Ufficialmente primavera in Albania !

2 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Ogni anno, il 14 marzo, il popolo albanese festeggia Dita e Verës, tradotto come "Il giorno dell'estate", il più grande festival pagano del paese. Si intende celebrare la fine dell'inverno, la rinascita della natura, e un ringiovanimento dello spirito tra gli albanesi. Dita e Verës, è una delle più antiche tradizioni del paese e gli albanesi sono riusciti a conservarla e a custodirla anche se risale a tempi antichi. Dal 2004, questo giorno è diventato una festa nazionale dove le celebrazioni si svolgono in tutto il paese, ma soprattutto a Tirana, la capitale del paese.

Questa festa ha origine dal tempio della Fata della Montagna che sorge nei pressi della città di Elbasan. La Fata era la dea della caccia, delle foreste e della natura e sarebbe uscita dal suo tempio solo il 14 marzo, che ha segnato l'inizio dell'estate. Questa leggenda, da allora è passata di generazione in generazione, e il festival Summer Day è noto per il suo patrimonio culturale unico e tradizioni.

In questo giorno particolare, Tirana avrà una SALA di attività per tutte le età e come ogni anno, questa giornata sarà molto dinamica, piena di energia e memorabile. A differenza di altre solite giornate, il 14 marzo Tirana è molto affollata di persone provenienti da diverse città anche per festeggiare la fine di questo rigido inverno. I più felici e quelli che sanno divertirsi sono sicuramente i bambini e per questo motivo a Tirana si svolgeranno molte attività per loro. Ma è una buona occasione per i turisti anche per imparare e vedere se stessi come noi albanesi festeggiare e notare ciò che è importante per noi.

Ora, permettetemi di dirvi un po' due cose che sono molto caratteristiche per questo giorno. Ogni volta che dici a un albanese "Dita e Veres", le prime cose che vengono in mente sono Verore e Ballokume. Iniziamo con la prima ...

Il 1° marzo, la maggior parte degli albanesi e soprattutto dei giovani indossano questo tradizionale braccialetto chiamato Verore che deriva dalla parola estate ed è composto da due sottili corde intrecciate di solito rosso e bianco. Quando ero piccolo, mia madre lo faceva per me e lei mi diceva che "Ogni volta che vedi una rondine (un tipo di uccello chiamato in albanese dallendyshe), si dovrebbe appendere il braccialetto a un albero e gli uccelli lo prenderanno e costruire un nido con esso" . Lo faccio ancora, anche in questo giorno !

Ballokume è uno dei simboli di questo giorno. Le persone si danno il ballokume tradizionale, un biscotto di zucchero e farina di mais. Ogni famiglia ha la propria ricetta, che è considerata motivo di orgoglio, soprattutto per quanto riguarda l'Elbasan. È COSÌ DELIZIOSO!


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Elda Ndoja

Elda Ndoja

Sono Elda dall'Albania, mossa dal desiderio di conoscere meglio il mondo. Condivido storie sul mio paese e spero che le troviate interessanti come quando leggo di altri paesi.

Altre storie di viaggio