Rakia: Cinque cose che dovreste sapere prima di bere

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Rakia, avete un forte mal di testa? Se non volete avere una pesante sbornia da smaltire, dovete conoscere diverse regole su come si consuma la Rakia. Consultate queste Linee guida per godere di un’ottima esperienza al sapore di rakia e attenetevi ai prossimi cinque punti.

Rakia è un brandy a base di frutta, molto popolare nel centro e nel sud-est Europa. La gradazione alcolica della rakia è normalmente del 40% di ABV, ma la rakia prodotta in casa può essere molto più forte (tipicamente tra il 50% e l'80%, arrivando fino al 90% a volte).

1. Scegliere una buona rakia

Questa potrebbe essere la regola più importante. La rakia di alta qualità non vi lascerà mai con i terribili postumi da sbornia. Ecco come i bevitori esperti descriverebbero una buona rakia: "Questa rakia è davvero buona. Ieri sera ne ho bevuto mezzo litro e la mattina dopo non avevo nemmeno un leggero mal di testa"! Più è naturale, meglio è. Potete trovare una rakia fatta in casa in quasi tutte le abitazioni dei Balcani, e anche nei mercati all’aperto. A Belgrado, ogni ristorante serve una buona rakia, e questo è forse un requisito basilare per poter gestire un ristorante a Belgrado. Assicurarsi di produrre un brandy di alta qualità come la rakia è l’elemento che accomuna molti paesi dei Balcani.

2. Bere lentamente

A volte è servita in un piccolo bicchiere di vetro, ma non si beve come un qualsiasi altro shot. Nei Balcani la rakia bisognerebbe berla mentre si parla con gli amici, senza fretta. È un liquore forte, prendetevi il vostro tempo per gustarla.

3. Mangiare prima o durante il consumo della rakia

Se si decide di provare la rakia in un ristorante, fatelo mentre mangiate un'insalata o un "meze" (tapas slave) come antipasto. Si può continuare a berla durante i pasti, certamente io lo faccio, ma non è l’usanza più comune. Se la vostra scelta è quella di bere rakia al bar, assicuratevi di non farlo da affamati. Questo consiglio è applicabile al consumo di ogni bevanda alcolica. Se sei affamato rakia potrà farti dimenticare alcuni momenti della serata.

4. Escogitare un piano intelligente

A Belgrado, troverete talmente tanti tipi diversi di rakia che avrete la sensazione che la vita sia troppo breve per provare tutti i diversi tipi di questo liquore. Avere un piano intelligente, potrà aiutarvi a provarne vari tipi e a ricordarvi tutto. Non è una brutta idea bere rakia al mattino. Molti considerano questo come un rituale per la longevità. Mia nonna lo faceva ogni mattina. È possibile iniziare la giornata con rakia al miele, e dopo è possibile creare e seguire una lista personalizzata: rakia alla ciliegia, rakia alla mela cotogna, rakia all’albicocca, rakia alla prugna, rakia alla pera, rakia all’uva, rakia al lampone.... Basta assicurarsi di lasciare passare abbastanza tempo tra una e l’altra in modo da poterne gustare distintamente i sapori, sorprendendovi ogni volta.

5. Intonare un canto

Se vi trovate a Skadarlija, il quartiere bohémien di Belgrado, dopo la terza o la quarta rakia vedrete che tutto qui è organizzato in modo da poter fare un’esperienza a 360 gradi sulla rakia. Se avrete voglia di iniziare a cantare, sappiate che ci sarà sempre un musicista pronto ad accompagnarvi con la sua musica, anche mentre camminate per strada. NON INDOSSATE TACCHI ALTI. Skadarlija è su una strada pavimentata con piccole pietre. Camminare qui è già impegnativo senza aver bevuto rakia e senza indossare tacchi alti, figuratevi con un po’ di rakia in corpo!

Con questo testo, non voglio incoraggiare al consumo di alcol, ma voglio condividere piccoli consigli su come non fare una brutta esperienza bevendo rakia. Belgrado è un luogo dove la rakia è celebrata in alcune feste. Abbiamo il “rakia days” e ci sono anche pub dedicati alla rakia. Da non perdere il Rakia bar! Qui potrete trovare rakia di alta qualità e persone disposte a condividere con voi le loro conoscenze su questo liquore.


Città interessanti legate a questa storia


Lo scrittore

Zlata Golaboska

Zlata Golaboska

Sono Zlata e sono un architetto che vive nei Balcani. Sono appassionato di città, di come le persone influenzano l'architettura e viceversa, e di come i luoghi cambiano le nostre vite.

Altre storie di viaggio