La più antica locomotiva funzionante d'Europa - Ćiro a Banovići

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Se siete appassionati di vecchie ferrovie e treni a vapore, una piccola città chiamata Banovići, nel centro del nord-est della Bosnia-Erzegovina si nasconde una rarità ferroviaria da esplorare. È difficile trovare un altro posto in Europa con un tale tesoro di sentieri a scartamento ridotto e vecchie locomotive. Conosciuta come la più grande miniera di carbone del paese, la città di Banovići è anche sede di uno degli ultimi treni a vapore ancora in uso. E questi due - il carbone e il piroscafo - sono stati storicamente interconnessi. Un secolo fa, in tutta Europa i treni a vapore trasportavano il carbone ai clienti. Oggi Banovići è tra i rari luoghi dove tutto questo continua. Così, per la gioia di molti appassionati di treni, un giro in vagoni vecchi con sedili di legno e una locomotiva a vapore è ancora possibile qui a Banovići nella più antica locomotiva funzionante d'Europa chiamata "Ćiro".

Gli unici battelli a vapore funzionanti dal 1925

Lo sviluppo di Banovići è stato trainato dall'estrazione della lignite. Questo fu anche il motivo principale per la costruzione della ferrovia a scartamento ridotto Brčko - Banovići, la prima nei Balcani, subito dopo la seconda guerra mondiale del 1946. Questo stretto binario (largo solo 760 mm) fu costruito dall'Impero Austriaco all'inizio del 1900 e ancora oggi gli austriaci chiamano "Bosnien Spur" tutte le ferrovie a scartamento ridotto. È servita dal motore a vapore chiamato "Ćiro", costruito nella Repubblica Ceca nel 1925, che trasporta ancora carbone dalla miniera alla nuova e moderna ferrovia ogni giorno. La miniera di carbone Banovići è probabilmente l'unica al mondo in cui i battelli a vapore vengono utilizzati sulle ferrovie a scartamento ridotto per trasportare il carbone. Altrove, tali macchine sono utilizzate solo come oggetti esposti. E' certo che questa locomotiva della serie 25 è l'unica a funzionare a vapore in Europa e tra le ultime in uso commerciale in tutto il mondo.

Più di 1000 appassionati di treni a vapore all'anno

Quelle locomotive a vapore sono state la mostra per 35 anni, prima che il comune di Banovići riconoscesse il potenziale turistico della leggendaria ferrovia a scartamento ridotto e del vecchio "Ćiro". Da allora, sono diventati i simboli di questo luogo e un'interessante rarità che, su base annua, attira più di 1000 appassionati di treni a vapore. Durante un'ora di viaggio piuttosto lento (ad una velocità di 30-35 km/h), i passeggeri hanno la possibilità non solo di tornare indietro nel tempo, ma anche di godere degli splendidi paesaggi. Molti di questi fan tornano più volte a sperimentare questo giro unico e affascinante più e più volte. Essi apprezzano il fatto che guidare nella più antica locomotiva d'Europa è un'esperienza straordinaria, che hanno potuto vedere solo nei film e sulle vecchie cartoline.

Altri "cavalli da ferro" in futuro

Attualmente, ci sono solo due pullman panoramici in uso per scopi turistici, ma il comune sta progettando di restaurare più di quei "cavalli di ferro" in futuro. Oltre al ripristino di altre locomotive, sarà costruita anche una nuova linea ferroviaria per il trasporto di passeggeri sulla cima del Monte Konjuh. Sembra che la più antica locomotiva d'Europa in funzione a Banovići continuerà a sbuffare sulle colline per molti altri anni a venire. Se questa storia vi ha ispirato a inserire la Bosnia Erzegovina nella vostra lista di secchi, vorreste sicuramente sapere di un'altra attrazione ferroviaria, a soli 150 km da Banovići. Accompagnato da splendidi scenari cinematografici nei dintorni di Višegrad, la più bella città della Bosnia, c'è un altro leggendario treno a scartamento ridotto "Ćiro", dove si può sentire come la vita della ferrovia era una volta.

Banovići
Banovići
Banovići, Bosnia and Herzegovina

Lo scrittore

Ljiljana Krejic

Ljiljana Krejic

Sono Ljiljana, della Bosnia-Erzegovina. Essendo un giornalista, non posso sfuggire a questa prospettiva quando viaggio. La mia missione è farvi esplorare l'ultima gemma ancora da scoprire in Europa.

Altre storie di viaggio