The Flying Bulls

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Probabilmente avete sentito parlare della Red Bull, ma avete mai sentito parlare dei Flying Bulls?

The Flying Bulls è un'azienda molto interessante riunita attorno ad un gruppo di appassionati di aviazione con un'enorme passione per i rari velivoli storici. Possiedono una flotta aerea privata con sede a Salisburgo (Austria). L'azienda è di proprietà dell'uomo d'affari austriaco, miliardario, appassionato di aerei e la velocità sfrenata Dietrich Mateschitz. Si può sapere lui come il proprietario della società che producono il più famoso prodotto di consumo energetico austriaco bevanda Red Bull. Da qui il nome di Tori volanti.

Tutto è iniziato negli anni '80, quando un pilota di Tyrolean Airways, Sigi Angerer, che normalmente volava con jet moderni, decise di seguire la sua passione per gli aerei storici e di iniziare la sua collezione. Dopo diversi anni ha incontrato il fondatore della Red Bull Dietrich Mateschitz e l'idea dei Flying Bulls è nato, il resto è storia. "La società "The Flying Bulls" è stata creata nel 1999.

I Flying Bulls sono in possesso di alcuni dei più bei ed eccezionali vecchi aerei del mondo. Hanno tutto aereo di linea di lusso, aerei da combattimento ed elicotteri

Aereo di lusso per presidenti e marescialli

Il gioiello della corona della loro collezione è l'aereo di linea Douglas DC-6B, che è stato al servizio del presidente jugoslavo maresciallo Josip Broz Tito e servito come l'aereo di linea di lusso per lui ei suoi ospiti VIP. Quando Tito si annoiò dell'aereo, 10 anni dopo, fu venduta al presidente dello Zambia Kenneth Kaund. Questo aereo è stato sottoposto ad un importante restauro durato quattro anni. Le sue dimensioni e il suo impeccabile design retrò, così come il fatto che è l'unico DC6 ancora in grado di volare, le hanno fatto guadagnare un posto speciale nella collezione.

Jet militare per ogni occasione

I Flying Bulls sono anche in possesso di quattro Dornier Alpha Jets completamente operativi e smilitarizzati, utilizzati in molti spettacolari spettacoli aerei acrobatici. La versione militare di questo aereo è ancora in uso da molte forze aeree nazionali, come il Portogallo, Egitto, Marocco, e altri cinque paesi africani. Questi aerei sono i primi nel loro genere ad essere smilitarizzati e autorizzati per uso civile.

Lasciate che il Cobra in

Continuiamo in modo (de)militarizzato. Elicottero d'attacco (Attack Helicopter) Cobra è uno degli elicotteri da combattimento più conosciuti al mondo. La sua "popolarità" Cobra raggiunse tra la fine degli anni Sessanta e l'inizio degli anni Settanta durante la Guerra del Vietnam. I tori volanti sono in possesso di un elicottero Cobra. La sua velocità massima è di oltre 350 km/h e inghiotte 400 litri di benzina all'ora.

Grasso Alleggerimento

Probabilmente l'aereo più bello e più impressionante della collezione è il P-38 Lightning di Lockheed. La sua coda gemella non convenzionale e la pelle d'argento molto lucida ti fanno innamorare di questo aereo leggiadro. Il P-38 è stato prodotto tra il 1941 e il 1945 e comunemente usato durante la guerra del Pacifico. Anche se questo modello è stato costruito in più di 10.000 copie, oggi è molto raro e sembra essere inestimabile. I tori volanti hanno l'unico P-38 in Europa e uno degli unici ancora in uso.

Oltre agli aerei di cui sopra, Flying Bulls ha vari tipi di velivoli da quelli utilizzati nella seconda guerra mondiale, come il Corsaro Chance Vought F4U attraverso il bombardiere B-25, elicotteri, a moderni uccelli in acciaio.

Tutti questi e molto altro ancora può essere visto presso l'hangar aeroporto privato "Hangar-7" presso l'aeroporto di Salisburgo. L'ingresso è libero.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Ogi Savic

Ogi Savic

Io sono Ogi. Giornalista ed economista, vivo a Vienna e mi appassiona lo sci, i viaggi, il buon cibo e le bevande. Scrivo di tutti questi aspetti (e non solo) della bella Austria.

Altre storie di viaggio