La granita, la neve siciliana

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Cannoli, Cassate Siciliane o il tradizionale "Gelo di Melone" sono le prelibatezze più apprezzate in Sicilia, così come ogni provincia d'Italia è ricca di tradizioni e delizie. Ma nella parte calda dell'anno la regina indiscussa dell'estate siciliana è sicuramente la granita. La granita è un dolce freddo, cremoso, rinfrescante e grintoso allo stesso tempo. In Sicilia la granita è una vera e propria istituzione e secondo la tradizione fa parte della colazione mattutina (un tempo servita con pane fresco croccante, ora sostituita da una deliziosa brioche locale conosciuta come tuppu). Si può effettivamente goderne in un qualsiasi momento durante la giornata, seduti all'ombra, sulla spiaggia o durante una fresca passeggiata serale in centro.

La Granita è un dolce che precede i Romani e che si può far risalire alla dominazione araba della Sicilia. Originariamente veniva prodotta mescolando la neve dell'Etna con succhi di frutta o a volte con acqua di rose. Alla fine si scoprì che la miscelazione del sale marino con la neve creava un refrigerante con il quale la granita poteva congelarsi; questo consentiva di eliminare la neve come ingrediente effettivo e di passare alla ricetta attuale. Ora viene preparata con acqua invece della neve, a cui vengono aggiunti aromi e poi la si congela coprendola tutta con ghiaccio e sale o, più recentemente, inserendola in un freezer. Naturalmente con il passare del tempo la ricetta è stata migliorata.

I gusti più classici e diffusi in tutta l'isola sono il limone, la mandorla e il caffè. Le sfumature degli ingredienti siciliani sono molto importanti per ottenere il sapore finale della granita. Ad esempio, le mandorle siciliane contengono sempre una piccola percentuale di mandorle amare, che è fondamentale per conferire un sapore intenso, oppure per il gusto al limone, vengono utilizzati i limoni meno acidi. Oltre ai sapori tradizionali, in provincia di Catania sono molto apprezzati anche il gusto al pistacchio (Bronte originale), al cioccolato e alla frutta come il gelso nero, la pesca, la fragola selvatica di stagione, il mandarino, l'arancia e l'ananas. A Messina, nelle Isole Eolie e nel resto dell'isola la scelta dei sapori e il processo di lavorazione sono simili a quelli catanesi.

Da non perdere:

Ogni anno all'inizio di giugno Acireale ospita la Nivarata, una festa straordinaria che attira migliaia di visitatori per assaggiare la vera Granita Siciliana! Il festival rappresenta una buona occasione per scoprire una delle migliori tradizioni culinarie siciliane e per intraprendere un percorso gastronomico attraverso l'architettura, la storia e la cultura di uno dei templi barocchi della Sicilia. Acireale vi accoglierà con le sue spettacolari chiese e piazze, e con tutti i suoi incantevoli monumenti.

I 10 posti migliori per la granita

Bar La Timpa, Santa Maria la Scala. Piccolo bar gestito dalla zia Tanina con il marito. Preparano granita deliziosa e genuina. La frutta e i gusti disponibili dipendono sempre dalla stagionalità dei prodotti. Vi consigliamo di assaggiare la granita ai gelsi neri, direttamente dal giardino della famiglia, ma anche quella alle mandorle e alle pesche. Qui le brioches non sono sempre disponibili, anche perché la proprietaria preferisce far assaggiare ai suoi clienti la granita con il pane. Proprio come una volta.

Caffè Europa, Catania. Amo questo bar. Qui la granita si scioglie in bocca per non parlare della brioche. I miei gusti preferiti sono cioccolato, mandorla e pistacchio. Se si preferisce la granita alla frutta allora si avrà una vasta scelta. Quella alle more di gelso è fantastica.

BamBar, Taormina. Appena fuori dalla via principale dello shopping di Taormina e non lontano dall'anfiteatro, questo è un piccolo caffè con la miglior granita della città.

Bar Alecci, Gravina di Catania. Deliziosi i gusti pistacchio, pesca, ma anche l'insolito e dissetante cocomero.

Caffè Cipriani, Acireale. Nel cuore del centro storico di Acireale, proprio di fronte alla splendida chiesa di San Sebastiano, si trova questo caffè che offre granite sorprendentemente buone e abbondanti. Provare, se è di stagione, quella al fico.

Bar Condorelli, Acireale. Acireale vanta da sempre una buona reputazione per la sua granita e in questo bar potrete assaporare una granita al sapore di mandorla tostata con una spolverata di cannella. La famiglia gestisce anche il bar Nevaroli Condorelli di Acireale, più grande e moderno.

Antica Pasticceria Irrera, Messina. Sicuramente questa pasticceria merita un posto nel sancta-sanctorum delle migliori pasticcerie di Messina e probabilmente di tutta la regione, tutti i dolci siciliani sono preparati in modo sublime, anche quelli meno conosciuti come la pignolata. La granita al caffè con la panna e una brioche è la classica colazione che si fa in città.

Caffè Sicilia, Noto: la granita di mandorle e caffè è assolutamente deliziosa. Sicuramente questo bar merita una visita anche se a mio avviso la granita siciliana che si può gustare a Catania è assolutamente la migliore (ma sono di parte).

Caffè San Domenico, Acireale. Situato di fronte alla splendida chiesa di San Domenico, questo piccolo e omonimo bar è noto per la granita di mandorle arabe con anice stellato che lo rende più fresco e una spolverata di cannella siciliana.

Bar Florio, Licata. Gli ingredienti genuini e la deliziosa gentilezza dei proprietari ne fanno un'imperdibile tappa per chi passa da Licata. Granita al limone consigliata, una specialità della casa dal 1952, e anche quella con i gelsi.

Bar Quaranta, Catania. Questo caffe', situato nel piccolo porto turistico di Ognina protetto dalla chiesa dedicata a 'La Bambina', permette di gustare una deliziosa granita in uno dei luoghi piu' affascinanti e poetici della Sicilia.

Bar Kennedy, Acireale. Situato in una zona meno nobile e barocca della città, ma moderna e frequentata da molti giovani, che la sera si ritrovano al campo per una corsa e un buon panino. Le sue granite di mandorle e gelsi sono le mie preferite!

Crediti Foto di Daniela La Rosa - Michele Ali'


Lo scrittore

Eleonora Ruzzenenti

Eleonora Ruzzenenti

Io sono Eleonora, dall'Italia. Condivido con voi una frenetica passione per i viaggi e una curiosità insaziabile per culture diverse. Su itinari troverete le mie storie sull'Italia.

Altre storie di viaggio