Cover picture credits © istockphoto/milangonda
Cover picture credits © istockphoto/milangonda

Kea, l'isola cicladica più vicina ad Atene

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

La gente che parte dal porto del Pireo per una delle isole che formano l'arcipelago delle Cicladi è ovviamente uno spettacolo molto comune ad Atene. Queste isole sono note a qualsiasi turista o viaggiatore ed è molto probabile che alcuni di voi abbiano già sentito parlare di Santorini, Mykonos o Paros. Ciò che non è così ben noto è che solo un'isola non è raggiungibile dal porto del Pireo, Kea. Stranamente Kea, o Tsia, in greco, è l'isola cicladica più vicina ad Atene.

Photo credits © istock/Dmitry Berkut
Photo credits © istock/Dmitry Berkut

"Allora come faccio ad arrivare a Kea?", devi pensare. Beh, non è così difficile, dopotutto. L'isola è una buona idea per una gita di un giorno o fine settimana di distanza, quindi noleggiare un'auto è l'ideale. Lavrio, la città meridionale da dove partono i traghetti per Kea, è a un'ora di macchina dal centro di Atene, e a soli 30 minuti dall'aeroporto nel caso in cui vogliate partire subito dopo l'atterraggio. Una volta qui basta prendere il traghetto e in un paio d'ore sarete in una posizione molto autentica.

Nell'ultimo decennio le strutture turistiche e ricettive sono cresciute, con i loro standard di qualità, ma senza superare il senso di genuinità che si può trovare qui. Kea ha iniziato ad essere scoperto sia dai viaggiatori nazionali ed internazionali che dai turisti di recente e la gente dell'isola dice ancora che sono in fase di scoperta. Il processo di scoperta è iniziato negli anni '70 grazie ad artisti e personalità greche residenti all'estero, come il pittore Alekos Fasianos, che "scoprì" quest'isola e poi ne parlò ai loro circoli. Le storie di quest'isola paradisiaca così vicina alla terraferma arrivarono rapidamente agli yuppies di Atene che cominciarono a investire nell'isola.

Photo credits © istock/milangonda
Photo credits © istock/milangonda

Kea ha una ricca storia; molte città-stato si sono sviluppate qui, e l'isola ha prodotto belle menti durante tutto il periodo preellenistico. Fu combattuta dai Bizantini e dai Veneziani, occupati dagli Ottomani nel 1527, anche se non si sono mai completamente insediati, e poi dalle forze russe nel XVIII secolo. La storia lascia tracce e l'isola è ricca di siti storici che riflettono il suo passato movimentato.

Kea è una delle isole più grandi delle Cicladi. Ci sono un sacco di spiagge eccellenti, molti siti archeologici, sorprendenti villaggi tradizionali greci, ed è ancora in fase di svelamento. Meglio andare a dare un'occhiata all'isola cicladica più vicina ad Atene il più presto possibile. L'isola si distingue per la sua natura quasi incontaminata: le escursioni e le immersioni subacquee dovrebbero essere sulla vostra lista delle cose da fare.


Lo scrittore

Federico Spadoni

Federico Spadoni

Sono Federico, sono nato e cresciuto in Italia. Sport e cronaca fanatico e volontario attivo. Attualmente vivo ad Atene, in Grecia. Scrivevo delle parti centrali d'Italia.

Altre storie di viaggio