© Mark Levitin
© Mark Levitin

Sale della terra a Hoi Khoi, Nha Trang

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

A soli 30 km dalla località turistica di Nha Trang, troppo turistica, e proprio accanto alla spiaggia di Doc Let, anch'essa un'attrazione molto popolare, si trovano i campi di produzione del sale di Hon Khoi. L'industria della produzione del sale naturale è un'attività artigianale tradizionale che è ancora fiorente, la modernizzazione influenza gli strumenti e in qualche misura - il metodo, ma non l'essenza, o le richieste del mercato. Le grandi fabbriche hanno rilevato la parte centrale dell'Hon Khoi, ma anche loro impiegano lavoratori locali per la raccolta manuale del sale dagli stagni di evaporazione della terra. Tutt'intorno, i campi più piccoli sono utilizzati dalle cooperative locali, e lì il lavoro viene svolto come secoli fa - dalle donne del posto, utilizzando cestini sospesi a pali per le spalle. Eppure, gli stagni di sale stagnanti riflettono le colline circostanti come specchi perfetti, i cristalli bianchi del prodotto pronto brillano sotto il sole nascente, creando il soggetto di quegli scatti famosi, quel cliché fotografico del Vietnam. Forse di limitato interesse per i vacanzieri, una visita ai campi di sale di Hon Khoi è un must per un fotografo di viaggio.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Lavoro duro

Come ogni lavoro manuale, la produzione del sale comporta un lavoro molto duro. Gli stagni di evaporazione sono scavati nel terreno morbido e rivestiti con fogli di plastica per evitare che assorbano l'acqua. L'acqua viene prelevata dal vicino liman, dove la salinità è più alta che nel mare. Ci vogliono dai 10 ai 15 giorni perché la maggior parte del liquido evapori, lasciando uno spesso strato di sale bianco cristallizzato sul fondo. I lavoratori che indossano stivali di gomma e guanti, per proteggerli dalla salamoia corrosiva, cominciano a rastrellare questo residuo con attrezzi di legno, simili a pale perpendicolari, formando file di tumuli bianchi lucenti. Questi vengono lasciati ad asciugare per un giorno circa, e poi inizia la raccolta: il sale viene spalato in ceste, tirato fuori dal laghetto, e ammucchiato per essere poi impacchettato e portato via dalla cooperativa. Un cesto carico pesa circa 10 kg, di più se il sale è ancora bagnato. I lavoratori ne prendono due alla volta e li trasportano su un'asta a tracolla. Una particolarità dell'Hon Khoi è che mentre il rastrellamento viene fatto per lo più da uomini, i collezionisti sono tutti donne di mezza età - a quanto pare, hanno preso questo mestiere quando i villaggi della zona si affidavano alla pesca per il sostentamento, e i loro mariti erano fuori in mare per giorni.

© Mark Levitin
© Mark Levitin

Visitare le saline

Anche se non sono intese come un'attrazione turistica, le saline di Hon Khoi attirano un flusso costante di viaggiatori, per lo più con un vivo interesse per la fotografia. Alcune agenzie di Nha Trang organizzano tour fotografici, ma è altrettanto facile visitare Hon Khoi in modo indipendente. L'autobus n. 3 va a Doc Let da Nha Trang e passa vicino ad alcuni campi. Tuttavia, la maggior parte della produzione manuale viene effettuata intorno all'alba per evitare il caldo di mezzogiorno. Questo rende più pratico il soggiorno a Doc Let, che ha un certo numero di semplici pensioni e un resort elegante, tutti raggiungibili a piedi dai campi. Una spiaggia molto bella e i tradizionali villaggi di pescatori saranno un ulteriore vantaggio. I lavoratori sono amichevoli e probabilmente vi permetteranno di socializzare con loro nei piccoli stagni semi-privati. Nei grandi campi industriali, le guardie potrebbero costringervi a rimanere sulle dighe di terra tra gli stagni, ma di solito sono quelle che offrono comunque il miglior punto di vista.

© Mark Levitin
© Mark Levitin
Hon Khoi salt fields, Nha Trang, Khanh Hoa
Hon Khoi salt fields, Nha Trang, Khanh Hoa
Hòn Khói, Ninh Hải, Ninh Hòa, Khánh Hòa, Vietnam

Lo scrittore

Mark Levitin

Mark Levitin

Sono Mark, un fotografo professionista di viaggi, un nomade digitale. Negli ultimi quattro anni sono stato in Indonesia; ogni anno trascorro circa sei mesi e l'altra metà dell'anno in viaggio verso l'Asia. Prima di allora, ho trascorso quattro anni in Thailandia, esplorando il paese da ogni punto di vista.

Altre storie di viaggio