale Széchenyi - Questa è la biblioteca nazionale dell'Ungheria. Il suo compito è quello di raccogliere, elaborare, conservare e rendere disponibile il patrimonio culturale scritto ungherese e le questioni che hanno rilevanza ungherese.

Budapest History Museum
Budapest History Museum
Budapest, Szent György tér 2, 1014 Magyarország
Hungarian National Gallery, Budapest
Hungarian National Gallery, Budapest
Budapest, Szent György tér 2, 1014 Magyarország
National Széchenyi Library
National Széchenyi Library
Budapest, Országos Széchényi Könyvtár, Budavári Palota "F" épület, Magyarország

Anche se ci sono ancora innumerevoli storie da raccontare, legate a questo magnifico edificio storico per il quale i re si sono battuti per secoli, leggendo il mio articolo avete già un mucchio di conoscenze da possedere, che renderanno la vostra visita molto più sentimentale e tangibile. Venite in Ungheria e ammirate questo edificio reale e affascinante di persona - vi prometto, non rimarrete delusi! Né di giorno né al buio.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Vivi Bencze

Vivi Bencze

Ciao, mi chiamo Vivi e vengo dall'Ungheria, sempre entusiasta di esplorare quanti più posti possibile. Vivo a Budapest e la mia motivazione è farti esplorare l'Ungheria come la vedo io il mio paese.

Altre storie di viaggio