© Istock/ marchello74
© Istock/ marchello74

Copacabana, la spiaggia più famosa al mondo

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Chi non ha mai sentito parlare di Copacabana Beach? Chi non ha mai sognato di visitare Copacabana, passeggiare lungo la famosa passerella portoghese in pietra e tuffarsi nelle acque della spiaggia più famosa di Rio de Janeiro? Sì, Copacabana è tutto questo e anche di più. È la principale destinazione turistica del Brasile, e vi spiegherò perché.

Atlantic Avenue (Copacabana), Rio de Janeiro
Atlantic Avenue (Copacabana), Rio de Janeiro
Av. Atlântica, Rio de Janeiro - RJ, Brasil

Prima di tutto, Copacabana non è solo una spiaggia, è un intero quartiere situato nella zona sud della città di Rio de Janeiro, culla della moderna cultura brasiliana. Confina anche con i quartieri di Lagoa, Ipanema, Botafogo, Leme e Humaitá. Inoltre, è piena di ristoranti, bar, caffè, caffè, alberghi, ecc.; tutto è fatto per ospitare i turisti nel modo più confortevole. Uno degli edifici più famosi è il Palazzo Copacabana, l'hotel più tradizionale della città, inaugurato nel 1923. L'edificio si distingue per la sua eleganza e grandezza, ha ospitato nelle sue stanze molte celebrità nazionali e internazionali.

© Istock/ diegograndi
© Istock/ diegograndi

Ma, naturalmente, l'attrazione principale è la spiaggia, dove è possibile prendere il sole e praticare sport da spiaggia durante il giorno, e fare una passeggiata sul lungomare. Inoltre, c'è sempre movimento, come la gente che beve birra o succhi (altamente raccomandato da me), che canta, mangia, la gente che cammina e cammina, è un luogo dove tutto può accadere. Essere a Copacabana Beach è come essere in un vecchio film, in attesa di romanticismo e avventure. A capodanno, ad esempio, Copacabana si trasforma in un magico regno di gioia.

© Istock/ wenht
© Istock/ wenht

Copacabana è anche conosciuta per la sua eccitante vita notturna, grazie al gran numero di cinema, pianoforti e locali notturni che esistevano lì fino alla fine degli anni Ottanta. Inoltre, alla fine degli anni '50, a Copacabana nacque la Bossa Nova, uno dei ritmi musicali brasiliani più conosciuti al mondo.

Durante il decennio degli anni '90, però, questa vita bohémien si è affievolita, con le numerose trasformazioni e cambiamenti della società. La situazione è cambiata di nuovo nell'ultimo decennio, quando il governo ha iniziato ad illuminare la striscia di sabbia. E 'stato un grande successo, e in estate si può vedere persone che giocano a calcio o volley di notte, o semplicemente godersi le onde della spiaggia.

© Istock/ marchello74
© Istock/ marchello74

Tenete presente che la spiaggia di Copacabana è una delle principali attrazioni turistiche del Brasile. Quindi, anche se c'è una spiaggia di 4,15 km con una striscia di sabbia che raggiunge una larghezza di 150 m tra il viale atlantico fino all'acqua, la spiaggia può essere molto affollata nei fine settimana. Quindi, per evitarlo, vi consiglio di andarci nei giorni feriali.

Consigli locali: Non dimenticare di usare la protezione solare, il sole può essere molto aggressivo, a seconda di quando si va. Un'altra cosa importante, quando si va lì, portare i soldi brasiliani (reale); anche se si accettano euro o dollari, probabilmente vi farà pagare un sovrapprezzo se si vuole consumare qualcosa lì. Non camminare con il cellulare in mano o visibile. Anche se è un luogo turistico e sicuro, bisogna essere prudenti.

Spero che questo posto ti piaccia tanto quanto me. E 'sicuramente un posto incredibile e speciale sulla terra!!!


Lo scrittore

Fabio Jardelino

Fabio Jardelino

Sono nato in una grande città del Brasile, chiamata Recife, ma mi sono reso conto che non era abbastanza grande per me. Ho vissuto in Brasile, poi all'estero e attualmente sono in Europa, ma sempre quando ne ho la possibilità, torno in Brasile per godermi il mio meraviglioso paese. Inoltre, voglio darvi un po' di questa esperienza brasiliana, attraverso i miei articoli e le mie foto.

Altre storie di viaggio