Natale a Napoli: pro e contro

6 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Il Guardian ha recentemente scelto Napoli come una delle 10 migliori città dello shopping natalizio in Europa. Ecco le impressioni di un’autoctona!

Secondo un recente articolo pubblicato sul sito web del Guardian, Napoli è una delle migliori città d'Europa per lo shopping natalizio. Gli autori sottolineano giustamente che

Di tutte le città italiane, Napoli celebra il Natale con più gusto - il centro storico scintilla di luci festose, numerosi musicisti di strada arrivano in città per la stagione ... e questa è la casa del presepe, o la casa del Natale.

Tuttavia, come abitante del luogo, ho qualche dubbio sul fatto che il Natale sia il periodo migliore dell'anno per visitare Napoli. Tuttavia, si deve decidere dove e quando andare a visitare un luogo e non direi mai che il Natale non è un buon periodo per venire a Napoli. Ma, come ho appena detto, penso che non sia proprio il periodo migliore. Per questo motivo vorrei fare una lista dei "pro e i contro" per visitare Napoli in questo particolare periodo dell'anno. Allora vediamo: per voi vincono i pro o i contro?

Contro

La città è piena di turisti!

Lo scorso anno Napoli, durante il fine settimana dell'8 dicembre, festa dell'Immacolata Concezione, un giorno festivo molto osservato in Italia, Napoli era al completo. Ovvero non c'era letteralmente nessuno spazio vivibile dove stare in città, perché Napoli era affollatissima. Non solo c’erano le persone che pernottavano in città per qualche giorno, ma vi erano anche quelle che erano a Napoli per un giorno solo, per una passeggiata o per un po' di shopping.

Anche se attualmente non vivo più a Napoli, ricordo che, quando vivevo lì, questo periodo era un incubo assoluto. Muoversi da una zona all’altra, spostandosi da A a B, era così difficile e faticoso che preferivo non uscire affatto. A proposito, io e i miei amici di Napoli siamo ancora dell’idea di evitare di incontrarci nei giorni più "caldi" del periodo natalizio (come l'8 e il 24) perché è molto stressante. Ci sono così tante persone e turisti in città che diventa difficile anche muoversi a piedi ad un ritmo normale, soprattutto nel centro storico. Per non parlare dell'impossibilità di fare shopping o di mangiare qualcosa in pizzeria.

E' ovvio che si tratta di una questione di scelta personale. Personalmente non mi piace visitare un posto nuovo durante i periodi più turistici dell'anno, ma capisco che sono anche i periodi in cui le persone si assentano dal lavoro per qualche giorno. Tuttavia, penso che una delle attivittà più belle da fare a Napoli sia camminare senza meta per la città per ammirarne la bellezza. Quando un luogo è troppo affollato, le persone alla fine perdono un po 'd’interesse e si concentrano invece su come allontanarsi dalla situazione caotica.

Il (potenziale) maltempo.

Anche se Napoli gode di bel tempo durante tutto l'anno rispetto ad altre città europee, dicembre è ancora l'inizio dell'inverno e le giornate piovose sono una possibilità che si dovrebbe prendere in considerazione. Naturalmente, nessuno di noi può prevedere il tempo prima di prenotare le vacanze, ma abbiamo alcune certezze. Per esempio, la primavera e l'estate sono sicuramente periodi migliori per venire a Napoli.

Ho questa teoria personale sulla pioggia e sulle città. Ci sono alcune città come Londra, per esempio, che sono perfette anche con la pioggia. Quello che voglio dire è che, anche se la maggior parte di noi preferirebbe una vacanza al sole, la pioggia si adatta a Londra e non ostacola la sua bellezza. Ci sono altre città, d'altra parte, la cui bellezza non è esaltata nei giorni di pioggia. Bene, per me Napoli è una di queste. Ci deve essere un motivo per cui Napoli è chiamata "la città del sole". Lo dico nel vero senso della parola, è innegabile che la soleggiata Napoli sia pura perfezione.

Poiché le probabilità di pioggia a dicembre sono più alte che a maggio, c'è la possibilità di incontrare la "Napoli piovosa" e personalmente non mi piace molto. Non si tratta solo di estetica, ma anche del fatto che la città è più lenta quando piove, i treni potrebbero ritardare, le strade affollate sono un incubo con gli ombrelli, e i turisti con i loro impermeabili di plastica sembrano così tristi. Suggerisco di visitare Napoli quando si può avere il meglio della città a 360 gradi.

Suggerimento: oltre a Londra, sai che città è bella sia con la pioggia che con il sole? Sicuramente Roma, la città eterna! L'atmosfera natalizia rende la capitale italiana ancora più magica e affascinante. Se vi capita di essere lì quest'anno intorno a dicembre - inizio gennaio, non potete perdere l’illuminazione dell'albero di Natale del Vaticano. Se siete pronti per la sorpresa, piuttosto che per la tradizione, allora dovreste sicuramente andare a vedere il più grande albero di Natale del mondo presente a Gubbio! Sì, state leggendo bene... l'albero più grande del mondo, un risultato reso possibile da più di cinquanta volontari e migliaia di ore di allestimento, andate a darci un'occhiata!

Pro

La cucina tipica natalizia!

Se sei un foodie orgoglioso come me, allora Napoli è la città giusta per voi in ogni periodo dell'anno. Dicembre, però, con i suoi tipici piatti natalizi è particolarmente propizio se si vuole esplorare la cucina locale. Struffoli, mustaccioli, susamielli, rococò, la lista continua, sono piatti economici, deliziosi e tipici che si possono trovare ovunque a Napoli in questo periodo. A dire il vero, si potrebbe occasionalmente trovare tutto l'anno in negozi specifici, ma mangiare struffoli in, diciamo, luglio, non è proprio la stessa cosa. Ci vuole la stagione giusta per il cibo giusto!

I miei preferiti sono i mustaccioli, anche chiamati mostaccioli, dolci a forma romboidale a base di miele e frutta candita e ricoperti di cioccolato. Ci sono ora molte alternative di questo dolce della tradizione napoletana per esempio possono essere più piccoli o ricoperti di glasse diverse. Per me, insieme agli struffoli, i mustaccioli rappresentano i dolci natalizi per eccellenza, più del pandoro o del panettone. Onestamente, ho mangiato solo due di loro mentre scrivevo questo articolo perché ... beh, perché sono troppo buoni e non posso resistere.

Oltre ai dolci, il tradizionale menù natalizio napoletano propone: spaghetti alle vongole, capitone e baccalà fritti, insalata di rinforzo (con verdure e cavolfiore marinati) e tante altre prelibatezze super caloriche. A volte mi sembra che qui a Napoli, il Natale sia troppo incentrato sul cibo ma ehi, non posso lamentarmi. Se volete saperne di più su quello che Napoli ha da offrire in termini di cibo leggi l’articolo sul cibo di strada e l'arte di strada in città!

Via San Gregorio Armeno.

Se l'arte del presepe, o presepio, potesse mai trovare un sinonimo, sarebbe "via San Gregorio Armeno". Questa strada di Napoli è completamente dedicata all'arte di fare il presepe. Anche se si possono vedere i manufatti e le statue ogni giorno dell'anno, è indiscutibile che il Natale è il periodo perfetto per guardare le piccole botteghe e ammirare i migliori esempi di quest'arte centenaria.

Tutti i laboratori della strada espongono i propri presepi fatti a mano, creati secondo l'arte napoletana della produzione dei presepi. Oltre ad essere fatti a mano, i personaggi sono tutti in terracotta e dipinti a mano. Dal momento in cui Napoli e la commedia sono due parole che vanno di pari passo, i personaggi che si possono trovare in una presepe non sono solo quelli tradizionali. È diventata un'abitudine che anche politici, cantanti, attori e altri personaggi famosi vengano incorporati nel presepe. Come il giornale Time elegge la sua "persona dell'anno", anche le botteghe di San Gregorio Armeno eleggono il loro "personaggio dell'anno": parte dell'ironia potrebbe sfuggire al turista poiché la scelta si basa solitamente su alcuni eventi particolarmente significativi o scandalosi per i media italiani, ma è comunque un tratto distintivo di Napoli.

Un piccolo giochetto per te: vedi Benino, il piccolo pastore che dorme per terra? È un personaggio molto importante nel presepe napoletano. Secondo la leggenda, l'intero presepe è la rappresentazione di ciò che Benino sta sognando! Spesso si trova in una posizione speciale in primo piano, in modo tale da poterlo individuare subito senza problemi.

Ecco quindi il mio elenco personale dei pro e i contro di una visita a Napoli nel mese di dicembre. Qual è la vostra opinione? I contro superano i pro? O viceversa? Naturalmente dipende da voi! In ogni caso, spero che vi piacerà Napoli e vi auguro un bellissimo soggiorno!

San Gregorio Armeno Street
San Gregorio Armeno Street
Via S. Gregorio Armeno, 80138 Napoli NA, Italia

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Sara Anna Iannone

Sara Anna Iannone

Sono Sara Anna, appassionata di avventura, avida lettrice e appassionata di viaggi. Vi lascio esplorare e innamorarvi della mia amata Campania, l'Italia, un luogo intrigante e bellissimo.

Altre storie di viaggio