Cover photo © credits to iStock/Maynagashev
Cover photo © credits to iStock/Maynagashev

Scoprite la Siberia: terra dell'ignoto

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La Siberia è probabilmente l'unica regione russa che è così ampiamente riconosciuta al di fuori del paese. Tuttavia, rimane abbastanza sconosciuto e misterioso per la maggior parte degli stranieri. Anche se oggi uno degli otto distretti federali della Russia, la Siberia era sotto la grande influenza di diverse civiltà nomadi. Un tempo occupato dai mongoli, fu poi esplorato dall'Impero russo. Attirando costantemente varie spedizioni dalla parte europea della Russia per la caccia alla pelliccia, l'estrazione dell'oro e le vaste risorse naturali, la Siberia ha sviluppato una miscela unica di culture assimilate insieme. Quasi sinonimo di gelo eterno e solitudine ai giorni nostri, la Siberia, la terra dell'ignoto, ha però molti monumenti storici e siti del patrimonio culturale da scoprire.

Picture © credits to USO
Picture © credits to USO

Benvenuti in Siberia

Picture © credits to valtron84
Picture © credits to valtron84
Come disse una volta il drammaturgo e satirico del XVIII secolo Denis Fonvizin, "anche tutta la Siberia non è sufficiente a soddisfare tutti i capricci di una persona", così vasta che è.

Con un territorio totale di circa 5.000 km2, la Siberia si trova nel bel mezzo della Russia asiatica. A ovest confina con il Distretto Federale degli Urali, mentre ad est confina con l'Estremo Oriente, terra di tigri dell'Amur e di geyser della Kamchatka. La Siberia è anche una porta d'accesso al vicino Kazakistan, alla Cina e alla Mongolia, quindi non per niente la famosissima ferrovia transiberiana può portarvi a Pechino o a Ulaanbaatar. Il Distretto Federale Siberiano è composto da dieci soggetti federali tra cui si trovano cinque regioni (oblast in russo), due territori (krai in russo), e tre repubbliche. È interessante notare che, se si incontrano quelle persone che sono nativi delle Repubbliche, spesso la pongono come se provenissero da un paese separato. La ragione è che ogni Repubblica russa ha il proprio sistema giuridico e il proprio governo locale, la lingua e la costituzione dello Stato, nonché simboli nazionali come la bandiera e l'inno.

Volti della Siberia

Se guardi le persone, potresti rimanere sorpreso dal sorprendente groviglio di culture e credenze. In nessun altro luogo l'Europa e l'Asia si fondono in questo modo. L'etnia russa di diversa origine, i Buryats, i Mongoli, i Kazaki, gli Evenks, i Koryak, i Tofalars, vivono tutti in pace sotto lo stesso tetto in Siberia. Tale diversità, intensificata da aree storicamente diverse, ha generato una popolazione completamente nuova. Non solo si incontrano qui i russi, ma anche tutti i tipi di indigeni / minoranze etniche che sono stati principalmente stabiliti in queste aree geografiche e sono poco conosciuti al di fuori della Russia.

Anche tra i russi siberiani, c'è ancora molto di sconosciuto nascosto qui. Così, il villaggio di Tarbagatay, che si trova nella Repubblica di Buriazia, ospita circa 18.000 vecchi credenti. Le Semeiskie, o Starovery in russo, sono cristiani ortodossi orientali molto particolari che hanno rifiutato di accettare le nuove pratiche rituali introdotte nel XVII secolo. Essendo stati mandati in esilio nella regione del Transbaikal, i vecchi credenti fecero di questa terra la sua seconda patria.

Tarbagatay Village
Tarbagatay Village
Tarbagatai, Rep. Buryatia, Russia, 671110
Picture © credits to Visit Buryatia
Picture © credits to Visit Buryatia
In questa zona remota, hanno conservato elementi della loro rispettiva cultura, formando un'identità di gruppo distinta (UNESCO, 2001).

Oggi, quasi ogni seconda agenzia di viaggi vi offrirà un tour di questo villaggio, dato che i vecchi credenti sono veramente degni di nota per chiunque arrivi dall'estero. Non solo si possono vedere i loro costumi tradizionali, ma anche ascoltare i loro cori polifonici che sono di eccezionale valore universale, e quindi appartengono al patrimonio mondiale. I personaggi locali sono davvero diversi e autentici. Ma è anche un ambiente difficile che ha influenzato in modo significativo queste personalità. Poiché la Siberia gode principalmente del clima estremamente continentale, le persone sono abituate agli estremi della natura e ai mali della vita. Un po 'semplice ma molto onesto e ospitale, le persone qui sono reali.

Luogo di straordinari paesaggi naturali

Sebbene la Siberia sia nota per il suo ambiente rigido e il clima rigido, i russi l'hanno sempre venerata come la gemma del paese per le meraviglie naturali. Se in generale non vi aspettate altro che l'infinita piattezza dei Paesi Bassi o i fiordi intimidatori della Norvegia, allora la biodiversità della Siberia vi lascerà a bocca aperta. Sede di cinque diverse zone naturali, dalla tundra alle foreste, la Siberia, terra dell'ignoto, ospita centinaia di piante e animali endemici. Per non parlare di una fenomenale escursione termica e di un insolito regime di precipitazioni che hanno condizionato tale diversità naturale. Anche se i visitatori stranieri sono principalmente affollano per scoprire il lago Baikal, aka carte-de-visite non ufficiale della Siberia, ci sono così tante altre attrazioni da vedere e ottenere un buon gusto della natura locale. Dalla incontaminata taiga nella spettacolare Riserva Naturale dello Stato di Putoransky, situata nel nord della Siberia centrale, ai languidi paesaggi steppici della Dauria che si estendono intorno al confine siberiano-mongolo.

Putoransky State Nature Reserve
Putoransky State Nature Reserve
Putoran State Nature Reserve, Krasnoyarsk Territory, Russia, 648581
Picture © credits to masterok
Picture © credits to masterok

Il monte Belukha (4, 506 m), il punto più alto della catena del Katunsky, e allo stesso tempo la vetta più alta della Siberia, è una meta ideale per il turismo escursionistico e spirituale. Come parte delle Golden Mountains di Altai, Mountain Belukha, insieme ad Altaisky Zapovednik e Ukok Plateau, è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 1998.

Belukha Peak
Belukha Peak
Mount Belukha
Il sito mostra la storia geologica dell'Asia, una varietà di paesaggi ed ecosistemi e contiene eccellenti esempi di caratteristiche glaciali. È anche un importante habitat per specie animali in via di estinzione, come il leopardo delle nevi (UNESCO, 1998).

Inoltre, molti locali credono che sia qui, dove vivono ancora i poteri religiosi. La gente di Altai chiama questa montagna 'uch-sumer' (dove 'uch' denota tre e 'sumer'sta per chief (holy) che significa una montagna sacra a tre teste. Si dice che gli antichi nomadi videro così questa montagna dall'altopiano di Ukok, luogo di un importante percorso di carovane dalla Mongolia al Kazakistan che univa persone di tre grandi religioni mondiali come il buddismo, l'islam e il cristianesimo.

PS ....

Molti hanno trovato la loro casa in Siberia, la terra dell'ignoto. Non sempre è stato un luogo di esilio, ma ha anche attirato coloro che desideravano disperatamente l'avventura. Così, la Siberia era spesso un luogo di villeggiatura per scienziati, esploratori, geografi che venivano a caccia di conoscenze o scoperte e non se ne andavano mai via.


Lo scrittore

Elena Bubeeva

Elena Bubeeva

Ciao, io sono Elena. 28 anni, della Siberia. Appassionato di comunicazione e amante della natura, passo molto tempo a parlare di turismo sostenibile, sentieri e luoghi per una buona pizza. Unisciti a me per alcuni consigli e trucchi in giro per la regione più fredda del mondo aka Siberia.

Altre storie di viaggio