Rendendo omaggio a Ferenc Puskás, l'ungherese di fama mondiale

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Ungheria, il paese natale di Ferenc Puskás

La gente potrebbe anche non avere bisogno di calcio per sapere chi Ferenc Puskás, il leggendario membro della squadra d'oro e l'ex giocatore di classe mondiale del Real Madrid è. Anche se la persona non è nemmeno ungherese. L'articolo seguente, tuttavia, si concentra sui turisti che amano il calcio, e si prepara ad andare in Ungheria, o già essere qui vorrebbe rendere omaggio a Puskás, alias Pancho o zio Öcsi, come lo chiamiamo nel suo paese natale.

Nelle righe che seguono, vorrei mostrarvi che in quali forme l'Ungheria commemora l'eredità del leggendario calciatore, scomparso nel 2006, e che tipo di luoghi suggerisco a coloro che sono interessati a visitare.

Hungary
Hungary
Magyarország

Basilica di Santo Stefano

Ferenc Puskás riposa nella chiesa cattolica romana si trova nel centro di Budapest, la Basilica di Santo Stefano, che è l'edificio più importante ecclestiastico in Ungheria. Oltre a Puskás, Gyula Grosics, Sándor Kocsis e Jenő Buzánszky del leggendario Golden Team (la squadra ungherese di maggior successo) hanno ricevuto il riposo finale qui, in questo luogo di pellegrinaggio internazionale. La basilica è stata anche la sede dei funerali di Puskás, la cui cerimonia si è svolta il 7 dicembre 2006. Al suo mondo funebre sono apparse stelle e celebrità, come la delegazione del Real Madrid con gli ex compagni di squadra, come Gento, Santamaría, ma i suoi ex giocatori Panathinaikos anche venuto a piangere. Ramón Calderón, all'epoca presidente di Real, ha pronunciato il suo discorso e durante la messa funebre erano presenti persone come Franz Beckenbauer, Michel Platini e Sir Bobby Charlton. A nome della nazione, il Presidente della Repubblica, László Sólyom, ha salutato il modello di ruolo di milioni di persone, mentre durante le loro valessioni, Juan Antonio Samaranch, presidente del Comitato Olimpico Internazionale e Joseph Blatter, il primo uomo della FIFA ha elogiato Puskás. Decine di migliaia di persone si sono riunite al funerale e hanno assistito alla cerimonia in televisione, mentre la televisione nazionale ungherese ha trasmesso in diretta la sepoltura.

St. Stephen's Basilica
St. Stephen's Basilica
Budapest, Szent István tér 1., 1051 Hongrie

Accademia di calcio di Ferenc Puskás

Uno dei più grandi centri accademici di calcio d'Europa è stato inaugurato a Felcsút in occasione dell'80° compleanno di Ferenc Puskás. Il complesso accademico, situato a 40 chilometri da Budapest, ha assunto il nome più famoso ungherese il 1 ° aprile 2007, con il permesso ancora esistente e il sostegno della famiglia Puskás. Il fondatore, Viktor Orbán, primo ministro ungherese, che viene da Felcsút, ha sottolineato in occasione dell'inaugurazione: l'Accademia Puskás principalmente allevare ed educare persone vere, proprio come Puskás è stato, che, inoltre, giocare a calcio eccellente.

Felcsút
Felcsút
Felcsút, 8086 Magyarország

Puskás Ferenc utca (strada)

Affinché la strada prendesse il nome da Ferenc Puskás, dove gioca la sua ex squadra, Budapest Honvéd, è stato necessario che anche gli emendamenti fossero approvati dagli enti responsabili, per cui ora, accanto allo stadio menzionato - che tra l'altro porta il nome del miglior amico di Puskás e dell'altro membro della squadra d'oro, József Bozsik - la Ferenc Puskás Football Academy si trova anche in via Puskás Ferenc. Lo spazio pubblico è stato rinominato in occasione del 1 ° anniversario della morte di Puskás, anche se in precedenza poteva accadere solo dopo il quarto di secolo anniversario della morte della persona in questione il più presto possibile.

Ferenc Puskás Football Academy
Ferenc Puskás Football Academy
Felcsút, 8086 Magyarország

Puskás Pancho Sport Pub

I piatti ungheresi e spagnoli preferiti da Ferenc Puskás sono serviti dall'esclusivo bar sportivo del ristorante Symbol, dove troverete fotografie e souvenir contemporanei. Il Puskás Pancho Sport Pub dà il benvenuto ai suoi ospiti in una zona molto rinomata di Budapest, in un edificio che sorgeva già alla fine del 1700. Il pub è stato progettato e arredato con i più alti standard per essere degno del miglior calciatore ungherese di tutti i tempi. Le immagini e i souvenir dello zio Öcsi, i suoi piatti preferiti ungheresi e spagnoli, così come il pavimento in vera pelle bovina unico nel suo genere, danno l'atmosfera originale e contemporanea del pub. Alcuni degli ingredienti del cibo sono acquistati nei negozi preferiti di Puskás dallo chef, e molte ricette sono fatte sulla base dei consigli della moglie di Ferenc Puskás. Zuppe gourmet, veri quesadillas spagnoli, pane originale ricoperto (pane con uovo) e cavoli "cvekedli" - tutti sono i favoriti di Puskás.

Symbol Budapest
Symbol Budapest
Budapest, Magyarország
Budapest
Budapest
Budapest, Magyarország

Oltre a quanto sopra, anche una scuola elementare è stata intitolata a Puskás a Budapest, e lo stadio nazionale, attualmente in costruzione, sarà anche chiamato come stadio Puskás Ferenc. Proprio come il suo predecessore, che per decenni ha ospitato la nazionale ungherese e altri eventi sportivi. La costruzione terminerà entro la fine del 2019, come previsto, e anche un museo di Puskás sarà costruito in esso. Nell'elenco che segue, cito brevemente gli indirizzi di altri monumenti commemorativi, in quanto sono state rivelate statue e targhette anche per la più famosa memoria ungherese:

Bécsi út 57, Budapest H-1036 (gruppo di statue)

Kánai út 2/D, Budapest H-1112 (targa commemorativa, Associazione calcistica ungherese)

Puskás Ferenc tér, Zalaszabar H-8743 (statua)

Berzsenyi u. 8., Budapest H-1191 (Scuola elementare Puskás Ferenc)

Istvánmezei út 3-5, Budapest H-1146 (Stadio Puskás Ferenc, in costruzione)


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Vivi Bencze

Vivi Bencze

Ciao, mi chiamo Vivi e vengo dall'Ungheria, sempre entusiasta di esplorare quanti più posti possibile. Vivo a Budapest e la mia motivazione è farti esplorare l'Ungheria come la vedo io il mio paese.

Altre storie di viaggio