Misericordia e tragedia del convento di Santa Marta e Maria a Mosca

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Se si cammina lungo la via Bolshaya Ordynka a Zamoskvorechye a Mosca, si passa davanti a un semplice, modesto cancello con una piccola porta dentro. Ma se si entra in questa porta, si trova uno dei conventi più interessanti di Mosca, si possono vedere opere brillanti di noti architetti e pittori, e in un piccolo museo, conoscere la sua storia toccante piena di misericordia e tragedia. Questo è il convento di Santa Marta e Maria della Misericordia a Mosca, fondato da una principessa tedesca della Casa di Hesse-Darmstadt, nipote della regina Vittoria d'Inghilterra - la granduchessa di Russia Elisabetta.

Photo © credits to yandex.ru/collections/Dim Dimych
Photo © credits to yandex.ru/collections/Dim Dimych

Diventare Elizaveta Feodorovna

Un piccolo museo sul territorio del convento di Santa Marta e Maria della Misericordia racconta la vita della sua fondatrice, Elisabetta. A 19 anni, ha sposato il Granduca di Russia - Sergei Aleksandrovich. Dopo sette anni, si è convertita all'ortodossia per sua volontà e ha ottenuto il nome di Elizaveta Feodorovna. Dopo la morte del marito in un bombardamento organizzato dai rivoluzionari, vende i suoi gioielli, fonda un convento e ne diventa badessa. Disse: "Lascio il mondo alto, dove avevo una posizione alta, ma insieme a voi, salgo verso il mondo più grande, verso il mondo dei poveri e dei sofferenti".

L'Angelo Bianco di Mosca

Nelle virtù conventuali di Santa Maria e Santa Marta, la preghiera e il servizio sono stati combinati. Le suore di questa Dimora di Misericordia dovevano emettere i voti di castità, povertà e obbedienza, ma, a differenza delle suore, dopo qualche anno, potevano lasciare il convento e sposarsi. Questo posto era per tutte le donne che volevano aiutare le persone bisognose. Nel convento hanno ricevuto una formazione spirituale e medica. Lavoravano instancabilmente tra i poveri e i malati. Elizaveta Feodorovna è stato chiamato l'Angelo Bianco di Mosca.

Photo © credits to art-catalogue.ru
Photo © credits to art-catalogue.ru
Ho accettato questo non come una pesante croce, ma una strada piena di luce mostratami da Dio. Elizaveta Feodorovna

Padre, liberali, non sanno quello che fanno.

Nel museo si trova una sala riunioni dove Elizaveta Feodorovna incontrò l'ultimo imperatore russo e la sua famiglia, le icone ricamate dalle sue mani e il guanto che perse quando fu arrestata nel 1918. Insieme ad altri Romanovs, è stata uccisa in Alapaevsk. "Padre, liberali, non sanno quello che fanno", le ultime parole di Elisabetta sono scritte in fondo alla sua statua nel convento.

Photo © credits to Rasfocus/Natalia Slyadneva
Photo © credits to Rasfocus/Natalia Slyadneva

Grandi opere d'arte

Elizaveta Feodorovna ha invitato artisti e architetti di talento per creare il convento. Qui, possiamo vedere delle grandi opere d'arte. La Chiesa dell'Intercessione fu costruita da Alexei Shchusev, che in seguito divenne un noto architetto e costruì alcuni punti di riferimento di Mosca come la stazione ferroviaria di Kazansky e il Mausoleo di Lenin. La chiesa è stata ispirata dalle più antiche chiese russe di Novgorod e Pskov, ed è stata costruita nel popolare stile art-nouveau russo dell'epoca.

Photo © credits to Livejournal.ru/deadOKey
Photo © credits to Livejournal.ru/deadOKey
Photo © credits to Livejournal.ru/deadOKey
Photo © credits to Livejournal.ru/deadOKey

Un famoso pittore russo Mikhail Nesterov ha affrescato la chiesa nei colori bianco e blu. Si possono vedere uccelli celestiali, angeli, gigli come simboli di purezza e innocenza, e le rose come simboli di amore. Inoltre, ci sono le scene della Bibbia e l'immagine principale "La Sacra Rus', dove le infermiere aiutano le persone a venire a Cristo e ad avere sollievo dalle loro sofferenze. La cripta è stata affrescata da un noto artista russo Pavel Korin.

Photo © credits to Livejournal.com/foto-programmer
Photo © credits to Livejournal.com/foto-programmer

Il Convento di Santa Marta e Maria a Mosca fondato da una principessa tedesca, in memoria del marito, divenne anche un monumento a questa meravigliosa donna, la sua anima, la sua profonda fede, la sua profonda misericordia e la tragedia della sua vita. La Chiesa ortodossa russa l'ha canonizzata. In Russia ci sono diversi conventi e chiese dedicate a Sant'Elisabetta. Il convento di Santa Marta e Maria continua il suo servizio. Qui c'è un orfanotrofio, un ospedale per bambini gravemente malati. E in estate, il convento è pieno di fiori, come ai tempi di Elizaveta Feodorovna.

Photo © credits to Livejournal.ru/deadOKey
Photo © credits to Livejournal.ru/deadOKey
St. Martha and Mary Convent in Moscow
St. Martha and Mary Convent in Moscow
st. Bolshaya Ordynka, 34, Moscow, Russia, 119017

Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Victoria Derzhavina

Victoria Derzhavina

Vivo a Mosca. Sono appassionata di viaggi, storia, natura e architettura. Ho lavorato come guida turistica a Mosca e in altre città russe per diversi anni. Mi piace visitare posti nuovi e mi piace condividerli con gli altri.

Altre storie di viaggio