Cover Picture © Credits to iStock/Olga355
Cover Picture © Credits to iStock/Olga355

L'isola delle Lacrime a Minsk: più di un semplice monumento

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Poiché amo la storia, ho sempre amato visitare Minsk per esplorarla sempre di più. Uno dei luoghi più interessanti per me in questa città è l'Isola delle Lacrime. E' piu' di un semplice monumento, e vi spieghero' il perche'. Prima di tutto, è il monumento ai soldati caduti nella guerra in Afghanistan nel 1979-1989. Tuttavia, è anche un simbolo di dolore per tutti i guerrieri bielorussi morti durante tutta la storia del paese.

Island of Tears, Minsk
Island of Tears, Minsk
Island of Tears, Minsk, Belarus

Storia

Più di 30.000 bielorussi hanno partecipato alla guerra in Afghanistan. Purtroppo sono morti circa 800 soldati, molti di loro sono andati perduti e molti di loro sono diventati disabili. Il complesso monumentale è costruito sull'isola artificiale che si trova sul fiume Svislach. L'isola di Lacrime è situata nel luogo storico che è il centro di Minsk, ed è uno dei principali punti di interesse turistico. Il monumento è stato costruito nel 1985, quando la guerra era ancora in corso, mentre il complesso è stato inaugurato ufficialmente il 3 agosto 1990.

Picture © Credits to iStock/Olga355
Picture © Credits to iStock/Olga355

Una descrizione dell'isola

L'Isola delle Lacrime è raggiungibile dal ponte ad arco. Subito dopo aver superato il ponte, vedrete l'icona di Santa Maria, incisa nella pietra. C'è una scritta sulla pietra in lingua bielorussa e russa che dice: "Questo memoriale è costruito in memoria dei figli che si sono persi in Afghanistan, a nome delle madri bielorusse che non vogliono che il male domini sulla loro terra o su qualsiasi altra terra".

Al centro del complesso monumentale si trovano la cappella e i cognomi dei 771 soldati, scritti sulle pareti interne. Quei soldati sono quelli che sono morti durante la guerra, e i loro parenti e familiari possono accendere una candela davanti ad ogni cognome e pregare per la loro anima. Sull'altro lato delle pareti, si possono vedere dipinti che rappresentano scene diverse dalla Bibbia. C'è anche una croce con una bocca di rubino all'interno che si innalza sopra la chiesa, ed è illuminata dalla lanterna installata nel pavimento. La pietra rossa è il simbolo del sangue di Gesù Cristo e dei guerrieri morti.

Picture © Credits to iStock/bruev
Picture © Credits to iStock/bruev

La figura di un angelo che piange

L'elemento più mozzafiato del memoriale per me è la figura di un angelo che piange. L'angelo sta piangendo perché non è riuscito a salvare i soldati bielorussi dalla morte. L'angelo piange anche perché non ha potuto proteggere coloro che sono tornati vivi nei loro paesi, poiché sono comunque morti più tardi a causa del trauma fisico e spirituale. Ogni anno, il 15 febbraio, i veterani della guerra e i parenti dei soldati morti e sopravvissuti si riuniscono sull'isola per mostrare il loro rispetto.

Picture © Credits to iStock/Dontsov
Picture © Credits to iStock/Dontsov

I turisti visitano spesso anche l'Isola delle Lacrime, e sono d'accordo con il fatto che non è solo un monumento. Se visitate questo luogo, rimarrete stupiti dalla sua grandezza e dalla sua profonda aura. Vi renderete conto che ci sono cose molto importanti e che vale la pena di pensare. Inoltre, quanto sia insignificante la guerra quando la perdita è molto grande. A mio avviso, l'autore di questa idea è un genio perché ha potuto esprimere tutti quei sentimenti e un grande dolore della guerra.


Lo scrittore

Anano Chikhradze

Anano Chikhradze

Io sono Anano. Amo viaggiare, conoscere la storia e conoscere persone provenienti da tutto il mondo. Scrivo della Georgia, il mio paese, e sono sicuro che tutti se ne innamoreranno.

Altre storie di viaggio