© Istock/photo4passion
© Istock/photo4passion

Contemplare gli orrori della guerra nel Museo Hellfire Pass, Kanchanaburi

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Nascosto tra le colline boscose della catena del Tenasserim, a circa 80 km a nord di Kanchanaburi, si trova l'Hellfire Pass, luogo dell'ennesimo olocausto della seconda guerra mondiale. Un tentativo giapponese di trascinare la Birmania Railway attraverso le montagne usando il lavoro in schiavitù aveva causato enormi perdite di vite umane tra i prigionieri, sia prigionieri di guerra che tra la gente del posto. Un museo commemorativo è stato eretto in questo luogo al giorno d'oggi. Anche se non è di grande interesse per un turista occasionale, questa mostra ci ricorda l'inutile omicidio di massa che la guerra è essenzialmente. L'orrore e la sua inutilità possono non essere le idee che si desidera contemplare in vacanza, ma può valere la pena di viverlo comunque. Nel caso in cui - dopo tutto, chissà cosa potrebbe accadere domani?

© Istock/Panmaule
© Istock/Panmaule

Taglio Konyu

I giapponesi chiamavano il sito "Konyu cutting". Le miserabili condizioni di vita, il lavoro di rottura della schiena e il modo in cui questa crepa umana nel terreno sembrava di notte, quando, illuminata da file di torce fiammeggianti, aveva portato i prigionieri a rinominarla "Hellfire Pass". E l'inferno era: 18 ore al giorno di turni di lavoro, malnutrizione, percosse regolari, calore, umidità, zanzare, malattie infettive. Ci sono volute sei settimane per costruire i binari di taglio e di posa dei binari, e un POW su cinque non è sopravvissuto per vederne la fine. Ancora più alto è stato il tasso di vittime tra i Romusha - gli abitanti locali tailandesi e mondani, radunati nei loro villaggi e mandati nei campi di lavoro, nonostante non partecipassero affatto a questa guerra (e tecnicamente, la Thailandia era alleata del Giappone). Lavoratori malesi e cinesi assunti, attirati con contratti legali, poi rinchiusi con tutti gli altri, aggiunti al conteggio dei corpi. Solo che non c'era il conteggio dei corpi, a nessuno importava. E nulla di tutto ciò aveva prodotto risultati degni di nota - a causa dei frequenti raid aerei alleati, la Birmania non ha mai potuto essere mantenuta abbastanza funzionale da influenzare le maree di guerra.

© Istock/JHK2303
© Istock/JHK2303

Museo e centro interpretativo

Gli sforzi congiunti degli ex governi ANZAC, di varie ONG e delle autorità thailandesi hanno dato vita a un museo moderno, altamente educativo e ben tenuto. C'è un audio-tour attraverso il taglio, incluse le interviste registrate con i sopravvissuti. Ci sono un certo numero di fotografie descrittive, un sacco di oggetti commemorativi, e una presentazione video in loop che racconta la disperata storia di Hellfire Pass. Tutto questo è pulito, pulito, ordinato, digitalizzato e difficile da associare all'esperienza di uno schiavo affamato costretto a distruggere rocce per 18 ore a caldo tropicale. Si può vedere come ha preso il titolo di "top museum in Thailand" di Tripadvisor; si può sospettare che abbia cercato di raggiungere proprio questo obiettivo. La mostra è sempre un po' sbilanciata - le storie si concentrano sui prigionieri dell'ANZAC, che ritornano alle loro sofferenze più e più volte, mentre i Romusha sono solo brevemente citati una o due volte come dato statistico. Si potrebbe preferire di lasciarsi alle spalle gli edifici moderni sterilizzati del centro interpretativo, le sue ciotole commemorative, i fiori e altri simboli, e semplicemente fare una passeggiata attraverso il taglio. Ascolta gli alberi, guarda le pietre.

© Istock/Oppdowngalon
© Istock/Oppdowngalon

Praticità

Non circolano più treni su questo tratto della ex Birmania Railway. Il modo più semplice per raggiungere l'Hellfire Pass Museum è prendere un autobus da Kanchanaburi. Qualsiasi autobus diretto a nord, cioè a Thong Pha Pum o Sangkhlaburi, va bene. C'è una piccola mensa al museo, che vende più o meno tutto ciò di cui un turista potrebbe aver bisogno. L'ultimo autobus di ritorno passa intorno alle 17:00 PM, ma non c'è molto da attendere comunque. Fate una passeggiata, contemplate gli orrori della guerra, tornate al vostro rafthouse o visitate alcune cascate nelle vicinanze. Continua con quella vacanza. Speranza per il meglio.

Hellfire Pass Museum, Kanchanaburi
Hellfire Pass Museum, Kanchanaburi
Hellfire Pass, Tha Sao, Sai Yok District, Kanchanaburi 71150, Thailand

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio