iStock/Marc_Osborne
iStock/Marc_Osborne

L'aragosta, la regina gastronomica di Alghero

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Alghero, l'enclave catalana della Sardegna, si distingue per l'originalità della sua cucina. La tradizione gastronomica sarda si combina con la cultura spagnola. Troviamo così piatti generosi per gusto e abbondanza, a base di ricci di mare, crostacei o anche di pesce "meno pregiato".

© iStock/CJ_Romas
© iStock/CJ_Romas

Le aragoste di Alghero sono conosciute fin dall'antichità ed erano già presenti sulle tavole dell'antica Roma. Secondo un'antica ricetta, questi erano conditi con il garum, una salsa a base di pesce fermentato, sale e vino.

Dopo un periodo di assenza sulle tavole, le aragoste tornano "alla moda" verso la fine dell'Ottocento. Era così ricercato che i velieri della zona dovevano navigare in tutti i mari per rifornire le tavole più raffinate d'Europa. La regina d'Inghilterra, Elisabetta II, voleva l'aragosta di Alghero nel menu del suo ricevimento di nozze. Ancora oggi lo troviamo nei menù dei più raffinati ristoranti europei, come Chez Maxim, a Parigi.

© iStock/Manakin
© iStock/Manakin

Le migliori aragoste si pescano nel Mediterraneo, dove l'acqua è più salata degli oceani e dove la presenza di Posidonia rende più saporita ogni tipo di pesce e crostacei. Ma, secondo gli esperti, le aragoste più gustose vivono proprio qui, nel Golfo di Alghero, tra Stintino e Bosa. La pesca si svolge da aprile ad agosto, al di fuori dei limiti imposti dalla sosta biologica, utilizzando reti fatte a mano o pentole e cesti di canna intrecciata.

Non a caso, la ricetta originale dell'aragosta catalana nasce ad Alghero, nel 1949, inventata da Lepanto Cecchini. Ancora oggi si può gustare al ristorante "La Lepanto", insieme all'"aragosta alla Lepanto" e agli "spaghetti ai ricci di mare".

Essendo così deliziosa, l'aragosta di Alghero ha prezzi proibitivi - circa 80 euro al kg se acquistata al mercato del pesce. Il prezzo al ristorante, naturalmente, è molto alto, quindi mangiare l'aragosta di Alghero è un lusso che non tutti possono permettersi. Per rendere accessibile a tutti questo prezioso crostaceo, ogni anno, per tutto il mese di maggio, si svolge la manifestazione "L'aragosta della cucina algherese". Durante questo evento, è possibile mangiare un menu completo a base di aragosta al prezzo di circa 50 euro. Grande opportunità per tutti i fan.

Aragosta algherese

L'aragosta viene bollita e servita con una salsa separata, composta da olio extravergine di oliva, limone, aceto, sale e un pizzico di pepe.

© iStock/Siraphol
© iStock/Siraphol

Aragosta Lepanto

L'aragosta viene bollita e servita già condita con olio extravergine di oliva, sale, un pizzico di pepe, limone, aceto balsamico, pomodoro, cipolla, arancia.

© La Lepanto
© La Lepanto

Aragosta Catalana

L'aragosta viene bollita e servita già condita con olio extravergine di oliva, sale, un pizzico di pepe, aceto, limone, pomodoro, sedano e cipolla.

© La Lepanto
© La Lepanto
Restaurant La Lepanto Alghero
Restaurant La Lepanto Alghero
Via Carlo Alberto, 135, 07041 Alghero SS, Italia
Restaurant Il Pavone Alghero
Restaurant Il Pavone Alghero
Piazza Sulis, 3, 07041 Alghero SS, Italia
Aquatica Lounge Bar Restaurant Alghero
Aquatica Lounge Bar Restaurant Alghero
Banchina Sanità, 07041 Alghero SS, Italia

Il vino perfetto per l'aragosta

Per quanto riguarda i vini da abbinare in un pasto di aragosta, una combinazione classica è aragosta e Champagne. Ma non mancano le alternative tra gli eccellenti spumanti italiani, come il Franciacorta. Certamente, la Sardegna offre una grande varietà di ottimi vini da abbinare a pesci e crostacei. Quindi rimaniamo in zona. Un magnifico Torbato di Alghero è perfetto, soprattutto con l'aragosta alla griglia. Altrimenti, suggeriamo un Vermentino.

E, per finire in dolcezza, il consiglio è di assaggiare la deliziosa Crema Catalana, che qui viene preparata secondo l'autentica ricetta catalana.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Mara Noveni

Mara Noveni

Mi chiamo Mara, sono italiana, sono nata a Roma e cresciuta nella splendida Toscana. Da sempre innamorata della lettura e della scrittura, ho completato questo modo di esprimermi attraverso la fotografia, in particolare la fotografia di strada e di viaggio. Grazie alle mie numerose e lunghe esperienze di viaggio, ho arricchito la mia mente e la mia vita interiore.

Altre storie di viaggio