© iStock/ ajijchan
© iStock/ ajijchan

Gangasagar Mela sull'isola di Sagar: Il magnifico carnevale spirituale indiano

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Il multiculturalismo è radicato nel tessuto sociale dell'India. Tra le diverse religioni praticate in lungo e in largo nel Paese, l'induismo è la più grande, con l'80% della popolazione indiana che vi aderisce. La Gangasagar Mela (Mela-fair) è una delle più grandi feste indù dell'India e viene celebrata ogni anno nel giorno sacro di Makar Sankranti, che segna lo spostamento del sole nel Makara (Capricorno) e la fine del mese con il solstizio d'inverno. Makar Sankranti coincide sempre con il 14 o il 15 gennaio. Ogni anno, milioni di pellegrini da tutto il mondo vengono a Sagar Island nel Bengala occidentale, uno stato dell'India orientale, per partecipare alla magnifica Gangasagar Mela. Si tratta del carnevale spirituale più significativo del Paese, secondo solo all'illustre Kumbh Mela nel nord dell'India, che si tiene dal 13 al 15 gennaio.

La perfetta trinità della religione, della cultura e della natura

© iStock/ HarjeetSinghNarang
© iStock/ HarjeetSinghNarang

Il fiume Ganga sfocia nel Golfo del Bengala a Sagar Island, situata a 140 chilometri a sud di Calcutta, la capitale del Bengala occidentale. L'isola vanta bellissime spiagge dove la luce del sole scintilla sulla sabbia argentata e l'azzurro brillante del tranquillo cielo notturno ti fa sentire in pace. Oltre alle spettacolari bellezze naturali, l'isola Sagar ha un profondo legame mitologico. Secondo la mitologia indù, è sull'isola Sagar che il re Bhagirath fece scendere il fiume Ganga dal cielo, liberando così i suoi 60.000 antenati dalla maledizione del grande saggio vedico Kapil Muni. Si dice che l'acqua del Ganga, considerata sacra dagli indù, abbia colpito l'isola di Sagar il giorno di Makar Sankranti. Il Gangasagar Mela si tiene ogni anno per celebrare questa leggenda e ha trasformato l'isola in un punto di riferimento culturale, affollato da persone, indipendentemente dall'identità etnica, desiderose di assistere alle usanze associate alla fiera.

© Wikimedia Commons/ Biswarup Ganguly
© Wikimedia Commons/ Biswarup Ganguly

All'alba su Makar Sankranti, migliaia di persone fanno un tuffo nell'acqua santa (e gelida!) del fiume Ganga nel punto di confluenza con il Golfo del Bengala, per purificare le loro anime da tutti i peccati. Le persone offrono anche le loro preghiere a Lord Surya (Surya-sun) e ai loro antenati. Il suono travolgente del canto collettivo dei mantra, la vista stupefacente di innumerevoli diyas (lampade a olio) che galleggiano nel fiume, e l'odore di rettitudine e di fede incrollabile nell'aria, rendono l'esperienza trascendentale sfuggente. I rituali inconfondibilmente elaborati eseguiti dal solitario, spalmato di cenere, dreadlocked Naga Sadhus (Naga- nudo, Sadhu- ascetico) si aggiungono al misticismo delle celebrazioni. In seguito, i pellegrini indù offrono le loro preghiere al vicino tempio di Kapil Muni per essere assolti dai loro peccati.

Come raggiungere l'isola di Sagar

© Wikipedia/ Naren Marik
© Wikipedia/ Naren Marik

L'isola Sagar si trova nella sottodivisione Kakdwip del Bengala occidentale. Potete salire su qualsiasi autobus diretto a Kakdwip dal deposito degli autobus di Kolkata's Esplanade, vicino alla zona del Nuovo Mercato, per raggiungere Harwood Point, comunemente noto come Lotto n. 8, in circa tre ore. Da lì, un viaggio in traghetto attraverso il fiume Muriganga vi porterà a Kachuberia, da dove l'isola di Sagar si trova a un'ora di autobus. Gli autobus partono anche dal Babughat Bus Terminus, che dista circa 2 chilometri dal famoso Prinsep Ghat. In alternativa, è possibile salire a bordo del Sealdah Kakdwip Local o del Sealdah Namkhana Local dalla stazione ferroviaria di Sealdah Junction a Calcutta per raggiungere la stazione ferroviaria di Kakdwip. Harwood Point è a circa quattro chilometri dalla stazione.

Gangasagar Mela: di fede e di festa

© iStock/ ajijchan
© iStock/ ajijchan

Più di 3 milioni di devoti hanno visitato il più grande carnevale spirituale dell'India orientale nel 2019. È affollato? Sì. È sovraffollato? Probabilmente, sì. Ma ne vale la pena? Un sonoro sì. Il Gangasagar Mela è testimone della seconda congregazione umana più grande del mondo ogni anno! Le diverse tradizioni delle sue diverse etnie fanno dell'India una civiltà globale distinta. E il Gangasagar Mela sull'isola di Sagar è uno dei più grandi festival religiosi e culturali che occupa un posto d'onore nella cultura dell'India. Fate un tuffo nel Ganga con migliaia di persone, immergetevi nell'atmosfera sacra del festival, trascorrete un po' di tempo con le persone in visita da diversi angoli dell'India e fate una lunga passeggiata su una delle spiagge serene. Vi assicuro che il tempo trascorso al magnifico Gangasagar Mela sarà un'esperienza indimenticabile.


Lo scrittore

Hitaishi Majumder

Hitaishi Majumder

Ehi, sono Hitaishi, un editore con sede a Kolkata, in India, e sono qui per presentarvi diverse parti del mio incredibile paese attraverso le mie storie di viaggio sulla gastronomia, la cultura, la storia e molto altro ancora!

Altre storie di viaggio