Cover picture credits to © iStock/Somrerk Kosolwitthayanant
Cover picture credits to © iStock/Somrerk Kosolwitthayanant

Gali Parathe Wali, un ritiro gastronomico a Old Delhi

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Per ogni Delhite, Old Delhi è sinonimo di prelibatezze culinarie. Dalle ineguagliabili spezie autentiche ai piatti unici, l'Old Delhi risuona di stimoli gustativi per la gente del posto. Oltre ai piaceri dello shopping, la maggior parte dei Delhiti finisce nella parte vecchia della città per un ritiro gastronomico. Il vecchio mercato Chandni Chowk è stato istituito a Nuova Delhi intorno al XVII secolo dall'imperatore Mughal Shah Jahan, in prossimità del forte della sua nuova capitale (allora chiamata 'Shahjahanabad'). Tra tutte le profonde esperienze gastronomiche che questo luogo ha da offrire, Gali Parathe Wali (che letteralmente significa "strada delle focacce") si distingue come la specialità gastronomica più distinta della regione. La 'Paratha' è una focaccia ripiena tradizionale che viene fritto a metà (o al forno) in padella. Ma nel Gali Parathe Wali, assume forme artistiche e anche culturali!

L'eredità

Questa particolare corsia (precedentemente conosciuta come Dariba Kalan) del Mercato Chandni Chowk era inizialmente destinata al commercio di argenteria. Tuttavia, intorno al 1870, i primi negozi di paratha cominciarono a comparire in questa stretta corsia obliqua. Degli oltre venti negozi che vendono le tradizionali focaccine, pochi sono ancora lì da quei tempi, il che rende la sesta generazione di cucinare le parathas con le ricette tradizionali. È così che la corsia cominciò ad essere chiamata 'Gali Parathe Wali'. Il cibo servito nei negozi è rigorosamente vegetariano e cucinato secondo l'antica consuetudine, senza cipolla e aglio, perché all'inizio i negozi si rivolgevano prevalentemente alla comunità Jain che risiedeva nella regione. L'eredità viene conservata fino ai giorni nostri e i negozi servono tradizionalmente le parathas, proprio come facevano più di un secolo fa.

	Picture credits to © Wikepedia/Lillottama
Picture credits to © Wikepedia/Lillottama

Tradizionale, non noioso

Non lasciate che il modo 'tradizionale' e 'consueto' di cucinare vi faccia prevedere che non è eccitante. Semmai, è tutto il contrario. La corsia che brulica di folle che si muovono in una fitta schiera, alla ricerca di incredibili parathas, è all'altezza di tutte le speranze e le aspettative. La maggior parte dei negozi serve più di trenta diverse varietà di parathas, che possono essere mescolate e abbinate in numerose combinazioni possibili, con una moltitudine di contorni. I parathas ripieni di ripieni stravaganti come noci di anacardi, mandorle, piselli verdi o mawa (un prodotto caseario tradizionale indiano) sono serviti con un assortimento di antipasti altrettanto gustosi come il tradizionale chutney di menta/coriandolo, chutney di tamarindo dolce, sottaceti misti, curry di patate e zucca dolce, ecc.

Picture credits to © iStock/atosan
Picture credits to © iStock/atosan

Lungo la corsia della memoria

I tradizionali parathas e gli entremets salati vi riportano, o almeno la gente del posto, lungo il sentiero della memoria. L'odore e il gusto del cibo, servito in questo vicolo tortuoso, provoca la nostalgia delle vacanze estive o invernali trascorse a casa dei nonni. Le preparazioni comuni e una miscela di spezie che, in qualche modo, non sono così diffuse nelle cucine indiane contemporanee, si possono ancora scoprire nel Gali Parathe Wali, rendendolo un rifugio gastronomico eccezionale a Old Delhi. A parte questo, mangiare in un negozio che esiste da quasi centocinquant'anni, che serve la stessa autentica cucina tradizionale, è di per sé sorprendente.


Lo scrittore

Rajat Sharma

Rajat Sharma

Sono un artista visivo di Delhi che ha conseguito un Master in Media Arts and Practices con specializzazione in Cinema. Sono un flaneur curioso, che è molto incuriosito da culture, stili di vita, cucine, architettura e persone diverse.

Altre storie di viaggio