© iStock / FerreiraSilva
© iStock / FerreiraSilva

Pernambuco, un ribelle consapevole nella lotta contro COVID-19

4 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Pernambuco è uno stato del nord-est del Brasile, con una fama ribelle nella storia del Paese. In passato è stato teatro di diversi conflitti, battaglie e persino di movimenti separatisti. Questa volta Pernambuco, insieme al resto del mondo, combatte contro questo nuovo e devastante nemico comune, COVID-19.

© Luiz Melo
© Luiz Melo

Seguendo le indicazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, che raccomanda l'allontanamento sociale come il modo migliore per prevenire il contagio, il governo dello Stato ha emanato un decreto che autorizza questa decisione. Camminando nel centro di Recife, la capitale dello Stato, si incontra uno strano paesaggio: strade vuote senza alcuna attività commerciale, scuole e università chiuse.

Marco Zero, Recife
Marco Zero, Recife
Praça Barão do Rio Branco - Recife, PE, 50020-360, Brasil

Ad essere onesti, vedere Recife così ci ricorda una grande canzone brasiliana iconica chiamata "O dia em que a terra parou" (o giù di lì, The day the earth stood still), composta e cantata da Raul Seixas.

È stato così, il giorno in cui tutti sul pianeta hanno deciso che nessuno sarebbe uscito di casa. Come se fosse stato combinato, in tutto il pianeta, quel giorno, in tutto il pianeta, nessuno se ne andava da casa, nessuno.

Il governo interviene

A causa della diffusione del coronavirus in Brasile durante il mese di marzo, ciascuno dei 26 stati brasiliani si è preparato a prendere le proprie decisioni su come combattere il virus. Guardando più attentamente al problema, lo Stato di Pernambuco ha iniziato il 22 marzo con il blocco delle attività che non sono considerate essenziali. Questo tipo di decisione è molto complicato da far rispettare ai brasiliani, considerando la mentalità libera che caratterizza la popolazione. Nonostante alcuni gruppi sociali e politici si rifiutino di prendere provvedimenti, si può davvero vedere la differenza nelle città.

© Tarciso Augusto
© Tarciso Augusto

Le misure

A Recife, ad esempio, 11 parchi municipali e la spiaggia di Boa Viagem saranno chiusi durante il fine settimana, per rafforzare l'isolamento. Per evitare che la popolazione eluda la norma, la Guardia Municipale e il Controllo Urbano ispezioneranno questi spazi, insieme all'applicazione del divieto di attività commerciale su tutta la costa.

© Tarciso Augusto
© Tarciso Augusto
Praia de Boa Viagem
Praia de Boa Viagem
Praia de Boa Viagem, Pernambuco, Brasil

Il virus diventa reale

Parlando con i cittadini, è chiaro che l'idea iniziale di tutti che il coronavirus fosse una malattia che colpisce solo paesi lontani sta ora cambiando. La gente si sta rendendo conto, quasi un mese dopo il blocco imposto dal governo, che questo virus è reale. La paura di scendere in strada comincia a crescere. La paura è alimentata dal numero crescente di infetti e le strade sono sempre più vuote.

Le misure imposte per l'isolamento sociale e l'allontanamento sembrano funzionare solo nei centri più grandi, come il centro città, alcuni quartieri della Zona Nord della città, e a Boa Viagem: la località con la più alta densità di popolazione dello stato. Tuttavia, l'impressione che abbiamo finora è che la gente delle periferie non stia prendendo il problema sul serio, e questo si può vedere semplicemente facendo una passeggiata in questi luoghi. Spesso è possibile vedere persone che camminano normalmente per strada e che si riuniscono con gli amici. Anche le partite di calcio amatoriale si svolgono ancora in queste comunità.

© iStock / cacio murilo de vasconcelos
© iStock / cacio murilo de vasconcelos

Come risultato di questo comportamento, contro la raccomandazione del governo, il numero delle persone infette in queste comunità sta aumentando rapidamente. Il problema potrebbe essere ancora più grande, considerando che già a metà aprile la capacità di terapia intensiva dello Stato era già occupata per oltre il 90%.

Potete anche aiutare

In tutto lo Stato di Pernambuco, si possono trovare organizzazioni di beneficenza che fanno del loro meglio per combattere questa minaccia, raccogliendo cibo e provviste per aiutare le persone più bisognose. Per loro il problema è ancora più grande, considerando il fatto che hanno bisogno di lavorare per avere i soldi per comprare cibo. Anche se il governo brasiliano sta aiutando le persone più colpite con un sussidio mensile, è sicuramente necessaria una maggiore azione. Pensando a questo, si stanno formando gruppi di volontari per unirsi a questa benefica rete di contatti e aiutare con le donazioni.

Associazioni di volontariato

Il Banco de Alimentos do Sesc raccoglie donazioni per ridurre l'impatto della pandemia di coronavirus. La campagna mira a raccogliere risorse, cesti di cibo di base, alimenti non deperibili, articoli per l'igiene personale e prodotti per la pulizia per servire 150.000 persone a rischio sociale. Sono assistiti da 400 istituzioni a Pernambuco.

https://www.sescpe.org.br/2020/04/06/banco-alimentos-coronavirus/

Samaritanos Recife è un gruppo di volontari a Recife che distribuiscono cibo, vestiti e ospitano i senzatetto.

http:// https://www.instagram.com/samaritanos.recife/

Rede Igaraçuara de Cuidados: C'è anche una campagna di raccolta fondi online per fornire sostegno immediato a 200 famiglie della città di Igarassu, parte della Regione Metropolitana di Recife.

https://www.vakinha.com.br/vaquinha/rede-igaracuara-de-cuidado

La ONG JUNTOS sta aiutando gli ospedali pubblici fornendo loro materiale per proteggere i dipendenti al fine di combattere il virus. Hanno già donato 16.000 berretti medici e 320 N-95 agli ospedali di Recife.

https://www.instagram.com/ongjuntos/

TETO: Questa ONG ha sempre lavorato con le comunità e le baraccopoli più vulnerabili, puntando sempre allo sviluppo sociale. Ma a causa del coronavirus, è stata creata una campagna di emergenza per aiutare le famiglie che vivono in periferia - soprattutto perché molti non possono lavorare, e in questo momento non hanno alcuna fonte di reddito. Si tratta di una campagna di raccolta fondi che mira a portare rifornimenti di base, acqua e articoli per la pulizia a circa un migliaio di famiglie in Brasile.

https://www.techo.org/brasil/

Governo di Pernambuco: Il Governo di Pernambuco ha anche creato una piattaforma per raccogliere fondi, cibo e attrezzature ospedaliere da distribuire in tutto lo Stato. L'idea del governo è di identificare i punti più vulnerabili dello stato e cercare di aiutare chi ne ha bisogno.

https://www.pecontracoronavirus.pe.gov.br/
© Tarciso Augusto
© Tarciso Augusto

Questi sono solo alcuni esempi, ma sono sicuro che potete trovare altri modi per aiutare online. Che sia a Recife, o in qualsiasi altra città del Brasile o del vostro Paese, l'importante è aiutare chi ne ha bisogno.

Quindi il messaggio non potrebbe essere più chiaro: Rimanete a casa se potete e aiutate chi non può rimanere. Rimanete al sicuro e buona fortuna ovunque voi siate!


Lo scrittore

Fabio Jardelino

Fabio Jardelino

Sono nato in una grande città del Brasile, chiamata Recife, ma mi sono reso conto che non era abbastanza grande per me. Ho vissuto in Brasile, poi all'estero e attualmente sono in Europa, ma sempre quando ne ho la possibilità, torno in Brasile per godermi il mio meraviglioso paese. Inoltre, voglio darvi un po' di questa esperienza brasiliana, attraverso i miei articoli e le mie foto.

Altre storie di viaggio