© istockphoto/loveischiangrai
© istockphoto/loveischiangrai

Huay Kaew Waterfall, un'oasi nella città di Chiang Mai

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La maggior parte dei viaggiatori non si ecciterebbe di fronte all'ennesima cascata, né eccezionalmente alta né molto larga. Nuotare nella piscina sottostante? Beh, le cascate servono a questo, no? Nel caso di Huay Kaew, tuttavia, non è la dimensione o la possibilità di nuotare a renderla unica, ma la posizione. Si trova alla periferia di Chiang Mai, all'interno dei confini della città. E mentre non vincerà alcun premio per le sue dimensioni, è una bella cascata circondata dal verde. Salire lì, prendere un caffè tailandese, scalare le rocce per una vista, prendere uno splash, saltare indietro. Oppure continua a Doi Suthep per un'esperienza più buddista.

© istockphoto/HoneyBee201306
© istockphoto/HoneyBee201306

Un luogo per un picnic

Huay Kaew Waterfall scorre dalle montagne ad ovest di Chiang Mai. Formando un confine visibile tra sviluppo urbano e natura selvaggia, l'area circostante è molto verde, molto collinare, e solo cominciando ad assomigliare ad una giungla. Oppure, se le autorità non l'avessero trasformato in un parco ricreativo, una specie di parco coperto. In un'altra città, un posto come questo otterrebbe un'etichetta come "polmoni della città" o "un nascondiglio dal trambusto". Chiang Mai è disteso e pieno di verde, non fa trambusto e respira con la sua pelle. Tuttavia, Huay Kaew rende il pomeriggio molto piacevole, un breve picnic, una passeggiata e una nuotata. Per un fotografo, potrebbe essere un buon scenario per uno scatto in modella.

© istockphoto/wongchai1972
© istockphoto/wongchai1972

Praticità

Numerose bancarelle vicino all'ingresso vendono cibo tailandese, snack, caffè e birra. C'è un regolamento ufficiale che vieta il consumo di alcolici all'interno del parco, ma a nessuno sembra importare. Se si desidera organizzare un piccolo picnic, si possono noleggiare stuoie di bambù per circa 20 THB. Nei fine settimana, il parco si riempie di studenti thailandesi (alcuni dei quali portano anche birra), ma anche nei giorni feriali non è mai completamente vuoto. Tenete presente che nella stagione fredda (dicembre-feb) l'acqua può diventare abbastanza fredda, e in quella secca (aprile-giugno) può essere troppo poca. Le rocce che conducono alla cascata diventano progressivamente scivolose man mano che ci si avvicina - valutate il vostro livello di forma fisica e decidete dove fermarvi. Avvicinarsi da vicino non ti darà una visione migliore, ma sembra un buon esercizio.

© istockphoto/wongchai1972
© istockphoto/wongchai1972

Come arrivare

Dalla Porta Nord, le rosse voci rosse si dirigono verso Huay Kaew quando sono piene. Quelli che passano probabilmente arriveranno solo fino a Nimmanhaemin Rd, circa a metà strada. Quelli parcheggiati appena a nord del cancello servono i turisti diretti a Doi Suthep e possono provare ad attirarvi per ingaggiarli. A meno che non abbiate più soldi del necessario (nel qual caso potete semplicemente prendere un taxi), aspettate che uno di loro si riempia. Il prezzo equo dovrebbe essere di 20-30 THB. Se hai fretta, puoi prendere in considerazione l'idea di usare Grab. Infine, poiché Huay Kaew Waterfall si trova proprio all'interno della città, si può anche camminare, combinandola con una serie di templi lungo il percorso. Lo Zoo di Chiang Mai si trova proprio accanto all'ingresso del parco delle cascate. La distanza dal centro città è di circa 6 km. Una volta lì, l'ingresso è impossibile da perdere. La cascata stessa è un paio di centinaia di metri all'interno del parco. Non c'è il biglietto d'ingresso.

Huay Kaew Waterfall, Chiang Mai
Huay Kaew Waterfall, Chiang Mai
99 ถนน ห้วยแก้ว Tambon Su Thep, Amphoe Mueang Chiang Mai, Chang Wat Chiang Mai 50300, Thailand

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio