© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113
© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113

Proteggere i marinai: Moschea sotterranea Sultan-Epe a Mangystau

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Il Kazakistan occidentale è giustamente considerato la patria dei luoghi santi. Uno dei luoghi religiosi popolari da visitare è il protettore dei marinai della regione del Mangystau: la moschea sotterranea del Sultan-Epe. Questa moschea si trova a soli 57 chilometri dalla città di Fort-Shevchenko. Visitando questo luogo, troverete un modo di Mangyshlak Bay, e la vista sul mare si trova a soli 4 chilometri dal santuario di Sultan-Epe.

Il protettore dei marinai

Sultan-Epe era figlio di Hakim-Ata ("ata" in kazako significa "nonno"), che era uno degli studenti del famoso poeta e insegnante sufi che predicava l'Islam - Kozha Ahmet Yasavi. Sultan-Epe ha aiutato e salvato tutti coloro che si sono messi nei guai nelle acque, e quindi, è considerato il santo patrono dei marinai, del mare e delle vittime dell'acqua. La gente viene alla moschea sotterranea Sultan-Epe per chiedere aiuto nella guarigione e chiedere il patrocinio nei lunghi viaggi. Ogni volta che si parla di acqua o di un viaggio al mare, gli abitanti del luogo usano la frase "Sultan-Epe save and help", che è diventata una frase comune.

© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113
© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113

La leggenda del terzo figlio

Una volta, Hakim-Ata chiamò i suoi figli e chiese loro di fargli visita. I due figli sono riusciti a comparire sulla chiamata del padre in tempo, e il terzo figlio, Sultan-Epe, era in ritardo. Ha spiegato il suo ritardo con il fatto che ha aiutato i marinai in difficoltà a tirare fuori la nave dall'assalto. Come prova della sua storia, Sultan-Epe ha mostrato le sue spalle al padre, sul quale c'erano tracce della corda di aver tirato fuori il vascello. Suo padre ancora non gli credeva, dopo di che Sultan-Epe lasciò il suo posto e costruì una moschea sotterranea nella zona desertica.

© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113
© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113

Moschea sotterranea

La moschea sotterranea si trova in una piccola area circondata da una recinzione. Come attrazione locale e antica, è sotto la protezione dello stato. Sul territorio della moschea c'è un pozzo, la cui acqua si ritiene abbia le proprietà curative. La stessa moschea sotterranea sembra una piccola collina di mattoni alta come un uomo. A prima vista, è difficile credere che in questa moschea ci siano 9 camere e corridoi. Per iniziare l'esplorazione, è necessario entrare dalla piccola porta e scendere le ripide scale. Passando i corridoi, si può andare a tutta altezza, ma in alcuni corridoi di transizione, si deve andare a quattro zampe, dal momento che l'altezza non vi permetterà di alzarvi in piedi. Quanto e' eccitante e insolito?

© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113
© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113

Dal cielo alla terra

Quando si entra nel territorio della moschea sotterranea Sultan-Epe, si notano gli alti bastoni che spuntano dal terreno e le corna di argali, le pecore di montagna, sotto di loro. I bastoni sono legati con stracci di panno di diverse dimensioni. Ti stai chiedendo perché? A quei tempi si credeva che i bastoni aiutassero i santi a scendere dal cielo alla terra e ad aiutare i bisognosi. I parrocchiani lasciarono le corna degli argali come sacrificio e invito ai santi a scendere. La gente lega stracci e tessuti in modo da assorbire la sacralità di questo luogo durante la loro visita alla moschea sotterranea. In seguito, i defunti prendono gli stracci che sono saturi della benedizione dei santi e li portano con sé come amuleto.

© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113
© Photo by Ilia Afanasieff, the best landscape photographer of Qazaqstan (QazPhoto 2016 and 2018), @Ilia_Almaty_Photographer +77017668113

Ci sono molti luoghi santi nel mondo, ma l'unicità di questa moschea è che si trova sottoterra. Voglio dire, quante altre moschee sotterranee del mondo conosci? Oltre agli scopi spirituali, anche i visitatori non credenti possono godersi la visita di questi luoghi unici. La regione del Mangystau nasconde un altro luogo sacro sotterraneo, la moschea Beket-Ata. Se vi capita di visitare la città di Fort-Schevchenko, assicuratevi di visitare la moschea Sultan-Epe e conoscere la sua storia e le leggende sulla protezione dei marinai.


Lo scrittore

Nazerke Makhanova

Nazerke Makhanova

Ciao, sono Nazerke dal Kazakistan. Ho viaggiato in 15 paesi, ho vissuto in Malesia e in Spagna, attualmente mi trovo nella mia città natale, Nur-Sultan, e mi piacerebbe accompagnarvi in un viaggio avventuroso attraverso il Kazakistan. Siete pronti? Andiamo!

Altre storie di viaggio