Il leggendario treno Bosniaco "Ciro" in Visegrad

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Che si tratti di un vecchio appassionato di ferrovie o semplicemente di un curioso esploratore dei sentieri imbattuti, questa storia vi ispirerà a pin Bosnia-Erzegovina, l'ultimo gioiello d'Europa ancora da scoprire, sulla vostra lista di secchielli. Quando si tratta di treni, la loro storia e leggende, questo paese nasconde una delle parti più attraenti delle vecchie ferrovie in Europa. E non si tratta solo dei vecchi binari, ma anche dei vecchi treni. Accompagnato da splendidi paesaggi cinematografici nei dintorni di Višegrad, la più bella città della Bosnia, questo giro merita di essere provato. Sulla ferrovia a scartamento ridotto da Višegrad a Morka Gora (in Serbia), avrete l'impressione di entrare nella macchina del tempo e tornare indietro di almeno un secolo fa. Durante il viaggio scoprirete perché il leggendario treno bosniaco a scartamento ridotto "Ćiro" è una vera attrazione a Višegrad.

La ferrovia più costosa all'inizio del 1900

La ferrovia a scartamento ridotto da Višegrad a Vardište apparteneva all'ex ferrovia della Bosnia orientale, che costituiva una parte essenziale della linea a scartamento ridotto che collegava due grandi città della regione di Sarajevo e Belgrado. Costruita tra il 1903 e il 1906 dall'impero austro-ungarico, fu una delle ferrovie più costose dei primi anni del Novecento. L'intera costruzione è costata 75 milioni di corone d'oro o un chilogrammo d'oro per ogni metro di ferrovia. In realtà, la posizione strategica di Višegrad, che si trovava al confine con la Serbia, era dietro la motivazione degli austro-ungarici. Tuttavia, solo nel 1925, dopo la prima guerra mondiale, la ferrovia fu ufficialmente aperta e funzionante. Per quasi 50 anni questa ferrovia ha svolto un ruolo importante nel collegamento tra la Bosnia e la Serbia prima di essere chiusa nel 1974 per motivi di redditività.

Trasformare una ferrovia in un'attrazione turistica

Crediti fotografici all'organizzazione turistica di Višegrad

L'idea di ricostruire una parte dell'ex ferrovia solo per i turisti era sempre presente, ma ci sono voluti 30 anni per realizzarla. Per quanto riguarda la Serbia, ciò è avvenuto nel 2003, quando la ferrovia da Mokra Gora a Vitasi, nota come "l'otto di Šargan", è stata ristrutturata e trasformata in un'attrazione turistica. In Bosnia, grazie agli investimenti del governo della Repubblica Srpska (una delle entità del paese), tutti i lavori di ricostruzione sono stati completati entro il 2010, quando il primo e leggendario treno a scartamento ridotto "Ćiro" è arrivato da Mokra Gora a Višegrad. Da allora, il treno collega questi due luoghi, non in modo regolare, ma su richiesta per visite organizzate, in quanto alcuni lavori sono necessari in futuro.

Ćiro" faceva parte della vita di tutti

Crediti fotografici all'organizzazione turistica di Višegrad

Il treno, il cui nome ufficiale è 'Nostalgia', tra i bosniaci è affettuosamente chiamato 'Ćiro'. E in realtà racconta la storia nostalgica intrecciata con la storia della regione. Per molte generazioni questo treno ha fatto parte della vita di tutti. Decenni fa 'Ćiro' trasportava lavoratori, contadini, bambini, studenti, turisti, ma anche posta, bestiame, carbone e cibo. Nonostante una densa nuvola di fumo e un odore specifico, sia i viaggiatori e le persone che vivevano sulle strade ferroviarie piaceva. Ćiro" faceva parte delle storie e delle esperienze di vita delle persone. Pertanto, un giro panoramico in treno con il leggendario treno bosniaco a scartamento ridotto "Ćiro" a Višegrad è molto più di un semplice viaggio. Si tratta di un'eccezionale esperienza di viaggio nel tempo, dove si può sentire come la vita in treno sembrava una volta alla volta.

Višegrad Town
Višegrad Town
Višegrad, Bosnia and Herzegovina
Mokra Gora
Mokra Gora
Mokra Gora, Serbia

Lo scrittore

Ljiljana Krejic

Ljiljana Krejic

Sono Ljiljana, della Bosnia-Erzegovina. Essendo un giornalista, non posso sfuggire a questa prospettiva quando viaggio. La mia missione è farvi esplorare l'ultima gemma ancora da scoprire in Europa.

Altre storie di viaggio