© iStock / edufoto
© iStock / edufoto

Monsanto, il villaggio più portoghese

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Monsanto (che significa "monte sacro") è un villaggio situato su una collina molto rocciosa, vicino al confine con la Spagna. Appartiene a Idanha-a-Nova, il distretto di Castelo Branco. Il villaggio è costruito interamente sulle rocce, attorno ad esse, sotto di esse... E il risultato è davvero sorprendente! Dal villaggio, se si prende un sentiero di pastori, si arriva al castello. Un tempo molto suggestivo, i suoi resti sono ancora di una bellezza ammaliante, con una vista infinita.

La storia di Monsanto

Secondo le leggende, i Celti hanno già vissuto lì e poi hanno seguito i Romani - tuttavia, su di loro esistono solo leggende, non fatti archeologici. Poi sono arrivati i Visigoti: intorno alla cappella di São Miguel (oggi in rovina) ci sono le tipiche tombe di questo periodo. Erano scolpite nel puro granito, a forma di corpo umano. Io non ci andrei di notte!

© iStock / Estellez
© iStock / Estellez
Chapel of São Miguel
Chapel of São Miguel
R. do Castelo 32, 6060-091 Monsanto, Portugal

Come la maggior parte dei villaggi di confine, una volta apparteneva a un ordine militare. In primo luogo, i Templari, che costruirono il castello nel XII secolo. Ma non durò a lungo nelle loro mani. Dopo di loro arrivò l'Ordine di Santiago, e poi il re portoghese prese il controllo del villaggio. Molte volte Monsanto ha subito guerre e ricostruzioni perché si trovava al confine. Alla fine si rivelò essere un enorme castello con una torre d'onore. Purtroppo un fulmine ha distrutto il deposito di munizioni.

© iStock / andremarinst
© iStock / andremarinst

Dopo l'esplosione, alcune rocce della montagna sono cadute e hanno abbattuto gran parte del castello e delle sue mura. Tuttavia, molto è stato conservato, e vale ancora la pena di visitarlo: la sua combinazione di enormi pietre con l'architettura militare è unica!

Castle of Monsanto
Castle of Monsanto
R. do Castelo 32, 6060-091 Monsanto, Portugal

Il villaggio più portoghese

Nel 1938, Monsanto vinse un concorso nazionale: fu dichiarato "il villaggio più portoghese". Il prezzo era un gallo d'argento (l'icona portoghese). Una copia di esso è stata conservata in cima alla torre di Lucano.

Lucano Tower
Lucano Tower
rua da soenga em frente ao numero 14), 6060-091 Monsanto, Portugal

Il villaggio oggi

Il Festival delle Croci e la leggenda che sta dietro

Monsanto è l'ideale per una passeggiata. Lunga o breve, si decide: il paese si trova su un incrocio di due GR (i lunghi percorsi che attraversano l'Europa). All'interno di questo accogliente villaggio, i panorami sono sempre sorprendenti, e sembra che il tempo si sia fermato qui. Passeggiando per le sue case senza età, si può credere che la leggenda locale (pagana?) sia reale. È così: a un certo punto, sotto un assedio (contro i romani? i moreschi? gli spagnoli? tante versioni!), gli abitanti di Monsanto sono rimasti solo con una mucca magra e del grano da mangiare. Stavano morendo di fame, ma una donna ha avuto un'idea geniale: hanno dato da mangiare il grano alla mucca per farla ingrassare, e l'hanno buttata giù dalle mura della città come se avessero così tanto cibo dentro, da poter risparmiare una mucca intera. I nemici, vedendo questo, decisero di non tenere più l'assedio e se ne andarono.

© iStock / RolfSt
© iStock / RolfSt

A Monsanto, ricordano questo episodio ogni 3 maggio. È conosciuta come la "Festa delle Croci" ed è in realtà una festa molto popolare in luoghi dal passato celtico. In questo villaggio, fanno bambole con abiti fioriti, e come ricordo di questo episodio, dal castello, lanciano... no, non mucche! Qualcosa di più civile: secchielli dipinti di bianco!

© iStock / Rui T Guedes
© iStock / Rui T Guedes

Anche se Monsanto è un po' lontana dalle grandi città, questo non fa che renderla più affascinante e autentica. Dopotutto... come si può venire in Portogallo e non visitare il suo villaggio più portoghese?


Lo scrittore

Sara Rodriguez Romo

Sara Rodriguez Romo

Vivo tra Salamanca, in Spagna, e Marvão, in Portogallo. Viaggiatrice appassionata, ho visitato oltre 30 paesi in quattro continenti. Attualmente sto facendo un dottorato di ricerca in mitologia greca e lavoro con i cavalli, facendo passeggiate nella natura.

Altre storie di viaggio