© iStock/ Suprabhat Dutta
© iStock/ Suprabhat Dutta

Calcutta, capitale culturale dell'India, sulla scia di COVID-19

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

L'autore francese Dominic Lapierre ha dato a Calcutta il soprannome di "Città della gioia". E la città è all'altezza della fama con il suo caos esuberante e la sua anima calda e accogliente. Tuttavia, per la prima volta dall'inizio della città nel 1686, Calcutta è diventata stranamente ancora sotto l'ombra della pandemia COVID-19. È diventata una bomba a orologeria con il governo indiano che la dichiara uno degli 11 distretti del Paese in cui la situazione è "particolarmente grave". Si dice spesso che la popolazione di Calcutta sia rilassata e che sia costretta a tornare a casa. Anche se questo può essere in qualche modo vero, sapere che questo stato di cose è ora lo stato di diritto è sconfortante.

Lo stato delle cose

© iStock/ Suprabhat Dutta
© iStock/ Suprabhat Dutta

Calcutta è in isolamento dal 24 marzo, e si prevede che questo accordo sarà rivisto o prorogato il 3 maggio, a seconda della minaccia imminente in quel momento. Con tutti, tranne il personale dei servizi di emergenza chiuso in casa, le strade affollate indossano ora un aspetto squallido. Tutto è chiuso, tranne i negozi di alimentari e i mercati di generi alimentari di prima necessità e le farmacie. Siamo tutti telelavoratori e cerchiamo di mettere da parte l'ansia paralizzante per rifugiarci nella finzione di una giornata normale.

© iStock/ Kunal Mailk
© iStock/ Kunal Mailk

Le immagini di un desolato Victoria Memorial, un Prinsep Ghat vuoto, che fa il giro dei telegiornali, sembrano un fenomeno ultraterreno. Le persiane chiuse delle bancarelle del tè ai bordi della strada, che fanno parte del paesaggio culinario della città tanto quanto quello culturale, ci ricordano la normalità che probabilmente davamo per scontata. L'iconico ponte di Howrah, che sopporta il carico di 100.000 veicoli e 150.000 pedoni al giorno, è ormai quasi un'antitesi del suo solito sé. Per quanto questi panorami siano sgraditi, c'è stato un lato positivo anche in questa situazione. La qualità dell'aria della città è migliorata notevolmente. Il fiume Hooghly, sul quale si trova il ponte Howrah, ha visto almeno una parvenza di acqua pulita. Per quanto ci manchi il clacson delle auto e gli interminabili ingorghi, l'assenza di smog ci ha regalato il piacere di vivere un cielo notturno limpido con stelle scintillanti.

Howrah Bridge, Kolkata
Howrah Bridge, Kolkata
Rabindra Setu, Fairley Place, B.B.D. Bagh, Kolkata, West Bengal, India
Prinsep Ghat, Kolkata
Prinsep Ghat, Kolkata
Fort William, Hastings, Maidan, Fort William, Hastings, Kolkata, West Bengal 700021, India
Victoria Memorial, Kolkata
Victoria Memorial, Kolkata
1, Queens Way Kolkata, West Bengal 700071, Kolkata 700071

La celebrazione pubblica di Poila Boishakh ha annullato

© iStock/ RNMitra
© iStock/ RNMitra

Quello che ai bengalesi è mancato di più finora è stato celebrare Poila Boishakh, il Capodanno bengalese, il 14 aprile. Poila Boishakh è un momento di grandi incontri con le famiglie e gli amici per il cibo delizioso e la quintessenza dell'adda (la versione bengalese dell'uscire insieme). Con le norme dell'allontanamento sociale, quest'anno non ci sono stati salti di ristorante in questo giorno speciale. Non c'è stato nessun Halkhata Pujo (culto di Pujo-worship), in cui le aziende bengalesi aprono i loro nuovi libri contabili per l'anno, il libro mastro rosso è l'Halkhata. Tutti noi abbiamo un negozio di articoli di base che visitiamo ogni anno a Poila Boishakh per l'Halkhata Pujo. Con le norme di distanziamento sociale in vigore, tutto quello che potremmo fare è festeggiare a casa pregando per il benessere di tutti.

Per il popolo, dal popolo

Una cosa è diventata chiara fin dall'inizio dell'isolamento. L'allontanamento sociale è un lusso che può essere concesso solo ai privilegiati. L'India è una nazione in via di sviluppo con una popolazione di 1,3 miliardi di persone. E le persone che vivono in baraccopoli che ospitano 10 persone in una stanza? E le scommesse quotidiane e i lavoratori migranti che non hanno risparmi e che hanno perso i loro mezzi di sussistenza? E le persone che non hanno una casa? Il governo sta facendo del suo meglio per aiutare queste persone con vari pacchetti di aiuti, ma quasi non è sufficiente. Alla luce della triste situazione, dobbiamo intervenire per alleviare la crisi umanitaria in atto. Possiamo farlo assistendo le seguenti organizzazioni a Calcutta:

Ramakrishna Math & Ramakrishna Mission

© iStock/ Suprabhat Dutta
© iStock/ Suprabhat Dutta

La missione di Ramakrishna Seva Pratishthan, l'ospedale dell'organizzazione a Calcutta, ha istituito reparti di isolamento per le persone che risultano positive al COVID-19. I diversi rami dell'organizzazione in città hanno anche distribuito 32.000 kg di riso, 6.000 kg di lenticchie e altri prodotti essenziali come olio da cucina, patate, cipolle, zucchero, sale, farina, biscotti, saponette, maschere facciali, ecc. a circa 6000 famiglie povere. Potete aiutarle nel lavoro di soccorso cliccando sul link sottostante:

https://donations.belurmath.org/product/donations-ramakrishna-mission-belur-math-donors-outside-india-usd?currency=USD

Squadra anti-fame

Questa organizzazione di Calcutta ha iniziato il suo viaggio nutrendo le persone al di fuori degli ospedali governativi due anni fa. In mezzo alla pandemia di COVID-19, si sono concentrati sulle scommesse quotidiane dei poveri e sulle loro famiglie. La rete di volontari dell'Anti Hunger Squad distribuisce pasti cucinati, disinfettanti a mano, guanti usa e getta e generi alimentari di prima necessità in vari baraccopoli di Calcutta. Finora hanno organizzato 120 campi di raccolta di cibo per coloro che sono stati colpiti più duramente dalla situazione attuale. Potete aiutare la nobile causa donando qui:

https://milaap.org/fundraisers/support-zeeshan-majid

Calcutta è la giusta giustapposizione tra il vecchio e il nuovo. Ci aggrappiamo al suo fascino e alla sua nostalgia del vecchio e ci abbandoniamo a tutto ciò che è moderno. Il mondo avrà un aspetto diverso dopo la pandemia. E sono sicuro che Calcutta prenderà tutti i cambiamenti del suo cammino e li integrerà con i suoi elementi sempreverdi. La Città della Gioia accoglierà ancora una volta tutte le anime erranti e le farà sue.


Lo scrittore

Hitaishi Majumder

Hitaishi Majumder

Ehi, sono Hitaishi, un editore con sede a Kolkata, in India, e sono qui per presentarvi diverse parti del mio incredibile paese attraverso le mie storie di viaggio sulla gastronomia, la cultura, la storia e molto altro ancora!

Altre storie di viaggio