© iStock/elisalocci
© iStock/elisalocci

Scopri l'Asinara, l'italiana Alcatraz

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

L'Asinara potrebbe essere chiamata l'italiana Alcatraz. Gli antichi romani la chiamavano "sinuaria", che significa sinuaria (contorta). Nacque così il nome del luogo, che molti secoli dopo si trasformò foneticamente in L'Asinara. Tuttavia, la maggior parte della gente pensa che il nome di questa piccola isola è stato dato a causa di un gran numero di asini bianchi (in italiano "asino") che vi abitano.

© iStock/ezioman
© iStock/ezioman

La storia ha lasciato molte tracce sulle pietre dell'Asinara, e gli studiosi suppongono che sia nella sua parte settentrionale che sia stata trovata la più antica testimonianza della presenza umana in Sardegna. Le Domus de Janas erano le leggendarie "case delle fate", scavate nella roccia e presenti in tutta la Sardegna. Si trovano sulla spianata di Campu Perdu e risalgono al quarto millennio aC. Successivamente, in epoca romana, l'isola fu abitata: è ancora possibile vedere i relitti di navi romane che trasportavano anfore proprio di fronte al porto di Cala Reale.

© Imago Mundi Onlus
© Imago Mundi Onlus
Domus de Janas Campu Perdu Asinara
Domus de Janas Campu Perdu Asinara
Piano di Campu Perdu, Isola dell'Asinara, 07046 Porto Torres SS, Italia

L'isola dell'Asinara è piccola ma montuosa, con coste molto frastagliate, battute dal mare e dai venti. Nel corso del tempo, l'Asinara ha ospitato personaggi famosi, mitologici e reali: da Ercole al pirata Barbarossa. Anche i nobili pisani e genovesi, aragonesi, savoiardi e sassaresi sarebbero vissuti qui. Fino al 1885, quando tutto cambiò: sull'isola furono istituiti una struttura sanitaria di quarantena e una prigione, e tutti gli abitanti furono invitati a trasferirsi.

© Aldo Tronci
© Aldo Tronci

Fino al 1997, anno di chiusura della prigione, l'Asinara è rimasta isolata e abitata solo da prigionieri e dai loro custodi. Dal dopoguerra in poi, la colonia penale ha ospitato i maggiori esponenti del terrorismo italiano, della mafia e della camorra. Scappare dall'isola era praticamente impossibile; l'unica persona che riuscì a fuggire fu un bandito sardo su un gommone.

© iStock/ezioman
© iStock/ezioman

Parco Nazionale dell'Asinara

Questi 100 anni di solitudine forzata hanno dato all'isola una condizione ambientale auspicabile. Per più di un secolo, qui non è stato costruito nulla; le spiagge e gli stagni sono rimasti intatti, gli animali hanno vissuto in libertà. Nel 1997 è stata avviata l'istituzione del Parco Nazionale dell'Asinara e dell'Area Marina Protetta. Molte specie animali vivono indisturbate sull'isola, tra cui gli amichevoli asini, mufloni e cinghiali, capre, lepri e tartarughe. Si possono osservare anche centocinquanta specie di uccelli. Dall'autunno alla primavera, le zone umide ospitano i fenicotteri.

© iStock/elisalocci
© iStock/elisalocci
Parco Nazionale dell'Isola dell'Asinara
Parco Nazionale dell'Isola dell'Asinara
Asinara, 07046 Porto Torres, Province of Sassari, Italy

Oggi è possibile arrivare in motoscafo da Porto Torres o Stintino. I punti di accesso sull'isola coincidono con i vecchi insediamenti della colonia penale: Fornelli, Cala Reale, Cala d'Oliva. Fornelli era il carcere di massima sicurezza. Cala Reale è un piccolo borgo con l'ospedale, la chiesa e il palazzo reale che ospitò i Savoia quando arrivarono sull'isola e che oggi è la sede del parco. Cala d'Oliva è un altro villaggio composto da basse case bianche. Il resto è roccia, calcare, vento e macchia mediterranea.

© iStock/Isabel Rodenas Marin
© iStock/Isabel Rodenas Marin

Luoghi di detenzione

La prigione consisteva in una serie di distaccamenti distribuiti in tutta l'isola. Fornelli era la vera e propria prigione, con una struttura piana e quadrata, risalente al XIX secolo. Tumbarinu, situato a Cala Sant'Andrea, ha ospitato tutti i condannati per reati sessuali, che sono stati costretti a raccogliere legna durante la loro condanna. A Trabuccato, ad est di Cala Reale e nei pressi della vecchia tonnara, i detenuti coltivavano vigneti. Infine, Cala d'Oliva, che era il centro principale del sistema carcerario dell'isola, ospitava la direzione, gli uffici e persino una cella bunker per i prigionieri in massima sicurezza.

© iStock/elisalocci
© iStock/elisalocci

Le regole dell'isola

Sull'isola dell'Asinara, ad eccezione del Corpo Forestale, del personale dei centri di ricerca e dei clienti di alcune strutture ricettive, i visitatori non possono soggiornare. Il campeggio non è consentito e l'unica ospitalità autorizzata è a Cala d'Oliva.

C'è un'unica strada asfaltata che collega Fornelli a Cala d'Oliva, su un percorso di circa 25 chilometri. I sentieri sono ideali per le biciclette che possono essere noleggiate sull'isola. C'è la possibilità di visitare l'isola in autobus (solo in estate) o con un treno gommato, o con un veicolo fuoristrada con guida autorizzata. Non è possibile portare il proprio veicolo, tranne che per una bicicletta.

© iStock/elisalocci
© iStock/elisalocci
Asinara 4X4 - Personal jeep tours across Asinara island
Asinara 4X4 - Personal jeep tours across Asinara island
07040 Stintino SS, Italy

E' possibile fare passeggiate a cavallo o passeggiate a piedi con un'Associazione Ippica che si occupa del recupero dei cavalli sardi autoctoni. E' possibile accedere all'isola in barca a Fornelli, Cala Reale, Cala d'Oliva, Punta Trabuccato, Cala del Bianco. Il bagno è consentito ovunque, tranne che nelle aree di riserva totale.

E' ovviamente vietato catturare e disturbare gli animali, dar loro da mangiare e portare animali domestici sull'isola, anche se al guinzaglio. È vietato fumare in tutta l'isola, ad eccezione di alcuni punti di atterraggio.

Raccomandazioni e attività extra

Sull'isola ci sono solo 2 bar/ristoranti, uno a Cala Reale e l'altro a Cala d'Oliva. Per entrambi si consiglia di prenotare perché i posti offerti sono limitati. Si consiglia di preparare il pranzo da casa e di gustarlo ovunque nel mondo selvaggio.

Altri due luoghi abbastanza importanti da visitare sull'isola sono il centro di recupero delle tartarughe marine e Farmasinara, azienda che produce cosmetici naturali a base di erbe locali.

Centro di Recupero Tartarughe Marine Asinara
Centro di Recupero Tartarughe Marine Asinara
Cala Reale, 07046 Porto Torres SS, Italia
Farmasinara Cosmetic Production Asinara
Farmasinara Cosmetic Production Asinara
Cala Reale, 07046 Porto Torres SS, Italia

Visitare l'Asinara, l'italiana Alcatraz, è un'esperienza indimenticabile. Godetevi le splendide viste panoramiche e osservate gli animali nel loro habitat naturale - naturalmente, trattateli sempre con rispetto. Non dimenticare che l'amore per la natura è, prima di tutto, rispetto. Prendete questo piacevole ricordo della vostra avventura come ricordo. Non perdetevi un'esperienza del genere!


Lo scrittore

Mara Noveni

Mara Noveni

Mi chiamo Mara, sono italiana, sono nata a Roma e cresciuta nella splendida Toscana. Da sempre innamorata della lettura e della scrittura, ho completato questo modo di esprimermi attraverso la fotografia, in particolare la fotografia di strada e di viaggio. Grazie alle mie numerose e lunghe esperienze di viaggio, ho arricchito la mia mente e la mia vita interiore.

Altre storie di viaggio