© iStock/ winyuu
© iStock/ winyuu

Halloween e altre feste spettrali in Estonia

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Gli spaventosi costumi di Halloween, i volti di zucca e le streghe non sono stati molto popolari in Estonia fino agli ultimi anni. In realtà, l'Estonia ha così tante vacanze per onorare i morti e per i bambini per andare trucco o trattare in costume, che i costumi occidentali come Halloween sono spesso visti solo nei film di Hollywood. Ma, poiché il resto del mondo festeggia Halloween, anche gli estoni volevano parteciparvi. Così, ogni anno, sempre più feste ed eventi si svolgono durante Halloween, soprattutto nelle grandi città. Tuttavia, non è considerato spaventoso come in altri paesi. Potrebbe essere la vacanza meno paurosa dell'Estonia, rispetto a quelle con tradizioni particolari come quella di lasciare il pane sulle tombe dei vostri parenti.

Giorno per ricordare i defunti cari

L'Estonia ha una festa importante, il giorno di tutte le anime per celebrare i morti. Da non confondere con Halloween, si svolge tra il 31 ottobre e il 2 novembre. Ma non ci sono corse in costume e travestimenti. E' una vacanza tranquilla quando le persone accendono le candele nelle loro case e ricordano i propri cari che sono morti. Si ritiene che le anime ci visitino durante quelle notti per vedere come stiamo andando ed è considerata una cattiva abitudine non accendere una candela per accoglierli. Alcuni lasciano anche un pezzo di pane e un bicchiere di vodka in modo che i morti possano avere un piccolo spuntino di mezzanotte.

 © iStock/ Grandfailure
© iStock/ Grandfailure

Kadripäev e Mardipäev - Halloween

All Souls' Day non è la festa preferita dai bambini (non c'è niente di divertente nella credenza che i vostri parenti morti vengano a trovarci). Per questo motivo, a novembre, altre due feste molto importanti sono particolarmente emozionanti per i bambini. Sono Mardipäev e Kadripäev (Martinmas e Santa Caterina). Sono equivalenti alle tradizioni occidentali di Halloween, ma non vedrete costumi unicorno lì. Su Martinmas, i bambini si travestono da vagabondi e vanno di porta in porta, chiedendo chicchette. Era un'antica usanza di raccogliere doni per i monasteri durante il Medioevo. Nel giorno di Santa Caterina, le tradizioni sono le stesse, ma i bambini si vestono da donne invece che da uomini. In realtà, non c'è il "dolcetto o scherzetto": i bambini devono imparare canzoni o balli e suonarli prima di ottenere qualsiasi tipo di caramelle. E le famiglie accolgono sempre le mamme, perché portano fortuna con il raccolto. Non che molte persone che vivono in appartamenti hanno bisogno di buona fortuna con il raccolto..... ma non può far male per onorare la tradizione, giusto?

Le nuove tradizioni entrano in Estonia

La generazione più giovane dell'Estonia festeggia soprattutto Halloween. Le persone anziane cominciano ad abituarsi, ma se fai dolcetto o scherzetto, alcuni vecchi nonni e nonni scontrosi potrebbero dirti di tornare su Mardipäev, visto che non viviamo negli Stati Uniti! Ma passeggiando per la città, ogni anno si vedono sempre più eventi di Halloween e persone in costume. Non è difficile trovare una festa a tema di Halloween nel centro storico di Tallinn - ogni grande club ha qualcosa di speciale per la notte. Se visitate il Venus Club o qualche altro club popolare a Tallinn, troverete sicuramente una grande festa in costume.

 © iStock/ gorodenkoff
© iStock/ gorodenkoff
Tallinn Old Town
Tallinn Old Town
Old Town of Tallinn, Tallinn, Estonia
Venus Club, Tallinn
Venus Club, Tallinn
Vana-Viru 14, 10111 Tallinn, Estonia

L'Estonia ha appena fatto conoscenza con le usanze di Halloween, adottandole dalle culture occidentali. Rispetto alle più antiche tradizioni estoni, come l'All Souls' Day, potrebbe anche essere la festa meno paurosa dell'Estonia.


Lo scrittore

Merje Aus

Merje Aus

Merje - orgoglioso estone, innamorato di tutto quello che il suo paese natale ha da offrire. Studia filologia estone e lavora come giornalista.

Altre storie di viaggio