Pasaia - il villaggio che ha conquistato il cuore di Victor Hugo

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Foto: Adam L. Maloney (Il villaggio di Pasaia Donibane)

Ho incontrato Pasaia per la prima volta durante una lunga escursione da Hendaye in Francia a San Sebastián in Spagna. Al mio arrivo sono rimasto colpito da quanto fosse pittoresca, una comunità di pescatori basca con un porto tranquillo che si trova proprio sulla foce di un fiume che si apre solo leggermente verso il vasto Oceano Atlantico, che è sempre in vista. Quella notte dormii in una piccola chiesa - Ermita de Santa Ana - a mezza costa, che si rivolge a chi cammina per il Camino del Norte, e mi svegliai al suono di campane e onde lontane. Ma non sono stato il primo outsider a "scoprire" questa città nascosta, dovevo scoprire che una delle icone nazionali più venerate di Francia aveva visto tutto prima di me.

Foto: Adam L. Maloney (Pasaia Donibane e San Pedro a sinistra)

Chi era Victor Hugo e perché era a Pasaia?

Victor Hugo (1802-1885) fu poeta e romanziere, considerato uno dei più grandi scrittori francesi mai vissuti. In Francia è amato per la sua poesia. Nel resto del mondo, è forse più noto per i suoi romanzi come il gobbo di Notre-Dame, che naturalmente è stato poi trasformato in un film di fama mondiale Disney, e Les Miserables, che è meglio conosciuto per il suo adattamento teatrale. Venne a Pasaia nel 1843, dopo essersi imbattuto nella città durante un viaggio nella vicina San Sebastián. In quell'estate sarebbe rimasto qui per lavorare al suo libro diario di viaggio "Le Alpi e i Pirenei". Purtroppo, sua figlia è morta durante questo periodo e non è stata in grado di produrre il lavoro esatto che aveva voluto. Il libro fu tuttavia pubblicato postumo nel 1890, cinque anni dopo la sua morte.

Foto: Adam L. Maloney (Vista sull'Oceano Atlantico tra le colline da Pasaia al tramonto)

Ricerca di Victor Hugo

Sono arrivato nel tardo pomeriggio e mi sono permesso di passeggiare e prendere una birra. Pasaia è divisa in due piccoli paesi su entrambi i lati della Ría de Pasaia, il piccolo fiume che li separa. Le due città sono Donibane e San Pedro. Ho soggiornato sul lato Donibane, dove si trova la maggior parte delle bellezze architettoniche, in particolare la piazza Santiago, che è una piccola piazza sul fiume di quelle case di pescatori colorati che sono emblematici della costa basca. Molto vicino a questa piazza, dopo aver superato stradine acciottolate di case in pietra, archi centenari e murales dell'indipendenza basca, ho trovato la bella casa sul lungomare del XVII secolo che Victor Hugo aveva fatto la sua casa per un'estate. La casa di tre piani è ad ingresso libero e ospita una mostra permanente dal titolo "Victor Hugo, Viaje a la Memoria". Si tratta di un piccolo e modesto museo e di un santuario per lo scrittore che vi soggiornò una volta.

Foto: Adam L. Maloney (Un murale dell'indipendenza basca accanto alla casa di Victor Hugo)

Donibane a San Pedro

Il giorno dopo ho lasciato Donibane saltando su una piccola barca e vengo portato attraverso l'acqua fino a San Pedro. Il viaggio è durato circa due minuti e non è costato quasi nulla. Da questo lato della Ría de Pasaia, mi sono diretto verso le Puntas de Pasaia San Pedro, un posto tranquillo con un piccolo faro dove il fiume inizia a diventare l'Oceano, e ha camminato lungo il ripido sentiero escursionistico per catturare alcuni panorami indimenticabili.

Foto: Adam L. Maloney (Vista dalla collina di San Pedro che domina le montagne, la Ría da Pasaia e l'Oceano Atlantico)

"Essere come un uccello appollaiato su un ramo fragile che si sente piegato sotto di lei, ancora canta via lo stesso, sapendo che ha le ali". - Victor Hugo (1802-1885)


Lo scrittore

Adam L. Maloney

Adam L. Maloney

Adam è un londinese che ha viaggiato in oltre 20 paesi europei e ha vissuto per diversi anni sia in Portogallo che in Spagna. Adam ama esplorare quartieri intriganti e incontrare la gente del posto.

Altre storie di viaggio