© istock/bykac
© istock/bykac

La conquista della vetta più alta della Bosnia - il Monte Maglić

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Quando il "Padre dei parchi nazionali" John Muir ha detto "le montagne chiamano e io devo andare", non poteva immaginare che questo sarebbe diventato un motto di molti appassionati scalatori nei secoli successivi. Essendo il più accanito sostenitore della conservazione della natura selvaggia e dell'istituzione del Parco Nazionale dello Yosemite, egli avrebbe senza dubbio sostenuto la stessa causa per il Parco Nazionale di Sutjeska, chiamato anche Yosemite europeo, se avesse avuto la possibilità di vederlo. Da allora, molte cose sono cambiate, e le inondazioni di turisti hanno occupato lo Yosemite, mentre lo Yosemite europeo è rimasto piuttosto calmo e nascosto nella sua natura selvaggia. Tra le sue numerose rarità, come l'ultima giungla europea chiamata Perućica, il Monte Zelengora e i suoi otto laghi glaciali, il Parco Nazionale Sutjeska nasconde anche la cima più alta della Bosnia ed Erzegovina. Se l'idea di conquistare la vetta più alta della Bosnia sul Monte Maglić, pur vedendo a malapena altri scalatori all'orizzonte, vi attira, allora continuate a leggere.

Un nascondiglio impegnativo

© istock/mapraest
© istock/mapraest

Situato al confine con il Montenegro, il Monte Maglić si trova a circa 20 km dalla città di Foča, e si trova all'interno del Parco Nazionale Sutjeska. È circondato dal fiume Sutjeska a nord e a ovest, dal monte Volujak a sud-ovest, dal monte Bioč a sud e dai fiumi Drina e Piva a est. Insieme al Monte Zelengora e al Monte Volujak, il Monte Maglić crea un triangolo impegnativo, una sorta di rifugio per alpinisti esperti. Salendo i ripidi pendii di questa bellezza, nelle parti più basse vedrete la faggeta, mentre a partire da 1600 m sopra il livello del mare iniziano gli altipiani con i prati, seguiti da cime rocciose e da alcuni iceberg. Forse non per i patiti dell'altitudine, ma conquistare il Veliki Maglić (2386 m), la cima più alta della Bosnia ed Erzegovina, è estremamente impegnativo per tutti gli alpinisti. Ma vale la pena godersi il panorama, una volta arrivati in cima.

Panorami stupendi

© djurafiskultura
© djurafiskultura

Quando vi trovate nel Parco nazionale di Sutjeska, dopo un'ora di viaggio da Tjentište, arriverete all'altopiano chiamato Prijevor, uno dei due possibili punti di partenza per la salita verso la vetta più alta. Già a Prijevor (1668 m), mentre vi godete la vista sulle montagne Trnovački Durmitor, Studenac, Badnja, Volujak e Zelengora otterrete il sapore di ciò che vi aspetta in cima. Come suggerisce il nome, il Monte Maglić (Montagna nebbiosa) è coperto di nebbia per la maggior parte dell'anno, ma può cambiare abbastanza velocemente in qualsiasi momento della giornata.

Maglić Summit, National Park Sutjeska
Maglić Summit, National Park Sutjeska
Maglić

Ricordate solo che questo sarà un percorso semi-alpino impegnativo anche per i più esperti, quindi è necessaria un po' di esperienza alpinistica, oltre a scarponi da alpinismo, guanti e elmetti. In estate, a Prijevor vedrete i prati pieni di fiori, ma non appena inizierete la salita, saranno sostituiti da ghiaioni e terreni rocciosi, molto difficili da percorrere. Presto si raggiungeranno le rocce con impianti di via ferrata da dove i cavi vi aiuteranno a salire più facilmente, ma anche per motivi di sicurezza. Dopo 2,5 ore e mezzo di salita impegnativa, si raggiunge la vetta più alta della Bosnia - Veliki Maglić (2386). Da lì potrete godere di stupendi panorami. Il monte Volujak, il monte Zelengora, il monte Bioč e il Trnovački Durmitor si aprono davanti ai vostri occhi. Tuttavia, una bellezza irresistibile vi ruberà il cuore - il lago Trnovačko a forma di cuore.

Uno smeraldo a forma di cuore - Lago Trnovačko

© National Park Sutjeska
© National Park Sutjeska

Poiché sarete in soggezione di questa bellezza, la vostra spedizione può proseguire verso quel punto, passando dall'altra cima del Monte Maglić (2388), situata in Montenegro. Dopo una piacevole passeggiata attraverso i prati fioriti raggiungerete la vetta, ma poi vi aspetta un altro compito molto impegnativo - una discesa ripida e rocciosa di 600 m verso lo smeraldo a forma di cuore - il lago Trnovačko. La discesa durerà altre due ore. Non solo questo sentiero è impegnativo, ma anche l'affascinante lago smeraldo vi distrae. Sarà difficile non guardarlo e concentrarsi sul sentiero. Il lago Trnovačko si trova a 1517 m di altitudine, a nord-ovest del Montenegro e molto vicino al confine con la Bosnia-Erzegovina. Con i suoi 2800 m di costa e la profondità di 9 m, questo lago glaciale è abbracciato da molte cime rocciose, che si riflettono in un colore blu-verde dell'acqua. Se il tempo lo permette, qui si può fare una nuotata rinfrescante. A proposito, questa località è ideale per il campeggio, se vi piace.

Un viaggio glorioso

Alla fine di questo glorioso viaggio, potrete contemplare tutte le meraviglie che avete visto sul sentiero. Essendo ancora sconosciuto alle masse, il Monte Maglić è un rifugio perfetto per escursionisti e alpinisti appassionati. Conquistare la vetta più alta della Bosnia è impegnativo ma incantevole. Prima di partire, un altro consiglio da non perdere è quello di esplorare Perućica, l'ultima giungla d'Europa per capire perché questo è probabilmente il segreto turistico meglio custodito del Vecchio Continente.


Lo scrittore

Ljiljana Krejic

Ljiljana Krejic

Sono Ljiljana, della Bosnia-Erzegovina. Essendo un giornalista, non posso sfuggire a questa prospettiva quando viaggio. La mia missione è farvi esplorare l'ultima gemma ancora da scoprire in Europa.

Altre storie di viaggio