© iStock/Fausto Riolo
© iStock/Fausto Riolo

La leggenda di El Dorado, la laguna e la città di Guatavita

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Tutto è iniziato con i Muiscas, anni prima che i colonizzatori spagnoli arrivassero in America. I Muiscas sono una tribù nativa colombiana che ha abitato, tra gli altri dipartimenti, quello che oggi è conosciuto come Cundinamarca - dove si trova la laguna di Guatavita. I Muiscas consideravano la laguna il centro dell'universo, un luogo di connessione tra gli inferi e l'aldilà, occupato dai loro dei.

© iStock/Working In Media
© iStock/Working In Media

Leggende di El Dorado

El Dorado racconta la leggenda di una laguna, che nelle sue profondità era piena d'oro. Ci sono due storie legate a come tutto quell'oro sia finito sul fondo della laguna di Guatavita. Una di queste è una storia d'amore e straziante: Il capo dei Muiscas aveva una moglie e una figlia, ma a quanto pare non sapeva amare bene sua moglie, così si trovò un amante. Il capo ne venne a conoscenza e ordinò ad alcuni dei suoi servitori di seguirla giorno e notte, e presumibilmente fece uccidere anche il suo amante. La moglie non poteva più sopportare la situazione e una notte si tuffò nella laguna con la loro figlioletta. Questo portò estrema tristezza al capo, che mandò la gente nella laguna per riportarla indietro. Trovarono il corpo della figlia senza occhi e gli dissero che la moglie viveva felicemente nelle profondità della laguna. Per onorare la moglie morta, egli gettò nella laguna oro e smeraldi per lei e continuò a fare questo rituale spesso.

© Wikimedia/Reg Natarajan
© Wikimedia/Reg Natarajan

Un'altra storia parla di una cerimonia di investimento che si celebrava ogni volta che la tribù Muisca doveva nominare un nuovo capo (cacique). Secondo la tradizione, il nuovo capo si recava in laguna su una zattera di canne riccamente decorata. Il suo corpo era interamente ricoperto di polvere d'oro, e ai suoi piedi aveva un grande mucchio di oro e smeraldi da offrire agli dei. Una volta che la zattera raggiungeva il centro della laguna, chi si trovava sulle rive gettava in acqua pezzi d'oro e pietre preziose. Una zattera d'oro, simbolo di tale cerimonia, è oggi conservata nel Museo dell'Oro di Bogotá. Si stima che la cifra sia stata realizzata tra il 600 e il 1600 d.C.

Quando i colonizzatori e gli altri esploratori sono venuti in America dopo aver sentito parlare di queste storie, sono diventati ossessionati dalla ricerca di quell'oro. Ci hanno provato per molti anni ma non ci sono mai riusciti.

Museo del Oro de Colombia, Bogotá
Museo del Oro de Colombia, Bogotá
Cra. 6 ##15-88, Bogotá, Cundinamarca, Colombia

Guatavita città

Guatavita è una città coloniale situata a 53 chilometri da Bogotà. È conosciuta come la capitale religiosa dei Muiscas. Questa bella città di meno di 2000 abitanti è ricca di storia, natura e cultura.

Con le strade acciottolate, le case bianche e il clima fresco, una delle cose più belle da fare in città è passeggiare ammirando la sua architettura accattivante e immergendosi nella sua atmosfera magica: un mix tra la cultura ancestrale dei Muisca e il sentimento coloniale. Un giorno è sufficiente per vedere l'intera città a piedi. C'è anche un museo indigeno pieno di storia che si può visitare.

©  iStock/Working In Media
© iStock/Working In Media
Museo Indígena de Guatavita
Museo Indígena de Guatavita
Cra. 7 #5-1, Guatavita, Cundinamarca, Colombia

La gastronomia di Guatavita

La gastronomia di Guatavita è davvero piacevole: provate alcune trote fresche alla griglia, alcune varianti di agnello, o alcuni dei dolci tipici offerti in giro per la città. Ci sono anche alcuni affascinanti caffè locali dove è possibile rilassarsi sorseggiando un buon drink. Ce n'è uno accogliente e affascinante chiamato 'Café y Museo': offre caffè, naturalmente, e qualche altra bevanda e finger food. Ha anche un mini-museo.

Museo y Café Guatavita
Museo y Café Guatavita
Guatavita, Cundinamarca, Colombia

Sesquilé & la riserva naturale

La laguna di Guatavita, dalla leggenda di cui sopra, è in realtà geograficamente e legalmente parte di Sesquilé, un altro comune limitrofo. Ci vogliono circa 40 minuti di macchina per arrivarci dalla città di Guatavita. Si trova in una zona che oggi è una riserva naturale, situata nella catena montuosa orientale. In uno dei punti in cui raggiunge la sua massima ampiezza, ha una superficie di 613 ettari. Le altezze registrate nella riserva variano tra i 2.880 metri sul livello del mare nell'estremo sud-ovest, e i 3.200 metri sul livello del mare all'incirca al centro della riserva. Foreste indigene di encenillos circondano la riserva.

Per raggiungere la laguna, si può percorrere a piedi un sentiero di circa 7 chilometri dal fondo della strada che porta in cima alla montagna, oppure si può prendere un autobus nel paese di Guatavita che porta anche in cima. Una volta saliti nel punto più alto, avrete una vista impressionante della natura impressionante della regione. Il biglietto d'ingresso alla riserva naturale costa circa 6 USD e comprende una guida che cammina con piccoli gruppi, spiegandovi la storia, la natura e la cultura della zona.

Laguna de Guatavita
Laguna de Guatavita
Laguna de Guatavita, Sesquilé, Cundinamarca, Colombia

Città vicine

A brevissima distanza da Guatavita, troviamo le vicine città di Sesquilé, Tominé e Suesca, tutte deliziose cittadine dalla natura eccezionale. Intorno a Guatavita e a queste altre tre città, si possono praticare attività come l'escursionismo, l'arrampicata e l'equitazione. Ci sono anche posti per il campeggio e bellissime possibilità di praticare il glamping.

C'è anche la riserva di Tominé con 18 chilometri di lunghezza, dove si possono praticare sport acquatici come la vela, l'equitazione in barca, lo sci nautico, il kitesurf e il windsurf.

©  iStock/Arturo Rosenow/
© iStock/Arturo Rosenow/

Questa è la zona perfetta per rilassarsi e connettersi con la natura e per conoscere la storia e la cultura colombiana. I vostri occhi saranno assolutamente meravigliati da una bellezza estrema. Spero che avrete l'opportunità di visitare e godere di questa incredibile parte della Colombia e di conoscere meglio la leggenda di El Dorado, la laguna e la città di Guatavita!


Lo scrittore

Michelle Jiménez

Michelle Jiménez

Sono Michelle, 28 anni, originaria della Colombia. Appassionata di viaggi e culture, cucine e lingue diverse. Sono un'amante della natura e dello sport e della mia terra, Colombia. Farò del mio meglio per farla conoscere anche voi.

Altre storie di viaggio