©iStock/Fiers
©iStock/Fiers

COVID-19 a Tokyo: restrizioni e Olimpiadi rinviate

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Tokyo, la capitale del Giappone, è il luogo in cui si sarebbero dovuti tenere i Giochi Olimpici nell'agosto 2020. Purtroppo, la pandemia mondiale COVID-19 sta avendo un forte impatto sulle nostre vite e attualmente sta sconvolgendo tutte le attività. Di conseguenza, il Comitato Organizzatore di Tokyo 2020 ha annunciato che le Olimpiadi saranno rinviate all'estate del 2021 e che i biglietti acquistati per i Giochi di quest'anno saranno validi, ove possibile, nel 2021. I possessori di biglietti che non potranno partecipare nel 2021 saranno rimborsati.

Tokyo 2020 e il CIO confermano che il 24 marzo 2020 è stato concordato tra il CIO e il Giappone che i Giochi della XXXII Olimpiade saranno celebrati nel 2021. Questo rinvio è stato fatto per proteggere la salute di tutte le persone coinvolte nella messa in scena dei Giochi, in particolare degli atleti, e per sostenere il contenimento del virus. Sarà ora compito del CIO valutare tutte le sfide indotte dal rinvio dei Giochi, compreso l'impatto finanziario per il Movimento Olimpico -Olympics.org

Tokyo attira di solito molti visitatori grazie alla coesistenza della sua cultura ultramoderna con gli elementi tradizionali giapponesi. Molti visitatori sono spesso colpiti dalla gentilezza dei giapponesi e da come viene mantenuto l'ordine sociale. Ora, Tokyo, la città che non dorme mai, è soggetta a restrizioni, come la maggior parte dei luoghi, a causa di COVID-19. La pandemia ha colpito il Giappone più tardi del previsto, e poi il governo giapponese ha annunciato una dichiarazione di emergenza per evitare che il numero di persone infette aumenti. Attraverso la dichiarazione, il governo ha chiesto ai residenti di astenersi dall'uscire a meno che non sia necessario, di sospendere le attività commerciali diverse da quelle essenziali per il mantenimento della vita dei cittadini, e di smettere di utilizzare le strutture dove si riuniscono molte persone. Tuttavia, la legge sulle misure speciali non prevede l'isolamento con sanzioni.

©Maiko Yoshinari
©Maiko Yoshinari
Shibuya Crossing, Tokyo
Shibuya Crossing, Tokyo
2 Chome-2-1 Dogenzaka, Shibuya City, Tōkyō-to 150-0043, Japan

Maschere, maschere, maschere

©iStock/rockdrigo68
©iStock/rockdrigo68

Indossare una maschera è sempre stato parte della cultura giapponese, anche prima dell'inizio di questa pandemia. I bambini durante il pranzo a scuola indossano le maschere. Le persone che usano i mezzi pubblici indossano le maschere, soprattutto in inverno. I giapponesi credono che le maschere non aiutino solo a proteggere, ma anche ad evitare la diffusione del virus - soprattutto se si è portatori del virus. Quindi non è insolito avere delle scorte di maschere in casa; tuttavia, questa pandemia ha causato un tale panico che le maschere sono scomparse da tutto il Giappone per un po' di tempo. Le scorte di maschere stanno apparentemente tornando lentamente nei negozi; tuttavia, c'è ancora una carenza, e i prezzi sono aumentati drasticamente. C'era ancora gente in giro, con le maschere addosso, a marzo e all'inizio di aprile, quando i ciliegi Sakura stavano fiorendo in tutto il Giappone. Tuttavia, dopo la dichiarazione di emergenza e la preoccupazione per il crollo del sistema sanitario, la gente sta rispondendo seriamente alle richieste di autocontrollo.

Manca il trambusto vivace

©Maiko Yoshinari
©Maiko Yoshinari

Prima che COVID-19 cominciasse ad essere un problema, non c'è dubbio che i non residenti a Tokyo, sia giapponesi che visitatori d'oltreoceano, fossero scioccati da quanto fossero follemente affollati i treni di Tokyo, soprattutto nelle ore di punta. Ora, questo non si vede da nessuna parte. Molti esercizi commerciali sono temporaneamente chiusi o aperti solo con restrizioni e per un tempo limitato. Non si può sentire da nessuna parte l'energia vivace tipica di Tokyo. In quel momento è scomparsa quasi completamente. La gente evita di uscire. La gente evita di stare insieme. Sotto questa restrizione, la frustrazione e la preoccupazione della gente sono aumentate: ci auguriamo vivamente che il trambusto vivace ritorni.

Sopravvivenza aziendale nel mondo virtuale

©iStock/Fiers
©iStock/Fiers

L'economia giapponese è stata colpita da questa pandemia, come è successo in tutto il mondo. Soprattutto il turismo e i ristoranti ne hanno risentito, ma molti nuovi interessanti tentativi sono stati fatti online per aiutarci a sopravvivere. C'è un servizio virtuale onsen (hot spring) dove la gente può sentire l'atmosfera onsen a casa o parchi di divertimento virtuali per godersi le diverse giostre online. Molti ristoranti hanno cambiato il modo di gestire l'attività e sono passati al servizio da asporto. Attualmente, la restrizione nelle città non capitali si sta allentando e la vita sta lentamente tornando. Le attività commerciali di Tokyo, tra cui il turismo, l'intrattenimento e l'industria della ristorazione, sono ancora soggette a rigide normative.

©Maiko Yoshinari
©Maiko Yoshinari

Questa pandemia inaspettata ha avuto un impatto sulla vivace energia di Tokyo. Tuttavia, la gente sta pazientemente tenendo duro, in attesa della ripresa. Non c'è dubbio che l'energetica cultura metropolitana super unica di Tokyo tornerà in azione molto presto: nel frattempo ci prepareremo per le Olimpiadi di Tokyo del 2021.


Lo scrittore

Mayo Harry

Mayo Harry

Salve, sono Mayo, dal Giappone. Dalla fine della mia adolescenza, la mia vita è stata una serie di viaggi in giro per il mondo e in Giappone. Sono lieta di condividere la mia conoscenza ed esperienza del Giappone con tutti voi.

Altre storie di viaggio