© Mark Levitin
© Mark Levitin

Attrazioni naturali vicino a Buon Ma Thuot, Vietnam Centrale

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Buon Ma Thuot, capoluogo di provincia del Vietnam centrale, è una tipica cittadina vietnamita di medie dimensioni: abbastanza accogliente, ma priva delle tipiche attrazioni turistiche. Ci sono un paio di musei e un mucchio di monumenti per gli appassionati, ma non molto altro. La zona tecnicamente appartiene a una ventina di tribù collinari, tra cui la più popolosa è la M'nong, ma a differenza delle minoranze etniche del nord, di solito non indossano costumi tradizionali. A un visitatore occasionale, sembrano praticamente indistinguibili da qualsiasi altro contadino vietnamita. Il motivo principale per viaggiare a Buon Ma Thuot è la natura: cascate massicce e potenti, un lago insolito e un fenomeno piuttosto raro: i tubi vulcanici.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Cascate Dray Sap e Dray Nur

Le due cascate vicine hanno una forma piuttosto tipica per questa zona: uno spostamento verticale nella roccia del letto ha creato una caduta a strapiombo, con il ripiano superiore leggermente a strapiombo sul precipizio. Più inusuali sono il volume e l'ampiezza. La quantità d'acqua che si infrange è enorme anche durante la stagione secca, e la larghezza del torrente è sufficiente a far sì che decine di ruscelli e rivoli separati si diramino e cadano indipendentemente. In sostanza, si tratta di un vasto sistema di rapide, cascate e pozze, dove le due cascate principali definiscono i confini. Visitarle è facile: prendete un autobus da Buon Ma Thuot a Krong No, scendete all'ingresso di Dray Nur, pagate la tassa (circa 2$), esplorate la zona, poi attraversate un ponte sospeso e seguite un sentiero fino a Dray Sap. Ci sono piccoli caffè vicino ad entrambe le cascate. Se si punta alla vista del tramonto, è probabile che si perda l'ultimo autobus per tornare indietro, ma fare l'autostop è facile.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Ta Dung Lake

Questo grande lago artificiale è stato creato quando una rete di valli montane è stata allagata da una diga per una centrale idroelettrica. Le vecchie cime delle montagne e le parti più alte delle catene montuose tra le valli rimangono sopra la superficie, formando un labirinto verde sopra l'acqua bluastra. Gli imprenditori locali hanno aggiunto alcuni caffè, un punto di vista "instabile" simile a quello di un asilo, e un certo numero di case eleganti, il tutto a un prezzo palesemente eccessivo. Questi possono essere tranquillamente ignorati, dato che le migliori viste sono comunque dalle vicine piantagioni di caffè. Per arrivarci, a meno che non si disponga di una macchina propria, è necessario uno sforzo. Prima di tutto, dovete prendere un autobus per Gia Nghia, poi cambiare per un minivan diretto a ovest e passare vicino al lago - chiedete di Ho Ta Dung. Se volete rimanere per il tramonto, tenete presente che nessun mezzo pubblico torna a Gia Nghia dopo il tramonto e che non ci sono nemmeno molti veicoli privati per l'autostop. La soluzione migliore è quella di fermarsi in uno dei tre motel sull'autostrada, vicino al bivio per il lago.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Grotte vulcaniche di Chu B'luk

Senza dubbio la più unica di tutte le attrazioni naturali intorno a Buon Ma Thuot, e in generale nel Vietnam centrale, è Chu B'luk, una rete di antichi tubi di lava. Queste grotte vulcaniche, dall'aspetto cilindrico e senza speleotmi, si formano a causa delle differenze di temperatura delle colate laviche: gli strati superiori più freddi e viscosi si fermano e si solidificano, mentre gli strati inferiori più caldi continuano a muoversi, creando canali cavi. Non ci sono molti tubi di lava abbastanza larghi da permettere all'uomo di attraversarli e abbastanza lunghi da renderli degni di esistere al mondo, e si ritiene che il sistema di Chu B'luk sia il più esteso dell'Asia. Le grotte hanno un aspetto bizzarro, molto simile a una tana di qualche mistico verme gigante, o forse un wyrm. La più facile da raggiungere è la terza grotta: raggiungere lo stesso ingresso della cascata di Dray Nur, ma invece di girare verso le cascate, continuare a camminare dritto. Le grotte vulcaniche non sono ancora ufficialmente aperte ai turisti - dite ai venditori di biglietti nel chiosco che state andando verso la cascata, o vi faranno tornare indietro. Per lo stesso motivo, il sentiero non è segnalato, quindi usate Google o Open Street Maps per la navigazione. Anche i segni sulle pareti della grotta si sono consumati; esplorate a vostro rischio e pericolo.

Dray Sap Waterfall, Dak Lak
Dray Sap Waterfall, Dak Lak
Thôn Đức Lập, Đắk Sôr, Krông Nô, Đăk Nông 64000, Vietnam
Ta Dung Lake, Gia Nghia
Ta Dung Lake, Gia Nghia
Hồ Tà Đùng, Vietnam
Chu B'luk Caves, Dak Nong
Chu B'luk Caves, Dak Nong
Buôn Choah, Krông Nô District, Dak Nong, Vietnam

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio