Cover Picture © Credits to khvost
Cover Picture © Credits to khvost

bandiera georgiana vecchia di sette secoli

3 minuti di lettura

Questa storia di viaggio è tradotta con l'aiuto della tecnologia.

Questo testo è stato tradotto in Italiano dalla lingua originale English.

Come dicono gli storici, la bandiera ha un ruolo importante e uno scopo nella storia di una nazione. Riflette simbolicamente la dignità del paese. La bandiera georgiana è la più antica del mondo, dopo la bandiera della Danimarca. In questo articolo vi parlerò della nostra bandiera che risale a sette secoli fa.

Storia

La bandiera che abbiamo oggi proviene dal 13 ° secolo. Tuttavia, dopo tale periodo, la Georgia è stata divisa in diverse parti e ciascuna regione aveva la propria bandiera. Ecco perché la bandiera che ha cinque croci è stata dimenticata. Negli anni 1918-21, dopo che la Georgia è diventata indipendente, hanno aperto questo argomento sulla bandiera di nuovo. In quel periodo, il design della bandiera era diverso in quanto aveva un significato logico - descrivendo la vittoria del paese. Era una bandiera a tre colori: rosso scuro, bianco e nero. Il rosso scuro ha significato la storia della Georgia, il sangue che è stato versato nelle battaglie per la sopravvivenza. I colori bianco e nero erano i simboli che il paese era riunito. Tuttavia, la Georgia non ha potuto godere dell'indipendenza per molto tempo. Dopo diversi anni, a causa della creazione dell'Unione Sovietica, la bandiera è stata cambiata di nuovo. E 'stato riempito con i simboli dell'Unione Sovietica. Nel 1990, la Georgia è diventata di nuovo indipendente, e la bandiera a tre colori è stato restituito.

Foto © Crediti verso AlxBaev

Una bandiera con cinque croci

Dal 2003, dopo la "Rivoluzione delle rose", il governo ha deciso di cambiare nuovamente bandiera. Infine, tutti hanno convenuto che era giunto il momento di tornare alla nostra bandiera originale, la più antica. Il nostro Parlamento ha approvato la bandiera del XIII secolo senza alcuna modifica. Tuttavia, all'inizio, ci sono stati alcuni problemi. L'immagine di questa bandiera, che è stata trovata a Tbilisi, era in bianco e nero. Quindi non riuscivano a capire se si trattava di una bandiera della Georgia o meno. Per determinare questo, il rappresentante della Georgia si è recato a Parigi per controllare il Museo delle mappe nazionali. Ha esplorato due tipi di mappe che risalgono al 14 ° secolo. Su queste mappe, c'erano le fortezze con l'iscrizione di 'Tiflis' (Tbilisi) e la bandiera con cinque croci. Pertanto, questo lo ha reso sicuro che la bandiera in bianco e nero apparteneva veramente alla Georgia.

Foto © Crediti a Racide

Come vedete, sullo sfondo bianco sono raffigurate cinque croci. La croce più grande rappresenta simbolicamente Cristo, e quattro piccole croci sono gli angeli che portano la felicità. Il colore bianco mostra l'innocenza, la purezza e la saggezza, mentre il rosso rappresenta il coraggio, la giustizia e l'amore. Quando si arriva in Georgia, vorrei suggerirvi di visitare il Museo Storico di Ozurgeti, che si trova nella città di Ozurgeti. In questo museo, si possono vedere diverse mostre interessanti di strumenti di lavoro, armi e dipinti. Inoltre, vi è lo stemma nazionale e bandiere georgiane. Vedrete la bandiera georgiana dell'epoca sovietica, così come la vecchia bandiera georgiana e la bandiera con cinque croci che abbiamo oggi.

Ozurgeti History Museum
Ozurgeti History Museum
Ozurgeti, Georgia

Immagine © Crediti a MicroStockHub

I georgiani amano questa bandiera che rappresenta simbolicamente la storia del nostro paese. Festeggiamo il giorno dell'indipendenza della Georgia il 26 maggio. Quest'anno abbiamo festeggiato con orgoglio il centenario dell'indipendenza e molti leader di diversi paesi ci hanno sostenuto con l'esposizione della nostra bandiera risalente a sette secoli fa.

Video © Crediti per la geografia ora


Lo scrittore

Anano Chikhradze

Anano Chikhradze

Io sono Anano. Amo viaggiare, conoscere la storia e conoscere persone provenienti da tutto il mondo. Scrivo della Georgia, il mio paese, e sono sicuro che tutti se ne innamoreranno.

Altre storie di viaggio