Non un semplice villaggio macedone: Velmej

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Molto spesso, ogni volta che parliamo di un villaggio macedone, parliamo di luoghi che 50 anni fa funzionavano, mentre oggi sono abbandonati o popolati solo per alcuni periodi. Una caratteristica generale comune a tutti i villaggi macedoni è la posizione perfettamente naturale, poiché sono scelti in modo molto intuitivo. Uno dei villaggi più vivaci della zona di Ohrid è Velmej, il villaggio con la migliore acqua naturale che si possa immaginare.

Diverse chiese e un unico punto d'incontro

La chiesa principale del paese "San Nicola", insieme al cimitero del villaggio, si trova nella parte centrale del paese, risale al 13 ° secolo, e l'aspetto architettonico attuale risale al XIX secolo. La chiesa ha un'iconostasi, con icone risalenti al XVI e XVII secolo, e un interessante trono vescovile scolpito. Secondo gli scritti del viaggiatore russo Viktor Grigorovich nel 1845, durante la conversione della chiesa, gli abitanti del villaggio costruirono un vecchio manoscritto e libri sulle pareti della chiesa per paura di essere distrutti dai fanatici.

La chiesa "St. Gorge" si trova nella parte nord-orientale del paese, su un alto pendio. Probabilmente è costruito nel XVII secolo, e rinnovato nel 1930.

La chiesa "S. Vergine Cellula" si trova all'ingresso del paese, sul lato sud-est. Si tratta di una piccola chiesa del 14 ° secolo. Anche le dimensioni di questa chiesa sono piccole, il valore che essa porta alla storia macedone dell'arte è grande. La maggior parte dei dipinti affrescati originali all'interno della chiesa sono salvati.

La fontana chiamata "Est" si trova nella parte occidentale del villaggio. Si tratta di un'imponente fontana chiamata "Istok", che ha un abbondante flusso d'acqua attraverso 18 dune. Qui si erge una lapide commemorativa per i combattenti caduti dal villaggio nella seconda guerra mondiale e dalla rivolta di Ilinden. Una delle principali cerimonie di nozze tradizionali "Portare l'acqua alla sposa" viene eseguita anche qui. Oggi c'è un sistema di approvvigionamento idrico costruito nel 1982, mentre l'"Oriente" ha ancora quella vecchia tradizione di raccogliere Velmejs persone qui.

I periodi migliori per visitare Velmej è durante la Pasqua e durante Ilinden (secondo di agosto). Ilinden è il giorno delle feste del villaggio e se vi trovate qui, sarete accolti a visitare molte case per il pranzo o la cena, e non esitate a fare, perché le persone da qui sono amici per tutta la vita.

Intorno al villaggio si trovano più di 20 siti archeologici. La gente di qui può raccontarvi centinaia di storie legate a diverse epoche dell'esistenza umana, e tutte queste storie in qualche modo sono dimostrate dai siti archeologici. Una terra magica che nasconde tonnellate di misteri!


Lo scrittore

Zlata Golaboska

Zlata Golaboska

Sono Zlata e sono un architetto che vive nei Balcani. Sono appassionato di città, di come le persone influenzano l'architettura e viceversa, e di come i luoghi cambiano le nostre vite.

Altre storie di viaggio