© Campos de Solana/Patricio Crooker
© Campos de Solana/Patricio Crooker

L'enoturismo a Tarija, molto più del vino

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Nella mia ultima storia ho descritto cosa significa il vino d'alta quota e ho consigliato alcuni posti per provarlo nella città di Tarija. Ora, per gli amanti del vino che vogliono qualcosa di più di una semplice degustazione, ho dei buoni consigli per immergersi più a fondo nella cultura del vino boliviano. Dalle visite ad alcune delle cantine più conosciute del Paese ai consigli locali su come scoprire il lato tradizionale del vino boliviano. L'enoturismo a Tarija è molto più di un semplice vino.

La strada del vino di Tarija

La Valle Centrale di Tarija è il luogo in cui i marchi di vino più riconosciuti del paese elaborano i loro prodotti, proprio accanto alla più grande area agricola della Bolivia. Ogni marca di vino ha iniziato, un paio di generazioni fa, con una famiglia locale o immigrata, innamorata di questa regione. Oggi, le migliori marche del paese possiedono vini pluripremiati a livello internazionale e di ottimo gusto.

Mentre sperimentate i vini boliviani, i vostri 5 sensi saranno deliziati, non solo per la bevanda, ma anche per la bellissima natura delle valli circostanti.

© Campos de Solana/Patricio Crooker
© Campos de Solana/Patricio Crooker

Le cantine e i vigneti più importanti della regione si trovano a 20-30 minuti dalla città di Tarija, nelle valli circostanti. Campos de Solana, Aranjuez, Kohlberg e La Concepción sono le marche di vino più riconosciute di Tarija e della Bolivia, potete decidere quale visitare.

Campos de Solana, Tarija
Campos de Solana, Tarija
Bodegas y Viñedos Aranjuez, Tarija
Bodegas y Viñedos Aranjuez, Tarija
Bodegas Kohlberg, Tarija
Bodegas Kohlberg, Tarija
Bodegas La Concepción, Tarija
Bodegas La Concepción, Tarija

Singani, lo spirito tradizionale boliviano

Se la testa va ancora bene dopo tutto il vino, provate il singani, la bevanda spiritosa nazionale della Bolivia con quasi il 40% di contenuto alcolico. È un distillato di uva Moscato di Alessandria, prodotto in alcune zone della Bolivia ad un'altitudine pari o superiore a 1600 metri sul livello del mare ed essendo soggetto a Denominazione di Origine Protetta (DOP). Bodegas Casa Real è una delle più antiche cantine singani della Bolivia, dal 1925, ed è un ottimo luogo da visitare per avere una conoscenza più approfondita di questa bevanda.

Bodegas Casa Real, Tarija
Bodegas Casa Real, Tarija

Singani è protagonista di molti cocktail boliviani, provenienti da diverse regioni del paese, come "sucumbé" (con latte bollito, uova sbattute, chiodi di garofano e cannella), "coctel de tumbo" (con polpa di frutta tumbo e zucchero), "yungueño" (con succo d'arancia e zucchero) e "chuflay" (con Ginger Ale, ghiaccio e limone). Infine, quando qualcuno ha l'influenza, la più efficace "ricetta della nonna" boliviana è il "té con té" (tè caldo con singani, limone e miele).

© Casa Real/Patricio Crooker
© Casa Real/Patricio Crooker

Vino Patero a El Valle

A Tarija, fare il vino come si faceva in tempi antichi, cioè con il calpestio dell'uva, è una cosa comune. Se volete provarlo, andate a El Valle de la Concepción, meglio conosciuto come "El Valle", un piccolo paese circondato da vigneti. E una volta lì, chiedete del "vino patero".

A El Valle, la vendemmia viene celebrata ogni aprile, con la manifestazione "La Vendimia". Quel giorno, centinaia di produttori di vino e di gente del luogo indossano i loro abiti tradizionali e si riuniscono per ringraziare della vendemmia. Dopo la raccolta dei frutti, le donne fanno il calpestio dell'uva al ritmo della gioiosa musica locale, e inizia la celebrazione della produzione del vino che verrà.

La Vendimia, Tarija
La Vendimia, Tarija

Anche se vi manca "La Vendimia", potete comunque andare a "Casa Vieja" (Casa Vecchia) dove, oltre a bere il vino patero dei propri vigneti, potete provare la cucina regionale e, se siete fortunati, godervi la musica locale dal vivo.

La Casa Vieja, Tarija
La Casa Vieja, Tarija

A El Valle il vino è così abbondante che in città si potrebbero trovare anche delle pompe per il vino da bere direttamente da un tubo. Quanti "metri" di vino si possono bere?

© Bodegas & Viñedos La Casa Vieja
© Bodegas & Viñedos La Casa Vieja

Gustare il vino come fanno i locali

Tarija è conosciuta per la sua gente accogliente, gioiosa e amichevole... e, naturalmente, con un paio di bicchieri da vino questi attributi aumentano ancora di più!

Il vino fa parte del DNA della regione. Per un fine settimana da considerare come un vero e proprio weekend a Tarija, ci sono quattro requisiti: amici, un buon barbecue, alcuni strumenti per improvvisare musica locale e, naturalmente, molto vino.

Godersi il vino come lo fanno gli abitanti del luogo è un'esperienza divertente. Basta essere consapevoli della regola del "te invito", che spiego nel mio racconto sul Carnevale di Chapaco, poiché la regola si applica a qualsiasi bevanda alcolica, vini compresi. Inoltre, sarete circondati da persone allegre e amichevoli, che suonano, cantano e ballano con la musica regionale... quindi lasciatevi andare!

© iStock/petrenkod
© iStock/petrenkod

Se l'enoturismo è la vostra passione e cercate qualcosa di più di un semplice vino, Tarija è il luogo da visitare in Bolivia. Le scelte andranno dai vini premiati a livello internazionale a quelli artigianali fatti con gioia come ingrediente segreto. Inoltre, le tradizioni e la gente renderanno la vostra visita due volte più interessante... e due volte più divertente!

Un buon vino richiede un avventuriero per produrre l'uva, un poeta per elaborarlo e un amante per berlo... ecco perché il vino è avventura, poesia e amore. - Detto locale di El Valle de la Concepción

Lo scrittore

Vanesa Zegada

Vanesa Zegada

Sono Vanesa dalla Bolivia, e sono un vero amante del mio paese. Non smette mai di sorprendermi, anche se sono di qui. E' un paese ricco di diversità, tradizioni, luoghi interessanti, che voglio condividere con voi attraverso le mie storie di viaggio su itinari.

Altre storie di viaggio