© Mark Levitin
© Mark Levitin

Paesaggi di fantasia di Labuan Bajo, Flores

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Importante città portuale sulla remota isola di Flores, Labuan Bajo è cresciuta notevolmente negli ultimi anni grazie al commercio turistico. Il suo aeroporto ha persino ottenuto il titolo di "internazionale", anche se nessun volo d'oltremare vi atterra effettivamente. Eppure la maggior parte dei turisti arriva in aereo da Java o Bali e salta subito su una barca per Komodo. Questo è un errore criminale: Flores in generale, e la sua parte occidentale, Manggarai, in particolare, sono tra le più belle regioni dell'Indonesia. Il mare è caldo e trasparente, le colline dell'interno sono piene di cascate e grotte, e la cultura tribale di Manggarai è ricca e principalmente incontaminata. Questo è anche un posto perfetto per cercare spiagge selvagge, e le immersioni al largo sono considerate eccezionali. La città stessa è rustica, leggermente trasandata, piuttosto carina, e convenientemente attrezzata con negozi di immersione e agenzie turistiche. E il paesaggio intorno è fantastico in senso letterale: alcune delle caratteristiche naturali ti fanno chiedere su quale pianeta ti trovi.

Il litorale

© Mark Levitin
© Mark Levitin

La città di Labuan Bajo si estende per alcuni chilometri lungo la costa. I posti migliori per alloggiare sono vicini all'estremità sud, vicino all'oceano. Le spiagge in quella parte della città sono semi-selvagge, piuttosto belle nella stagione secca (cioè l'estate europea), ma in inverno, i forti venti portano onde alte, cumuli di relitti e spazzatura dal porto. Dirigiti a nord verso il centro della città (infrastrutture civili di base, un centro commerciale e ristorante di lusso che si affaccia sul mare, e un porto enorme) - il punto di partenza per le escursioni di Komodo. Più a nord si trova un piccolo porto di pesca con l'annesso mercato del pesce - venite la mattina presto per le migliori riprese dei pescatori che scaricano il loro pescato iridescente, carico di biodiversità commestibile. Continuate per un altro paio di km, ben fuori dalla città, e arriverete a una serie di colline che si affacciano sulla marina: collinette erbose emisferiche che sembrano seni verdi di qualche dea della Terra. La più alta ha una sorta di punto di vista designato in cima (che va sotto i nomi di Bukit Amelia o Bukit Silvia), segnato da un parcheggio sottostante e di solito un ragazzo che vende caffè da un carrello di moto, ma per il resto, si è liberi di scegliere il proprio e salire. Ogni collina offre una vista al tramonto leggermente diversa ma inevitabilmente stupenda della terra circostante, degli yacht luccicanti nella marina e dell'oceano sconfinato punteggiato di isolotti. I fotografi vorranno trascinarsi dietro un treppiede e restare per l'ora blu.

Batu Cermin e Batu Payung

© Mark Levitin
© Mark Levitin

All'interno della città, sulle colline, si trova l'intricato sistema di grotte e canyon di Batu Cermin. Tecnicamente, il nome si riferisce a una roccia specifica in uno dei canyon e si traduce come "pietra a specchio" - una crepa nella parete del canyon proietta un fascio di luce solare su quella roccia, levigata dal tempo e dall'erosione, facendola brillare come uno specchio. Ma è l'intero sistema che rende una visita degna di nota: strisciare attraverso stretti passaggi sotterranei, infilarsi in canyon così stretti da dover andare di traverso, e scalare scogliere di pietra calcarea per stare orgogliosamente su ponti naturali in alto. L'ambientazione è ultraterrena, degna di un film di fantascienza - anche se nessuno è stato girato qui, forse perché il luogo è troppo remoto e sconosciuto al di fuori dell'Indonesia. Sulla strada per Batu Cermin, c'è Batu Payung, "pietra ombrello". Indovinate un po', è una pietra a forma di ombrello. Non c'è molto da vedere, ma completa l'impressione di potenza del sistema Batu Cermin.

Batu Cermin, Labuan Bajo, Flores
Batu Cermin, Labuan Bajo, Flores
Batu Cermin, Komodo, West Manggarai Regency, East Nusa Tenggara, Indonesia
© Mark Levitin
© Mark Levitin

Goa Rangko

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Questo è ancora un altro posto che i produttori di Hollywood avrebbero dovuto usare per qualche film fantasy o d'avventura. Johnnie Depp, nel suo ruolo di Sparrow Jack, ci starebbe bene, così come Davie Jones. Situata in mezzo al nulla e accessibile solo in barca, Goa Rangko è una grotta naturale che nasconde una laguna sul fondo, con stalagmiti che emergono dalla piscina blu-acrilica. L'acqua è salata - è essenzialmente una sezione sotterranea del mare. La parte sommersa della grotta è lunga almeno quanto quella superiore, ma richiederebbe abilità subacquee e speleo-diving per essere esplorata. Con un po' di coraggio, si può nuotare nell'oscurità, poi forse immergersi mentre il soffitto scende verso la superficie dell'acqua, ma c'è un limite a quanto si può andare lontano. I ragazzi del posto, a cui probabilmente sono già cresciute le branchie, sembrano non avere questo limite. Il mare nella grotta ha la stessa temperatura dell'esterno, cioè il calore del corpo - aspettatevi una delle migliori e più insolite esperienze di nuoto del pianeta. Per coloro che preferiscono nuotare sotto il sole, c'è una spiaggia selvaggia proprio fuori Goa Rangko e qualche bel paesaggio carsico per una passeggiata se vi rimane tempo prima di tornare a Labuan Bajo.

Goa Rangko, Labuan Bajo, Flores
Goa Rangko, Labuan Bajo, Flores
Tanjung Boleng, Boleng, West Manggarai Regency, East Nusa Tenggara, Indonesia

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio