Jovan Bulj ballava per le strade di Belgrado

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Quando si vuole diventare popolare, si sceglie di essere un attore, cantante, politico. C'è una credenza nella mia cultura che ognuno di noi ha la propria stella che ci sta accompagnando per tutta la vita. Qualcosa di simile a "è scritto nelle stelle". Per quanto questo suoni deterministico, ecco un esempio insolito per dimostrarlo. C'era una volta, alla fine degli anni '70, in una terra che ora non esiste, la Jugoslavia, c'era un uomo chiamato Jovan Bulj. Non ha mai sognato di diventare una pop star! Voleva solo lavorare con ciò che lo rendeva felice. Questo lo ha fatto brillare come una stella. Essere un agente di polizia stradale, non dà un sacco di spazio per guadagnare popolarità. Per diventare una pop star di questa professione, doveva essere scritto nelle stelle, non credi?

Jovan era popolare come "il ballerino di balletto" da Belgrado e soprattutto stava regolando le strade di Slavija, Piazza della Repubblica, Zeleni Venac ... Una volta invitato a diventare un ospite pointsman a Londra, è stato molto bravo. Lui, con le sue mosse aggraziate, ha fatto una performance da qualcosa che chiameremmo ' semplicemente mostrando direzioni '. I londinesi lo hanno paragonato a Elvis Presley, un'energia divertente che non tutti hanno.

La gente stava parlando che aveva una certa educazione come ballerino di danza al Teatro Nazionale di Belgrado, e che quindi ha avuto tali mosse graziose, ma ha dichiarato che era solo attivamente coinvolto nello sport: calcio e pallamano. Era ospite abituale del ricevimento nel municipio, invitato anche da Josip Broz Tito.

Dopo la caduta della Jugoslavia, si ritirò e fu completamente dimenticato dallo Stato. La gente, ancora, ricorda come questa stella vestita di bianco stava mostrando dedizione ad una professione semplice, facendo una performance d'arte fuori di esso.

Dallo scorso anno, a Belgrado, l'uniforme per gli agenti di polizia stradale è di nuovo bianco. Dicono "polizia bianca per una città bianca" (Beograd significa Bianco -beo, Città - grigio). Questo passaggio dalle autorità locali per rimandare le vecchie uniformi è accettato con saluti da parte del pubblico e molti di loro stanno già prendendo selfies con il portiere in giro. Specchio nero molto?


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Zlata Golaboska

Zlata Golaboska

Sono Zlata e sono un architetto che vive nei Balcani. Sono appassionato di città, di come le persone influenzano l'architettura e viceversa, e di come i luoghi cambiano le nostre vite.

Altre storie di viaggio