© Mark Levitin
© Mark Levitin

Chiacchierare con i monaci nel Tempio d'Argento di Chiang Mai

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Scintillante come una scatola di gioielli, e un prezioso oggetto di gioielleria in sé, il Tempio d'Argento di Chiang Mai è l'unico edificio in Asia interamente ricoperto d'argento. Fino a poco tempo fa, non era noto ai turisti comuni, ma le cose sono cambiate. Ora è uno spettacolo regolare per i visitatori della Thailandia, e il solito sviluppo turistico ha seguito: un biglietto d'ingresso (finora tollerabile), chiacchierate tra monaci la sera, e corsi di meditazione. Oltre alla sua unicità e bellezza complessiva, il tempio può essere trattato come una raccolta visiva di leggende buddiste, in quanto le incisioni in argento sulle pareti raffigurano jatakas (storie di vite precedenti di Lord Buddha) e altri miti. Il quartiere di Wualai, dove si trova il tempio, è una comunità o argentieri, e alcuni di loro - monaci e laici - possono essere visti lavorare nei locali.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Re e artigiani

Wat Sri Suphan, come il tempio è conosciuto in tailandese, è stato istituito nel 16 ° secolo dC, durante il regno di Lanna re Phra Muang Kaew, come un tempio di quartiere ordinaria. Come la maggior parte dei luoghi di culto, da allora è stato rinnovato innumerevoli volte, utilizzando le donazioni dei fedeli. Poi, tre secoli dopo, un altro re di Lanna, Kawila, portò un gruppo di abili argentieri dal loro villaggio a nord-ovest. Gli artigiani si stabilirono nel quartiere di Wualai e formarono una comunità professionale - come le strutture sociali, interi villaggi o blocchi di città popolati da maestri di un mestiere, sono molto tipici per l'Asia. I loro doni a Wat Sri Suphan spesso includevano argento, e quando è giunto il momento di ricostruirne alcune parti, hanno offerto il loro lavoro insieme al denaro. Inevitabilmente, la maggior parte dei monaci residenti provenivano dalla stessa comunità, e quindi sapevano anche lavorare l'argento. Ma il progetto finale di rivestire di metallo l'intera superficie esterna del tempio non era iniziato fino ai primi anni 2000, quando l'abate, Phra Kru Phithatsuthikhun, ebbe questa idea. Le parti del Tempio dell'argento esposte agli agenti atmosferici sono state infatti ricoperte di alluminio, zinco e nichel, mentre l'argento prezioso è utilizzato principalmente per le immagini sacre.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Niente donne

Un fatto importante da tenere a mente: non sono ammesse donne all'interno dell'ubosot, che è l'edificio principale che ospita la statua del Buddha. È piccolo e il suo interno può essere visto abbastanza bene attraverso il cancello. Se hai problemi femministi, scegli un altro luogo da visitare, sia per la tua sicurezza che per il buon senso culturale. Un cartello di avvertimento fuori dall'ubosot dice letteralmente: "Sotto la base di Ubusotha, nel confine monastico, molte cose preziose, incantesimi, amuleti e altri oggetti sacri sono stati sepolti oltre 500 anni fa. Entrare in quest'area può deteriorare il luogo o altrimenti la stessa signora". Beh, non peggiorare.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Praticità

Il Tempio d'Argento si trova a sud di Chiang Mai, non lontano dalla Porta Sud. Fatti una nuova canzone o cammina. Ora c'è un biglietto d'ingresso per i turisti stranieri: 50 THB al momento della ricerca. Le conversazioni monacali (in inglese) si svolgono ogni martedì, giovedì o sabato alle 17:30. Lezioni di meditazione buddista rapide sono offerte. Gli argentieri che lavorano nel tempio offrono anche corsi di lavorazione dei metalli al prezzo di negoziazione. Le botteghe artigiane del quartiere sono un buon posto per acquistare gioielli in argento. Per un fotografo, il tempo sereno è essenziale per catturare lo scintillio delle tempie al sole.

Silver Temple, Chiang Mai
Silver Temple, Chiang Mai
Wua Lai Rd, Tambon Hai Ya, Amphoe Mueang Chiang Mai, Chang Wat Chiang Mai 50100, Thailand

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio