Cover photo © credits to Cinémathèque française
Cover photo © credits to Cinémathèque française

Cinémathèque française: il paradiso per gli amanti del cinema

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La Cinémathèque française è un vero paradiso per gli amanti del cinema. Fondata nel 1936 e situata in un pittoresco edificio progettato da Frank Gehry, la Cinémathèque française è un luogo che ospita uno dei più grandi archivi di documenti cinematografici e di strumenti legati al mondo del cinema. Quindi, non solo si possono vedere film da tutto il mondo, ma anche osservare alcuni oggetti di culto come il robot donna del film 'Metropolis' di Fritz Lang o la testa della signora Bates in "Psycho" di Alfred Hitchcock.

The Cinémathèque Française, Paris
The Cinémathèque Française, Paris
51 Rue de Bercy, 75012 Paris, France

Storia

Henri Langlois, archivista cinematografico francese e pioniere nella conservazione dei film, fondò la Cinémathèque française a Parigi nel 1936. L’obiettivo di questo luogo era quello di preservare i film, restaurarli e proiettarli. Henri Langlois iniziò anche a raccogliere tutto ciò che riguardava il mondo del cinema: macchine fotografiche, manifesti cinematografici originali, pubblicazioni, costumi e persino set cinematografici. La Cinémathèque française influenzò i registi francesi della New Wave come François Truffaut e Jean-Luc Gorard, e alcuni di questi registi furono persino chiamati i figli della Cinémathèque. Ma le cose non andarono sempre così lisce. L'approccio di Henri Langlois alla conservazione dei film fu sempre di tipo convenzionale e nel 1968 le autorità francesi smisero di finanziare questo progetto e licenziarono addirittura Langlois. Dopo un'incredibile insurrezione di studenti e registi, la Cinémathèque française venne riaperta e Henri Langlois ritornò a lavorarci.

L'edificio

Dopo numerosi trasferimenti da una sala di proiezione all'altra, la Cinémathèque française si trasferisce finalmente in uno spettacolare edificio postmoderno progettato dall'architetto americano Franck Gehry. Gehry aveva originariamente progettato questo edificio nel 1993 per ospitare un centro culturale americano. Ma, dopo pochi anni, a causa di problemi finanziari, il Centro venne chiuso. Nel 1998, le autorità francesi decisero finalmente di trasferire qui la Cinémathèque française. Oggi, all'interno della Cinémathèque française, i visitatori possono visitare il Museo di storia del cinema. Questo luogo presenta l’ancora viva storia del cinema dalle origini ai giorni nostri. La collezione del museo ha più di 5.000 oggetti legati al cinema dai costumi, agli accessori cinematografici, alle lanterne magiche, alle camere oscure, ai costumi leggendari indossati da attori di Hollywood, alle scatole di immagini, alle macchine fotografiche, ai proiettori, ai manifesti dei film originali, alle fotografie, ai manoscritti e altri archivi. La Cinémathèque française dispone anche di una biblioteca che offre una grande varietà di documenti specifici legati al cinema.

Photo © credits to kaktus
Photo © credits to kaktus

Informazioni pratiche

La Cinémathèque française, paradiso per gli amanti del cinema, è aperta tutti i giorni dal mercoledì al lunedì, dalle 12.00 alle 19.00. Dopo la proiezione di un film, il luogo ideale per un drink o una cena è il ristorante "Les 400 coups" situato all'interno della Cinémathèque. Nel menu: cibi freschi, birra artigianale e un menu speciale per i bambini. Questo ristorante è aperto tutti i giorni, tranne il martedì.

Les 400 coups
Les 400 coups
51 Rue de Bercy, 75012 Paris, France

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Sladjana Perkovic

Sladjana Perkovic

Ciao, mi chiamo Sladjana, giornalista e scrittrice che vive a Parigi, in Francia. Scrivo di luoghi francesi ben nascosti, gastronomia ed eventi culturali.

Altre storie di viaggio